TiPress
ULTIME NOTIZIE Ticino
LOCARNO
5 ore
Nevicate che sanno di beffa per Cardada
Vista la meteo di questi giorni, qualche rimpianto per la chiusura degli impianti c’è. «Ma un anno in più non avrebbe fatto la differenza», spiega il locale Sci Club
CONFINE
6 ore
Viaggio dell’orrore: tenta di stuprare una ragazza in treno
È accaduto lo scorso venerdì su un convoglio Trenord tra Chiasso e Milano
CANTONE / CONFINE
7 ore
Vendono un Rolex da quindicimila franchi, truffati due luganesi
Pensavano di incassare più di quanto gli fosse stato offerto da orologerie e gioiellerie, ma hanno guadagnato una manciata di soldi falsi
CANTONE
7 ore
Code in dogana per lavori in Italia
Gli automobilisti diretti a sud devono fare i conti con traffico congestionato al valico di Chiasso Brogeda
SONDAGGIO
CANTONE
7 ore
Acquisti online tabù: «I regali comprateli in Ticino»
L’appello della Federcommercio in vista del Natale. La presidente Lorenza Sommaruga: «Non vogliamo demonizzare nessuno. Però tanti piccoli negozi sono a rischio chiusura»
CAMPIONE D'ITALIA
9 ore
I campionesi non ci stanno e scrivono a Mattarella
Il Comitato civico ha indetto una conferenza stampa per chiedere, ancora una volta, di annullare o perlomeno sospendere l'ingresso dell'enclave nello spazio doganale dell'Unione europea
CANTONE / ITALIA
9 ore
Il sentiero di Leonardo Da Vinci passa dal Ticino
Il percorso è nato per celebrare la figura di Leonardo da Vinci nel 500° della sua scomparsa
CANTONE
10 ore
Vent’anni di prigione, e l’espulsione dalla Svizzera
È la pena esemplare proposta dalla Procura per il 56enne che, due anni fa, uccise la moglie all’autosilo di Ascona
CANTONE / CONFINE
10 ore
Ticinesi nei boschi per la droga, fermato l'ennesimo traffico
Un anno di pedinamenti, mezzi aerei e diverse auto per porre un freno allo spaccio in quel del Parco Pineta
CANTONE
11 ore
In aula va in scena il video dell'uccisione, e scoppia il dolore
Nella requisitoria, il Pp Moreno Capella ha ricostruito il «calvario» della donna uccisa all’autosilo di Ascona. Critiche dalla Procura alla polizia
CANTONE
12 ore
Ballottaggio per gli Stati: «La RSI non c’era»
La critica del Consiglio del pubblico della CORSI: «C'era voglia di informazione». Quindi le scuse: «Terremo conto delle osservazioni per migliorare»
CANTONE
12.12.2018 - 09:280

Caso Gianella: per il Ministero pubblico non c'è alcun reato

La nota a protocollo "spuntata" due giorni fa e trasmessa dal Governo alla Gestione mostra la decisione (del 26 maggio 1999) di adeguare il forfait a 6'000 franchi

BELLINZONA - Non è presente alcun reato di abuso di autorità. È questa la conclusione a cui è giunto il Procuratore generale Andrea Pagani in merito alla questione del rimborso forfettario percepito da Giampiero Gianella. Non vi sarà pertanto alcuna inchiesta penale.

L'ex cancelliere ha percepito un rimborso forfettario di 6'000 franchi - benché ne fossero previsti 5'000 - dal 1999 al 2011. Lo ha segnalato la Commissione parlamentare della Gestione (dopo la prima segnalazione del deputato MPS Matteo Pronzini) - che ha inoltrato il 4 dicembre una lettera anche al Ministero pubblico - e lo ha confermato con una nota il giorno seguente il Governo, aggiungendo che ai 1'000 franchi percepiti in più si aggiungono 2'303.95 franchi di rimborsi telefonici.

