Deposit
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE / CONFINE
7 ore
Baby gang italo-ticinese: in otto davanti al giudice
I ragazzini sono accusati di persecuzioni e bullismo.
CANTONE
11 ore
Contro "mini-esodo", prime code al Gottardo
Al portale sud della galleria autostradale ci sono almeno alcuni chilometri di colonna.
LUGANO
13 ore
La nostra lingua s'impoverisce, per fortuna che esiste Dante
L'intramontabile grandezza di Dante Alighieri viene celebrata nel 700esimo dalla sua morte
BELLINZONA
14 ore
Una mozione per rafforzare il coinvolgimento dei quartieri
Il Gruppo Unità di Sinistra chiede d'istituire un bilancio partecipativo anche a Bellinzona
CONFINE
14 ore
Festa di compleanno nei boschi di Gaggiolo
Dieci persone sono state sanzionate per violazione delle norme anti-covid.
CANTONE
14 ore
Sette ricoveri e undici dimissioni negli ospedali ticinesi
Nelle ultime 24 ore i contagi notificati all'Ufficio del Medico cantonale sono stati 74. Zero i decessi.
CANTONE
16 ore
Un weekend... autunnale
Dopo il freddo di settimana scorsa e il caldo di quella precedente, ecco la pioggia.
CANTONE
1 gior
Reati finanziari: prosciolto un agente
L'ispettore di polizia era accusato di favoreggiamento, abuso di autorità e violazione del segreto d'ufficio
CANTONE
1 gior
Ecco dove potreste incappare in un radar
Tutti i controlli previsti in Ticino tra il 12 e il 18 aprile 2021
CANTONE
1 gior
Milena Folletti lascia la Rsi
La ex candidata alla direzione ha dato le dimissioni. «Nuove sfide professionali»
QUINTO
1 gior
A 140km/h anziché a 80: fermato un 40enne italiano
La Polizia cantonale l'ha poi nuovamente pizzicato a una velocità di 133 chilometri orari sul limite di 100.
CANTONE / SVIZZERA
1 gior
Meno clienti per le funivie svizzere, tranne in Ticino
Nel nostro cantone è andata meglio anche perché nella stagione comparativa 2018-19 c'era poca neve
FOTO E VIDEO
LUGANO
1 gior
A Lugano si sono risvegliati 75'000 tulipani
Sono i fiori della campagna “1 Tulipano per la VITA”, messaggio di speranza contro il tumore al seno
LUGANO
1 gior
Nasce tre giorni dopo: colpa del tampone "bugiardo"
Parto rimandato alla clinica Sant'Anna. Il calvario di due giovani neo-genitori
BELLINZONA
23.01.2019 - 08:490
Aggiornamento : 13:04

«C’è chi ha perso mezzo milione di franchi al casinò»

Tutte le dipendenze degli svizzeri sotto la lente di SafeZone, che compie 5 anni. La coordinatrice Lucia Galgano: «Anche in Ticino problemi con gioco d’azzardo, droghe e pornografia»

BELLINZONA – Droghe, gioco d’azzardo, internet e pornografia. Tutte le dipendenze degli svizzeri sotto la lente di SafeZone.ch, piattaforma voluta dall’Ufficio federale della salute pubblica che nel 2019 compie cinque anni. La lotta alle dipendenze in Svizzera è sempre più serrata. A Basilea nasce il primo reparto per curare le dipendenze senza sostanze. SafeZone, intanto, è di fronte a una crescita costante di richieste. «L’aumento oscilla tra il 10% e il 15% ogni anno – evidenzia la coordinatrice Lucia Galgano –. In media trattiamo circa cinque nuovi casi al giorno, weekend compreso».  

Circa il 25% della gente fuma, 250.000 persone hanno problemi di alcol. Senza contare il boom di internet e dei giochi online, che tiene centinaia di teenagers incollati agli schermi. Parliamo di cifre?
Il 14% dei casi che trattiamo riguarda le dipendenze senza sostanze. Tra queste, ai primi tre posti, troviamo il gioco patologico, la dipendenza dai videogiochi e la dipendenza dalla pornografia e dal sesso. Questo vale anche per il Ticino.

