Matteo Taddei
+4
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
47 min
Il vento ha fatto... qualche danno
Un albero caduto in centro a Lugano, ore di lavoro per i pompieri
FOTO
MORCOTE
1 ora
Scomparso nel lago mentre faceva il bagno
Ricerche in corso a Morcote. Un uomo è sparito nelle acque del Ceresio ieri sera
CANTONE
2 ore
«Prima calcolavamo solo i casi gravi, ora tutti»
Covid-19: numeri di nuovo in crescita. Ma pochi ospedalizzati. Perché? Il medico Christian Garzoni fa "chiarezza".
CANTONE
2 ore
Tutti in acqua in barba al Covid
Segnalazioni da Lugano, Bellinzona e Verzasca. I responsabili assicurano: «Nessun caso problematico. Monitoriamo sempre»
FOTO
CENTOVALLI
14 ore
Intragna, si scontra in curva con un camion
L'incidente è avvenuto attorno alle 18 di questo pomeriggio. Sul posto soccorsi e polizia
FOTO / VIDEO
MORBIO INFERIORE
14 ore
Il ramo si spezza e cade sulla strada
È accaduto questo pomeriggio in zona Balbio, a Morbio Inferiore
CANTONE
16 ore
«Non lasciamo soli gli allievi»
Il PS invita il DECS a prevedere doposcuola e corsi di recupero per gli allievi penalizzati dal lockdown
CANTONE
17 ore
Collettivo R-esistiamo: nei centri per migranti condizioni da «lager»
Il gruppo fa riferimento anche al caso di un ragazzo che si è gettato dal centro della Croce Rossa a Paradiso
CANTONE
18 ore
«Oltre 450 persone in isolamento in Ticino»
Il DSS fa il punto della situazione sull'evoluzione epidemiologica in Ticino del Covid-19
FOTO E VIDEO
TENERO-CONTRA
19 ore
Il cielo al posto della televisione
È stata presentata oggi l'innovativa struttura del Camping Tamaro Resort di Tenero.
LOSONE
20 ore
Scavando dietro i mucchi di una sabbia scomoda
Silo & Beton Melezza SA: i politici e (ex) funzionari cantonali che ruotano attorno alla famiglia Pinoja
LUGANO
25.01.2019 - 06:060

«Se uno nasce senza acqua, non per forza è un poveraccio»

Matteo Taddei, 24 anni, racconta la sua esperienza in Burundi. Il giovane ticinese è autore di un suggestivo libro fotografico: «Laggiù ci sono anche vita e dignità»

LUGANO – La sua rocambolesca avventura ai confini tra Ruanda e Burundi, a causa di un visto mancato, e pubblicata di recente su Tio/ 20 Minuti, aveva fatto discutere. Alcuni, sui blog, hanno pure attaccato brutalmente Matteo Taddei, 24enne luganese, neo laureato in comunicazione visiva alla Supsi. Senza conoscere il nobile scopo che lo ha spinto a entrare in Burundi in maniera poco usuale (pagando una guardia di confine). Matteo doveva realizzare il suo lavoro di diploma, sfociato poi in un libro, “In Burundi si vive” che sarà pubblicato nel corso del 2019, e i cui fondi andranno a sostenere l’associazione Amici Ticino per il Burundi.

Matteo, “non siamo mica in Burundi…” Quante volte sentiamo pronunciare questa frase…

È la dimostrazione che nei confronti di questo Stato africano ci sono tanti pregiudizi. Il mio scopo era proprio quello di andare laggiù e raccontare, attraverso i miei scatti fotografici, che la gente burundese, pur essendo povera, ha una dignità.

Per due settimane hai vissuto in un centro giovanile di Kamenge, quartiere a nord di Bujumbura.  

Un luogo nato nel 1993, in un periodo bellico, per mano di tre missionari. Lo scopo era, e resta, quello di riunire i giovani e di non lasciarli in mezzo alla strada. È qui che va a finire buona parte dei fondi inviati dall’associazione ticinese. Amici Ticino per il Burundi lo sostiene da undici anni.

Il tuo lavoro di diploma è diviso in quattro parti. La prima è composta da ritratti. Perché questa scelta?

Mi piaceva l’idea di mostrare come questi ragazzi avessero una propria personalità. Il secondo capitolo è invece dedicato ai campi di lavoro. I ragazzi costruiscono mattoni di fango.

A cosa servono?

In Burundi, durante le stagioni delle piogge, le case vengono praticamente distrutte. Si allaga tutto. E allora vengono ricostruite con questi mattoni, altrettanto fragili.

Proseguiamo…

Nel terzo capitolo ho puntato sulle attività ricreative del centro. Nel quarto sulle scene di vita del quartiere.  

Da una realtà benestante come quella svizzera alla povertà del Burundi. Sensazioni?

Volevo dimostrare che in Burundi non ci sono solo disgrazie e precarietà. C’è anche vita. Se guardate le mie foto, vi accorgerete che non ho mai mostrato volti sofferenti. Questa gente ha poco, ma sa essere felice. Dobbiamo smetterla di pensare che se uno nasce senza l’acqua in casa, è un poveraccio.

Qual è il giusto approccio che un volontario deve attuare dunque?  

Ci vuole umiltà nei confronti di queste persone. È giusto dare loro una mano perché la povertà è lampante. Io, ad esempio, sono arrivato sul posto con alcune borse di materiale sportivo e qualche fondo. Non dobbiamo, tuttavia, permetterci di rivoluzionare le loro abitudini.

Dove alloggiavi?

Avevo la mia stanza al centro giovanile. Non c’era la luce e per lavarmi usavo spesso i secchi d’acqua, la doccia funzionava solo a tratti. È stato tutto davvero interessante. In tanti erano affascinati dalla mia macchina fotografica, dal flash. Soprattutto i bambini. In quelle settimane ero l’unico bianco in circolazione. Vedevo che la gente mi guardava con curiosità. Ho vissuto sulla mia pelle cosa significhi essere un “diverso” in una terra che non conosci. È un’esperienza che mi ha fatto crescere.

Matteo Taddei
Guarda tutte le 8 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Thor61 1 anno fa su tio
Premesso che al di fuori delle capacità del giovane "Scrittore", chiamare "nobile" una persona che ha tratto o trarrà un guadagno dal suo operato (Tra l'altro corrompendo una guardia) non mi sembra poi così nobile, possono farli tutti coloro che si pagano un biglietto aereo e che vogliono andare in questi paesi di cui si parla come se fossero i "Poveracci" della terra, ma sono quasi certo che stanno meglio loro che noi sotto moltissimi punti di vista, per la dignità io da poveraccio non scrittore, pensavo fosse una esigenza di noi TUTTI. Per il resto non mi sembra che il suo "Libro" abbia chissà quali contenuti, speriamo qundi che possa fare di meglio e meno banale in futuro. Naturalmente questa è la mia opinione fattami leggendo questo articolo, poi se la persona sia meglio di quanto l'articolo faccia capire, buon per lui ;o))))
Micaela Scalabrini 1 anno fa su fb
I poveracci sono altri . E qui ce ne sono tanti .
Alessandro Crippa 1 anno fa su fb
Micaela Scalabrini bravissima
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-07 08:59:05 | 91.208.130.85