ULTIME NOTIZIE Ticino
Lugano
10 min
Dalla Corea con clamore, ma non è pericolosa quanto la zanzara tigre
Per la senior researcher all'Istituto di microbiologia Supsi, Eleonora Flacio, «non comporta alcun problema»
LUGANO
2 ore
Wicht più prosciolto che condannato
Si è chiusa (per ora) con un decreto di abbandono e una piccola multa l'inchiesta sull'ex Udc
FOTO
BELLINZONA
2 ore
La ristrutturazione del Liceo non piace agli studenti
La petizione lanciata dal Comitato studentesco ha raccolto ben 548 firme.
CANTONE
2 ore
Aperto il bando per disegnare la locandina del Pardo 2022
Designer, grafici, artisti (e aspiranti tali) avranno fino al 6 gennaio per inviare le opere. In palio 5'000 franchi
CANTONE
3 ore
Milioni di aiuti per gli impianti di risalita
Approvato quasi all'unanimità il credito di 5,6 milioni per Airolo, Bosco Gurin, Campo Blenio, Carì e Nara.
FOTO
MESOCCO (GR)
3 ore
Le gallerie sull'A13 ora sono più sicure
Ultimati oggi i lavori per le uscite di sicurezza delle gallerie Brusei e il cunicolo di sicurezza per il tunnel Land
CANTONE
4 ore
Certificato a chi si testa in azienda, non c'è urgenza
Il Gran Consiglio ha bocciato la richiesta avanzata la scorsa settimana dal Gruppo UDC.
STABIO
5 ore
Andiamo a pulire i boschi di Stabio
Il Comune propone un pomeriggio dedicato alla lotta contro il littering
MENDRISIO
6 ore
Ligornetto: «Una vignetta per i momò»
Per il gruppo Lega-Udc-Udf i residenti di Mendrisio devono essere esentati dal blocco del traffico
BELLINZONA
6 ore
«Non toccate le settimane bianche»
A Bellinzona l'Unità della sinistra chiede al Municipio di fare dietrofront sull'abolizione della proposta fuori sede
CANTONE / SVIZZERA
7 ore
Boom dei camping TCS, anche in Ticino
Nonostante il tempo poco favorevole e il Coronavirus l'affluenza è aumentata del 30% rispetto al 2020.
LUGANO
31.10.2018 - 16:270
Aggiornamento : 17:39

Arrivano 240 milioni di franchi da Berna per la rete tram-treno

Il Consiglio federale ha inoltre confermato il finanziamento del progetto relativo alla fermata di Piazza Indipendenza a Bellinzona. La decisione del Parlamento federale nel 2019

LUGANO - È fatta. Berna ha detto "sì" e ha licenziato oggi il Messaggio sul finanziamento del Programma di sviluppo strategico della rete ferroviaria nazionale. Il progetto concernente la realizzazione della tappa prioritaria della Rete tram-treno del Luganese (Lugano Centro-Bioggio) beneficerà di un cospicuo finanziamento da parte della Confederazione, pari a un importo di circa 240 milioni di franchi.

Il Dipartimento del territorio (DT) saluta con soddisfazione la decisione di Berna. Il Messaggio sul finanziamento del Programma di sviluppo strategico della rete ferroviaria nazionale, fase d’attuazione 2030/35 (PROSSIF 2030/35) licenziato oggi, conferma la decisione del 29 settembre 2017 d’includere il progetto ticinese nella proposta d’investimenti per la prossima fase di attuazione del PROSSIF.

La realizzazione della tappa prioritaria della Rete tram-treno del Luganese consentirà di estendere il servizio ferroviario della linea Ponte Tresa-Lugano fino a Manno e di raggiungere direttamente il centro città. La frequenza sarà intensificata fino a un treno ogni dieci minuti e i tempi di percorrenza saranno drasticamente ridotti. Le aree strategiche dello sviluppo del Luganese – Città di Lugano, Basso Vedeggio e Malcantone – saranno così servite da un sistema di trasporto molto performante.

Lo scorso 19 giugno il Gran Consiglio aveva approvato la tappa prioritaria della Rete tram-treno del Luganese, accogliendo la richiesta di credito di 63,2 milioni di franchi. La fase realizzativa è programmata dal 2020 al 2027.

La fermata Piazza Indipendenza - In occasione della sua seduta odierna, il Consiglio federale ha inoltre confermato il finanziamento del progetto relativo alla fermata di Piazza Indipendenza (Bellinzona). A tale proposito, su incarico del Cantone, le Ferrovie federali svizzere (FFS) stanno già elaborando il Progetto definitivo. Il completamento del terzo binario Giubiasco-Bellinzona e la realizzazione della nuova fermata, strettamente interdipendenti, sono previsti entro il 2025.

I progetti esclusi - Il Dipartimento del territorio informa inoltre che le misure “Cadenza semi-oraria Locarno-Intragna FART” e “Nuove fermate Valle del Vedeggio: Bironico-Camignolo e Torricella-Taverne”, proposte dal Cantone nei concetti d’offerta del traffico regionale, non sono state ritenute nel Programma di sviluppo strategico dell’infrastruttura ferroviaria per questa fase d’attuazione. Il DT intende comunque proseguire con la loro progettazione.

Il progetto che concerne le FART permetterà di garantire le coincidenze a Locarno con tutti i treni TILO in direzione di Bellinzona e di Lugano – quest’ultima località sarà direttamente raggiungibile attraverso la nuova galleria di base del Ceneri – migliorando nel contempo l’attrattività del trasporto pubblico tra il polo di Locarno e le Terre di Pedemonte. Questo potenziamento presuppone la creazione di un doppio binario ferroviario a Tegna e di un nuovo binario di attestamento a Intragna.

Le nuove fermate nella Valle del Vedeggio consentiranno di aumentare la capillarità del servizio TILO lungo la linea di montagna dal Ceneri che, con l’apertura della galleria di base nel dicembre 2020, sarà alleggerita dal traffico di transito.

11,9 miliardi d'investimento totale - Nel complesso, la proposta del Consiglio federale si fonda su un investimento di 11,9 miliardi di franchi che interessa principalmente l’asse est-ovest che collega i grandi agglomerati dell’Altipiano. Le opere prioritarie toccano l’asse Ginevra-Losanna, la regione di Zurigo (con in particolare la nuova galleria del Brüttener) e l’asse Lucerna-Zugo-Zurigo (con la nuova galleria dello Zimmerberg).

La richiesta del Consiglio di Stato per l’avvio della progettazione del completamento di Alp Transit con la circonvallazione di Bellinzona e il proseguimento a sud di Lugano non è stata purtroppo accolta.

La decisione del Parlamento federale sull’odierno Messaggio del Consiglio federale sarà presa nel corso del prossimo anno.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
GI 2 anni fa su tio
primo importantissimo tassello per un "ritorno al futuro" !! Spero unicamente di poter esserci il giorno della messa in esercizio.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-19 18:40:36 | 91.208.130.85