Quali sono le sostanze per cui si fa appello a SafeZone.ch?
Alcol, cannabis e cocaina. Un trend rispecchiato dai dati emersi dalle inchieste nazionali. Nella metà dei casi ci contattano i famigliari di chi ne fa uso. Ci chiedono cosa devono fare, come si devono comportare. A volte sono i diretti interessati a scriverci. Ci domandano se determinati sintomi sono gravi o meno. Alcuni manifestano comportamenti violenti, altri buchi di memoria. 

Torniamo alle altre dipendenze. Al gioco d’azzardo…
Diverse segnalazioni ci arrivano anche dalla Svizzera italiana. Alcune persone chiedono informazioni sulle modalità di diffida dai casinò. Spesso si tratta degli stessi giocatori. Di recente abbiamo trattato il caso di una persona che ha perso mezzo milione di franchi in una casa da gioco. Anche il gioco online è un problema.  

Il web ci sta trasformando. Anche per quanto riguarda le dipendenze?
Pensiamo alla pornografia. Oggi, con internet, è facilmente accessibile per chiunque. Ci sono tanti svizzeri che non riescono a smettere di guardare filmati e immagini porno. E per questo ci chiedono aiuto.

Ma in circostanze simili non subentra anche la vergogna?
È vero, c’è la paura di essere giudicati, soprattutto in realtà piuttosto piccole come quella ticinese. Il nostro, però, è un servizio anonimo, oltre che gratuito. Le nostre chat non richiedono dati personali. E questo permette di potersi confidare con un professionista su tematiche che possono essere particolarmente delicate. Tutto resta inoltre coperto dal segreto professionale.

Cinque anni di SafeZone.ch. Questo servizio, pagato sostanzialmente dai contribuenti di tutta la Svizzera, ha portato risultati concreti?
Sì. Il nostro è un team di esperti attivi in servizi specializzati nelle dipendenze di vari settori. In molti casi i nostri interlocutori trovano lo stesso accompagnamento possibile in un servizio ambulatoriale specializzato nelle dipendenze, che può durare nel tempo, fintanto che la persona lo desidera.

E se qualcuno volesse andare oltre?
Chiaramente, nei casi in cui le persone ci chiedono di potere vedere qualcuno, le indirizziamo ai servizi presenti sul territorio. Questo servizio online vuole infatti essere complementare a quanto già esiste e permettere di raggiungere quelle persone che, per diverse ragioni, non si recherebbero presso un servizio specializzato. A onor del vero, va anche detto che ci sono persone che, a un certo punto, interrompono la consulenza, senza più darci notizie.

Chi sono gli interlocutori che si rivolgono a voi?
Il 60% è di sesso femminile. Ci sono anche tanti ragazzi (circa il 18%) di età compresa tra i 19 e i 25 anni. La fascia più rappresentata, con un 30%, comunque, è quella delle persone tra i 26 e i 30 anni. Probabilmente si tratta di una fase della vita in cui si inizia a prendere coscienza della necessità di dovere chiedere aiuto.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Maxy70 2 anni fa su tio
Alcool e gioco d'azzardo sono sempre esistiti, partendo dalle bische della antica Roma fino ad oggi. Riguardo la pornografia, una volta si andava al vecchio cinema Super in Via al Forte a Lugano, rispettivamente si andavano a comperare i fumetti di Vampirella e Jacula (sic). Oggi si fanno le pugnette con davanti lo smartphone. Non saprei se la cosa é migliorata...
streciadalbüter 2 anni fa su tio
Neuropoli: e allora perché lo Stato combatte il consumo di droga e non interviene per impedire il gioco d`azzardo?
streciadalbüter 2 anni fa su tio
neuropoli: il detto vale anche per chi si droga?
neuropoli 2 anni fa su tio
@streciadalbüter claro, nessuno ti obbliga... sei tu a volerlo.
seo56 2 anni fa su tio
Basta che poi non pesino su contribuenti ... problema loro!
streciadalbüter 2 anni fa su tio
E c`é anche chi ha perso la vita facendo suicidio dopo aver perso tutto al tavolo da gioco.Agli Svizzeri,quando andavano a Campione, era permesso loro di giocare al massimo cinque franchi.Poi hanno liberalizzato tutto.
neuropoli 2 anni fa su tio
@streciadalbüter c'è un detto che cita: "chi è causa del suo mal pianga sé stesso"
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-04-11 00:44:14 | 91.208.130.87