ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
59 min
Carnevali tabù: tradizione a rischio?
Ancora una volta coriandoli e bagordi soppressi. Con quali conseguenze sociali? Come la stanno vivendo i volontari?
CANTONE
1 ora
«Nebiopoli non sottovaluta la situazione»
Il presidente Alessandro Gazzani informa che il comitato è in osservazione, ma non intende ancora gettare la spugna.
SAVOSA
1 ora
Auto contro furgone a Savosa
Un incidente si è verificato oggi poco prima di mezzogiorno lungo via Cantonale
CANTONE
1 ora
Il cantiere tra Airolo e Quinto va in pausa
Conclusi i lavori principali sul tratto dell'autostrada A2. Durante la stagione invernale sono previste attività minori
FOTO E VIDEO
MENDRISIO
2 ore
Il Magnifico Borgo si veste a festa
A Mendrisio gli eventi di Natale partono il prossimo sabato 4 dicembre
BELLINZONA
2 ore
Niente Rabadan nel 2022
Lo ha deciso ieri sera il Comitato, prendendo atto della «preoccupante evoluzione della situazione pandemica»
CANTONE
3 ore
Porte aperte al CISA
L'evento è pensato per presentare i vari percorsi formativi a potenziali futuri studenti.
VIDEO
CANTONE
3 ore
Una branco di lupi in Val Onsernone: è la prima volta
I canidi sono stati individuati tra l’alta Valle Onsernone/l’alta Valle di Vergeletto e il territorio italiano.
PARADISO
3 ore
Si apre la stagione invernale del San Salvatore
L'impianto di risalita riparte il prossimo sabato 4 dicembre
CANTONE / SVIZZERA
3 ore
Gli affitti non sono mai stati così cari
In Ticino le pigioni sono aumentate dello 0,2% su base mensile e dello 0,8% su base annua
CANTONE
3 ore
In Ticino 160 nuovi contagi e altre cinque classi in quarantena
Negli ospedali ticinesi si contano attualmente 64 pazienti Covid, di cui otto in cure intense
AGNO
07.12.2018 - 08:570

Inquinamento in due riali: morti 355 pesci

Identificate le origini della moria. Troppa gente continua a buttare prodotti chimici in griglie e tombini.

AGNO - Due inquinamenti in pochi giorni. 355 pesci morti, per un peso totale di 13 chili. L’allarme arriva dal Dipartimento del territorio, il quale - grazie all’intervento del Nucleo operativo incidenti (NOI) della Sezione protezione aria, acqua e suolo, ma anche grazie ai guardapesca di zona, alla Polizia cantonale e e ai  Pompieri di Lugano - ha potuto identificare le origini degli inquinamenti e attualmente sono in corso gli accertamenti per determinare le dinamiche e le relative responsabilità.

Il primo inquinamento ha riguardato la parte alta della roggia Prati Maggiori. Circa 350 metri di riale. È lì che c’è stata la moria di pesci: 355 gardon. Il secondo inquinamento ha avuto origine nel vecchio Vedeggio, senza che siano emersi da una prima analisi danni al patrimonio ittico.

 Nonostante le diverse attività di prevenzione promosse con gli enti locali e le associazioni di categoria interessate, bisogna riconoscere che «sono ancora troppo frequenti gli episodi d’inquinamento dei corsi d’acqua» fa notare con forte rammarico il Dipartimento del territorio. Le cause sono spesso legate a manipolazioni scorrette di prodotti chimici. Si ricorda agli utilizzatori di tali prodotti sono tenuti per legge a rispettare le disposizioni d’uso stabilite nelle schede dei dati di sicurezza, evitando tassativamente l’evacuazione non diversamente autorizzata di sostanze o prodotti pericolosi attraverso griglie, caditoie o tombini.

NOI
Per contrastare questo genere di inquinamenti, nel 2014 è stato creato un servizio specializzato che si chiama Nucleo operativo incidenti (NOI) del Dipartimento del territorio – disponibile 24 ore su 24 per fornire consulenza agli enti di primo intervento coinvolti in caso di evento che possa comportare una minaccia di tipo atomico (A), biologico (B) o chimico (C). Tra i compiti del NOI, figura anche la ricerca diretta delle cause di un inquinamento e il supporto tecnico al Ministero Pubblico. Pertanto, questo servizio opera anche nell’ottica di diminuire progressivamente il numero di casi d’inquinamento senza apparente spiegazione e che restano dunque difficilmente contrastabili e impuniti.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
siska 2 anni fa su tio
Brava Sara Managlia Gagliardi, mi piace come lei si é spiegata:)) ...e non difficile da attuare.
limortaccituoi 2 anni fa su tio
Aspettiamo una reazione dura e decisa dalla politica. Soprattutto da quella frangia politica che si è strappata la pelle di dosso quando una frontaliera ha osato parlare male del nostro cantone. Cos'è più grave per loro?
jena 2 anni fa su tio
i problemi sono sempre i soliti: 1) smaltire cosa piu' dell'eventuale multa 2) l'ignoranza (x non dire altro) 3) pene poco severe e non attuali. 4) e non dimentichiamo che purtroppo si possono sempre avvalere della "NEGLIGENZA" ....
siska 2 anni fa su tio
In parole semplici= qui, dei qualcuno, se ne fregano altamente dell'ambiente per loro 500/1000 pesci in meno o in più non fa differenza e ci buttano i loro prodotti pieni di veleno. Io credo che dietro a questi casi non c'è ingenuità ma persone che non si fanno nessuno scrupolo.
TI.CH 2 anni fa su tio
Penetraztion aus dem Badinerland? Ma sarebbe anche opportuno che venga rispiegato alla popolazione che l'acqua dei tombini non va nelle fognature ma è separata (acque chiare e acque luride), ben inteso dove l'impianto delle canalizzazioni le due siano sparate; cosa che non in tutti comuni è già stato fatto.
leonil 2 anni fa su tio
ho perso il conto che passando da li a piedi da uno dei tubi che entra nel riale si notano colori biancastri o schiume strane bell'acqua.... si meravigliano ancora? non per nulla in quel pezzo non ci stavano ne anatre ne pesci ??
mgmb 2 anni fa su tio
Speriamo che vengono presi e che gli diano una multa salatissima e non come a Noranco dove poco tempo fa responsabile era addirittura una ditta.
Equalizer 2 anni fa su tio
Eppure qui si vede la differente penetrazione della cultura italiota sul nostro territorio, perché c'è un'enorme differenza di casi fra sopra e sotto Ceneri.
driver1973 2 anni fa su tio
@Equalizer Si. Sono i frontalieri o comunque italiani che risiedono in ticino. Sicuramente sono loro.
centauro 2 anni fa su tio
@Equalizer Mi pare che casi del genere si verificano anche nel resto della CH.
sedelin 2 anni fa su tio
è inutile fare affidamento alla responsabilità di ignoranti e strafottenti: quei prodotti andrebbero vietati perché in mano a certa gente sono bombe! si sta allarmando il mondo intero per la velocità del cambiamento climatico, si fanno manifestazioni in proposito e intanto si vende VELENO!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-02 14:00:20 | 91.208.130.89