Se la nota a protocollo 28/99 del 17 maggio 1999 prevedeva infatti un rimborso di 5'000 franchi annui, il 20 maggio Gianella aveva scritto al capo dell'Ufficio stipendi indicando un importo di 6'000 franchi. Un'incongruenza che aveva portato, appunto, alla segnalazione ad Andrea Pagani del comportamento dell'ex cancelliere.

Due giorni fa il Consiglio di Stato ha però contattato nuovamente la Commissione, segnalando di avere trovato un'altra «nota promemoria» del 26 maggio 1999 in cui «durante la seduta governativa si era risolto di adeguare il forfait dell'ex cancelliere a 6'000 franchi annui».

Per questo motivo il Procuratore generale Andrea Pagani ha di conseguenza firmato un decreto di non luogo a procedere, riscontrando l'assenza di «un indebito profitto».

 

Commenti
 
ziopecora 11 mesi fa su tio
I politici scelgono i magistrati. I magistrati giudicano l'agire dei politici. Cioè di gli ha procurato un posto sicuro e ben pagato. Ottimo direi
F/A-18 11 mesi fa su tio
@ziopecora Il bello è che questi politici se ne escono con le solite frasi tipo : la separazione dei poteri tra la politica e la magistratura è una cosa certa. Puntualmente vengono smentiti e la gente mica è scema, speriamo in un miglioramento alle prossime votazioni. Niente voti ai paraculi.
ziopecora 11 mesi fa su tio
mi son sempre chiesto, a fronte di una totale assenza di qualsivoglia risultato concreto, a cosa servisse la Regio Insubrica, tanto caldeggiata dai saggi del CdS e dal suo cancelliere. Ora appare chiarissimo: oltre a divertirsi fra cene e incontri vari pagati da noi, lo scopo principale era insegnare ai nostri rappresentanti come adottare l'andazzo della vicina Repubblica. Direi che lo scopo è stato ampiamente raggiunto.
seo56 11 mesi fa su tio
.... quando mai!! Ecco perché hanno nominato PG l’ultimo che si è qualificato al “Test Assessment”....
VISIO 11 mesi fa su tio
Nell'amministrazione cantonale necessità una verifica di tutti gli impieghi e rispettivi salari, in particolare sui diversi processi di lavoro ed il numero di funzionari che fanno la medesima cosa eccc solo la punta dell'Iceberg.
siska 11 mesi fa su tio
..l'immacolata concezione per me ha solo un significato= l'equità é solo una mera parola tutto il resto non esiste per carità a me non cambia nulla, il mio pensiero invece resta e resterà sempre quello, integro e intanto mi faccio un bel po' di risate grasse......aha aha aha aha aha
pulp 11 mesi fa su tio
In pratica tanto can can per nulla. Un altro buco nell'acqua della combriccola Pronzini e associati.
F/A-18 11 mesi fa su tio
@pulp Scusami tanto ma se sei orbo non è colpa di Pronzini, comprati un bel paio di occhiali così eviti di difendere l'indifendibile. Sappiamo che in ticino tutto si insabbia, posso farti un lungo elenco, questo implica delle precise responsabilità che in certi ambiti vengono puntualmente insabbiate, basta ricordarti il caso asfaltopoli tanto per fare un'esempio.
Nmemo 11 mesi fa su tio
Quello lì era il garante della legalità delle decisioni del CdS. Da lì sono passate tutte le decisioni indifendibili, per un quarto di secolo. Le bagatelle amministrative non assumono rilevanza penale. In sintesi è la lettura del decreto NLP. Resta l’apprezzamento dei fatti, nel loro complesso, sotto il profilo di un’oggettiva valutazione politica. Limpidezza sotto il profilo giudiziale penale non è garanzia di un’immacolata amministrazione.
gluvi 11 mesi fa su tio
umma umma
rojo22 11 mesi fa su tio
Un PLRT che giudica un PLRT.... hahahaha.
lügan81 11 mesi fa su tio
Se chiedo al CdS di aumentarmi lo stipendio dite che lo faranno? Ormai li danno a cani e gatti...
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-20 03:47:26 | 91.208.130.86