tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
2 ore
La corsa al vaccino un po' rallentata: «Ci aspettavamo di più»
Al Centro cantonale di Giubiasco sono state somministrate le prime dosi alle persone sopra i 75 anni.
CANTONE
4 ore
Pedaggi italiani, ticinesi nel mirino: «Meglio pagare»
Diversi automobilisti ricevono solleciti da Autostrade per l'Italia. L'avvocato: «Fare i furbi non conviene»
CANTONE
6 ore
«Se le cifre crescono ancora dovremo preoccuparci»
L'infettivologo Christian Garzoni sulla crescita dei positivi in Ticino: «Un'oscillazione da tenere d'occhio».
CANTONE / URI
7 ore
Intercettato un furgone ticinese fuori norma
La scorsa settimana la polizia urana ha effettuato una serie di controlli
GIUBIASCO
8 ore
Sit-in per i lavoratori di DPD: «Condizioni insostenibili»
Esponenti del mondo politico esprimono solidarietà: «Occorre una soluzione».
CURIO
8 ore
Riapertura anticipata per il Museo del Malcantone
Porte aperte dal 7 marzo a Curio e Caslano anziché attendere la domenica delle Palme
CHIASSO
10 ore
Tenta di attraversare la frontiera con cinque chili di eroina in auto
La droga era nascosta nel veicolo, con targhe tedesche, in panetti da 500 grammi
CANTONE
11 ore
Il Ticino spinge BPS Suisse a un 2020 da record
Nonostante l'anno particolare, sono aumentati sia il risultato d'esercizio che l'utile
FOTO
BELLINZONA
11 ore
Con l'auto contro un palo
È successo nel primo pomeriggio di oggi lungo la tirata di Camorino
CANTONE
11 ore
Mendrisio, Riva San Vitale e Stabio insieme per il Laveggio
Il progetto di un parco del Laveggio è una misura prevista dal Programma di agglomerato di terza generazione.
FOTO E VIDEO
CHIASSO
13 ore
Rapina in un distributore di benzina a Pedrinate
Due malviventi con il casco e armati di pistola hanno minacciato una commessa e un cliente facendosi consegnare i soldi.
BOSCO GURIN
13 ore
I comuni “riaprono” le piste a Bosco Gurin
È arrivato ampio appoggio anche dai privati, che daranno sostegno contro le «diatribe con Comune e Patriziato»
GORDOLA
14 ore
Amianto al Burio, parte la segnalazione agli Enti locali
Bruno Storni ha segnalato «l'occultazione» del preventivo del 2019 e «l'omissione delle verifiche approfondite»
CANTONE
15 ore
Aumentano i positivi, 72 in 24 ore
Viene segnalata anche una nuova classe in quarantena presso il Liceo di Lugano 2.
CANTONE / BERNA
23.12.2018 - 11:580

Salari in euro ai frontalieri, il Tribunale Federale deciderà se sono legali

La decisione avrà un impatto anche in Ticino, dove il tema del pagamento degli stipendi in euro ha suscitato aspre discussioni

BERNA - Il Tribunale federale dovrà pronunciarsi in gennaio in merito alla legalità dei salari in euro pagati da numerose imprese ai loro dipendenti frontalieri. La decisione avrà un impatto anche in Ticino, dove il tema del pagamento degli stipendi in euro ha suscitato aspre discussioni.

L'Alta Corte dovrà esprimersi in merito al caso di una dipendente francese della filiale di Von Roll Infratec, con sede a Choindez, nel Giura, come riportano la Zentralschweiz am Sonntag e la Ostschweiz am Sonntag. La Infratec aveva deciso nel giugno del 2011 di versare i salari in euro ai suoi dipendenti residenti nell'Unione europea. Nel gennaio 2016 una collaboratrice francese aveva trascinato il datore di lavoro in tribunale, chiedendo il versamento di 19'400 franchi "persi" a causa della nuova regolamentazione.

