Tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
FOTO E VIDEO
CANTONE
10 min
Oltre 190 bambini alla scoperta degli enti di soccorso
Polizia, pompieri e soccorritori hanno effettuato varie dimostrazioni presso una colonia diurna del Malcantone
CANTONE / SVIZZERA
1 ora
In arrivo un'altra ondata di (forti) piogge
Le precipitazioni toccheranno soprattutto il Ticino meridionale, dove fino a giovedì sono attesi 100 millimetri d'acqua
CANTONE / SVIZZERA
2 ore
Panne sulla rete Swisscom: problema risolto
Diversi utenti segnalavano l'interruzione della connessione internet e di altri servizi
CONFINE
3 ore
Como, il cantiere crea-caos sull'A9 è stato tolto
La retromarcia di Autostrade dopo il lunedì d'inferno. I lavori, però, ripartiranno a breve
LOCARNO
3 ore
Le Isole di Brissago... si spostano a Locarno
Uno spazio espositivo nel cuore del Festival regala un assaggio del giardino botanico
FAIDO
3 ore
Si cerca Aligi Campi
L'uomo, 86 anni, ha fatto perdere le sue tracce nel tardo pomeriggio di ieri sui monti di Bodio
Cantone
3 ore
Un Primo agosto di successo in fattoria
Nonostante la pioggia degli scorsi giorni, 46 aziende hanno aperto le porte al pubblico per il tradizionale appuntamento
CANTONE / CONFINE
4 ore
Mario Botta ospite oltre confine per parlare del Monte Verità
L'evento, curato dal giornalista genovese Armando Besio, tratterà il tema "Amore e rivoluzione".
CANTONE
4 ore
I nuovi positivi sono 28
Negli ospedali sono ricoverate 9 persone a causa del virus
CANTONE
5 ore
Dal maltempo un'opportunità per togliere traffico dalla strada
Dopo la soluzione d'emergenza di settimana scorsa, si riflette sul rilancio dei trasporti lacuali a cavallo del confine.
CANTONE
7 ore
Se l'albergo diventa un po' "casa mia"
Diversi i progetti di nuove strutture turistiche che cercano finanziatori attraverso il crowdfunding
URI / CANTONE
02.11.2018 - 11:550

Mucche in coda sull'A2: così si eviterà il «viaggio dell'orrore»

Stabilite alcune soluzioni alternative per il trasporto in collaborazione con la polizia cantonale

ALTDORF - La strada cantonale urana tra Amsteg e Göschenen rimarrà chiusa anche nel prossimo futuro per i trasporti di vacche portate a estivare in Ticino, vacche che rischiano di morire se la coda di veicoli perdura sotto il sole sull'autostrada del San Gottardo. La polizia cantonale farà tuttavia del suo meglio per aiutare contadini e trasportatori a far giungere sane e salve le bovine sugli alpeggi sudalpini.

A fine settembre si è tenuta ad Altdorf la "tavola rotonda" che il capo del dipartimento urano della Sicurezza Dimitri Moretti (PS) aveva promesso lo scorso giugno, dopo un articolo del "Blick" che denunciava il rifiuto della polizia urana di consentire l'uso della strada cantonale fino a Göschenen.

Vi hanno partecipato, con Moretti e il capo della polizia cantonale Reto Pfister, tutte le parti interessate a una soluzione: polizia e veterinario cantonale, Ufficio federale delle strade (USTRA) Protezione svizzera degli animali (PSA), Unione svizzera dei contadini nonché le associazioni nazionali dei trasportatori di bestiame (SVV) e degli autotrasportatori (ASTAG).

Risultato: la cantonale Amsteg-Göschenen rimarrà vietata per chi trasporta bestiame come per gli altri autotrasportatori, ma ci si è messi d'accordo su soluzioni alternative, riassunte in un "foglio d'istruzioni" in sei punti.

Vademecum per il trasporto - «Centrali» - vi si afferma - sono i lavori preparatori del trasporto, i cui tempi vanno possibilmente scelti fuori dai giorni in cui si sa che si formano code. Tra i consigli dati: utilizzare per le mucche le ore del primo mattino e scegliere un percorso alternativo, come il San Bernardino.

Gli agenti della polizia cantonale, si legge ancora, «aiutano volentieri» a scegliere il «percorso ottimale» e i tempi di trasporto. Se ciò malgrado il trasportatore rimanesse bloccato in una colonna e si trovasse in una situazione di emergenza, può chiamare il 117 e la polizia darà "una mano a trovare soluzioni". Quali possano essere, non viene precisato.

La "tavola rotonda" ha rinunciato ad ulteriori misure fino a nuovo avviso. Se quelle previste non dovessero però ottenere lo sperato "successo", prenderà tuttavia «in considerazione tra un anno proposte di ottimizzazione».

Verso il Ticino - Secondo quanto riportato dal "Blick", fino a 1500 mucche vengono trasportate tra fine maggio e fine giugno dalle pianure svizzerotedesche verso gli alpeggi ticinesi passando per la galleria autostradale del San Gottardo. Il trasporto di diverse ore può però diventare un vero e proprio «viaggio dell'orrore» in caso di code sotto il sole: «Nel giro di dieci minuti le temperature possono salire fino a 40 gradi» nei rimorchi utilizzati, ha detto al giornale Cesare Sciarra della Protezione svizzera degli animali (PSA).

Il problema è - ha denunciato il giornale zurighese - che la polizia cantonale urana, invocando una stretta applicazione delle normative in vigore, non consente più ai veicoli che trasportano animali di uscire dall'autostrada a Wassen sulla strada cantonale fino a Göschenen per poi imboccare di nuovo l'autostrada appena prima della galleria.

Sempre secondo il "Blick" in Svizzera non vige ovunque lo stesso regime per i trasporti di animali: secondo l'esperienza di Sciarra della PSA la polizia cantonale ticinese è più flessibile quando si trovano bloccati in coda autoveicoli con a bordo animali: «So di casi in cui la polizia ticinese ne ha accompagnati con la luce blu fuori dalla colonna fino alla più vicina uscita».

«Non si possono trasportare le vacche da latte per più di quattro ore. Se si ammalano ne soffre il latte e non possiamo più lavorare», aveva detto in giugno al giornale un'alpigiana di Fusio, dove arrivano parecchie mucche d'oltre San Gottardo. «Nel Ticino contiamo da anni sulle vacche della Svizzera tedesca. Senza di loro niente formaggio d'alpe», aveva rincarato il produttore Giorgio Dazio, egli pure di Fusio, proprietario di un alpeggio privato con oltre 100 vacche sotto il passo del Narèt, al confine con la val Bedretto.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
GI 2 anni fa su tio
ma è così complicato farle transitare durante le ore "non assolate" ??
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-08-03 14:47:36 | 91.208.130.85