foto tio.ch/20min
Il palazzo di viale Majno, a Milano.
MILANO-LUGANO
09.11.2018 - 08:150
Aggiornamento 10:21

Il super-attico che ha messo nei guai Pkb

Nuovi dettagli sulle accuse di frode nei confronti della banca luganese. Sono 18 gli indagati, alcuni residenti in Ticino

MILANO/LUGANO - I custodi non aprono il cancello in rame scolpito, con la maniglia dorata. Al citofono rispondono di non avere «mai sentito nominare» la Pkb. Ma i guai della banca luganese sono iniziati proprio qui: un palazzo lussuoso di Porta Venezia a Milano, in uno dei super-attici da cui si vedono le Alpi da lontano.

I primi indizi - Era il 2011. Un cliente dell'istituto ticinese acquista l'appartamento (totale 3 milioni) pagando in nero parte del prezzo. I soldi – 900mila euro – passano da un conto all'altro a Lugano, all'insaputa del fisco italiano. Nel 2015 arriva la voluntary disclosure: bisticciano acquirente ed ex proprietario, partono querele. E la Procura italiana inizia a interessarsi alla discreta banca di via Balestra. 

«Nessun procedimento» in Ticino - I magistrati milanesi hanno annunciato mercoledì l'apertura di un'indagine. A Berna invece «non sono aperti procedimenti al momento» fa sapere il Ministero pubblico della confederazione: ma una rogatoria potrebbe arrivare in futuro. Diciotto persone sono finite sotto inchiesta, intanto, con l'accusa di frode fiscale e riciclaggio. Due di loro sarebbero degli intermediari esterni alla banca.

Incontri informali - Gli altri 16 indagati sono invece manager della Pkb. Hanno ufficio, centro d'interessi e – alcuni – residenza in Ticino. Ma si recavano «abitualmente» in Italia per raggiungere i clienti: al bar, al ristorante, a casa. Una «rete occulta» per trasferire soldi in nero da Milano al Ceresio, secondo gli inquirenti.  

«Una procedura aziendale» - Tanti soldi. Per ora 409 milioni sono emersi con le auto-denunce di 198 clienti, ma sono «solo una parte» secondo il procuratore milanese Elio Ramondini. «A questi vanno aggiunti i capitali dei correntisti che non hanno aderito alla voluntary disclosure. E stiamo valutando anche la posizione di altre banche, più grandi» avverte. Quello della Pkb non sarebbe un “modello” – precisa – ma «certamente una procedura aziendale consolidata, e molto rigorosa». I vertici ne erano al corrente? Lo diranno gli interrogatori. 

2 mesi fa PKB: spunta anche l'associazione per delinquere
2 mesi fa Banca luganese nel mirino della Finanza italiana
11 mesi fa Pkb, indaga la Procura federale
11 mesi fa La FINMA multa PKB per 1,3 milioni
Potrebbe interessarti anche
Tags
pkb
banca
ticino
soldi
guai
milano
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-01-16 11:53:22 | 91.208.130.87