In prima istanza il Tribunale del lavoro del Giura aveva condannato la fabbrica a pagare alla donna 18'881 franchi. Per i giudici giurassiani i salari in euro violano l'Accordo di libera circolazione delle persone fra Svizzera e Ue. Questa pratica è inoltre illegale in base al Contratto collettivo di lavoro. Von Roll aveva inoltrato ricorso contro la decisione presso il tribunale cantonale, senza però avere successo: l'azienda si è perciò rivolta al Tribunale federale, che dovrebbe pronunciarsi in merito il 15 gennaio.

La decisione coinvolge anche il Ticino - Anche in Ticino i tribunali si sono occupati del pagamento di salari in euro, ma non per verificarne la legalità: le controversie erano legate al tasso di cambio applicato da alcune imprese. In determinati casi infatti le aziende, oltre a retribuire i dipendenti frontalieri in euro, applicavano tassi di cambio non in linea con le quotazioni del mercato.

Il tema ha interessato anche la deputazione ticinese alla Camere federali. Nel 2012 durante una discussione in Consiglio Nazionale, i parlamentari ticinesi si sono ritrovati su fronti opposti in merito ad una mozione presentata da Marina Carobbio per vietare il pagamento di salari in euro, firmata anche da Lorenzo Quadri e Fabio Abate. Secondo l'articolo 323b del Codice delle obbligazioni il salario deve essere pagato in franchi svizzeri, ma le parti possono derogarvi mediante accordo.

La deputata socialista aveva sostenuto che queste deroghe costituiscono un rischio accresciuto di dumping poiché i lavoratori frontalieri potrebbero essere spinti ad accettare salari inferiori a quelli degli svizzeri, un parere peraltro condiviso anche dal consiglio di stato ticinese (risposta a un'interrogazione di Gianni Guidicelli del maggio 2011). Fulvio Pelli si era però opposto alla proposta a nome della maggioranza della commissione del Nazionale, sostenendo che i casi erano rari e che simili pratiche venivano adottate solo in periodo di crisi. La mozione fu bocciata. Stesso esito ha avuto una seconda mozione a questo scopo discussa nel 2017 dal Nazionale.

Nella sua risposta, il Consiglio federale aveva sottolineato che in base al diritto svizzero il rischio economico dell'impresa non può essere addossato al lavoratore e che un peggioramento delle condizioni salariali soltanto per i frontalieri è discriminatorio secondo l'accordo sulla libera circolazione delle persone. Aveva inoltre ricordato che il tribunale del cantone di Basilea-Campagna ha giudicato "licenziamenti di ritorsione" quelli dei lavoratori frontalieri che non accettano peggioramenti delle condizioni salariali. Il versamento dello stipendio in valuta estera, infine, non esenta dall'obbligo di rispettare i salari minimi previsti nei contratti collettivi di lavoro. Per il governo queste garanzie sono sufficienti e non è quindi necessario vietare i salari in valuta estera.

La forza del franco svizzero nel 2011 ha indotto molte aziende a ridurre i costui di personale pagando in euro i dipendenti stranieri. Lo stesso è avvenuto nel gennaio 2015, dopo l'abbandono del tasso di cambio minimi fra franco ed euro da parte della Banca Nazionale Svizzera: molte imprese hanno aumentando gli orari di lavoro, riducendo le vacanze e i salari e versando le retribuzioni dei frontalieri in euro.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Lucadue 2 anni fa su tio
Quanti americani che lavorano da noi per ditte americane vengono pagati in $? Su questo nessuno ha mai detto una cippa!
tirannosaurosex 2 anni fa su tio
Ma sì dai perché non ci pagano tutti in euro? Tanto siamo prossimi al fallimento del nostro paese! Poveri noi!
Danny50 2 anni fa su tio
Vai altrove e non paghi nella moneta locale. Solo nella confederella si può porre il problema perché siamo dei deboli pusillanimi.
LAMIA 2 anni fa su tio
gmogi ... Sicuramente tu sei un ticinese che come me nuota nella m....!
gmogi 2 anni fa su tio
Pagare stipendi non nella moneta del paese dove lavori per me è sicuramente fuorilegge!!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-03-04 01:18:43 | 91.208.130.86