Depositphotos
CANTONE
28.10.2018 - 15:440
Aggiornamento : 21:28

Docenti pedofili, ma non finiscono sulla lista nera

Nonostante diversi casi emersi negli scorsi anni, nessuna segnalazione dal Ticino

BELLINZONA - Sono novantacinque gli insegnanti che si trovano sulla lista nera della Conferenza svizzera dei direttori cantonali della pubblica educazione. E nella maggior parte dei casi sono colpevoli di un reato a sfondo sessuale. Nonostante i diversi episodi emersi negli scorsi anni nel nostro cantone, nessuna segnalazione è però giunta dal Ticino. Lo riferisce l’odierna edizione della Sonntagszeitung, che per la prima volta ha avuto accesso a una versione anonimizzata della lista. L’elenco esiste dal 2004 e ha lo scopo di registrare i docenti a cui è stata ritirata - per vari motivi - l’autorizzazione di insegnare. Perlopiù, come detto, si tratta comunque di abusi sessuali.

Il domenicale fornisce dunque un elenco di casi che in Ticino sono emersi dopo il 2015, sottolineando che però sulla lista non è presente nessuno degli insegnanti in questione. Lo stesso vale per il Canton Vaud. Le segnalazioni dovrebbero giungere direttamente dal Dipartimento dell’educazione, ma determinati cantoni non partecipano alla compilazione della lista nera. Anche soltanto per il fatto, come spiegano per esempio le autorità vodesi, che nel cantone non esiste un’autorizzazione all’insegnamento. I dipartimenti di Ticino e Vaud, interpellati dalla Sonntagszeitung, sottolineano comunque che un candidato insegnante deve sempre presentare l’estratto del casellario giudiziale.

Un docente condannato in Ticino ha tuttavia la possibilità di candidarsi per un posto vacante anche in un altro cantone. E in tal caso il suo nome non figurerebbe sulla lista nera. Proprio per questo Beat Zemp, presidente dell’associazione degli insegnanti svizzero-tedeschi, sottolinea che questo strumento può funzionare soltanto «se vi partecipano tutti i cantoni».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
jena 2 anni fa su tio
semplice, al primo caso di docente pedofilo si chiede ai politici di sbloccare la lista e tutte le persone responsabili di averli coperti vengono denunciati come corresponsabili e di conseguenza licenziate !
Iron 883 2 anni fa su tio
Però la lista nera per i morosi delle casse malati in Ticino esiste! 2 pesi e 2 misure?
Zarco 2 anni fa su tio
Solita legge pro condannato
Wunder-Baum 2 anni fa su tio
Quindi c’e il rischio di trovare, in un altro cantone, un docente che ha commesso reati di questo genere in Svizzera ?
Gus 2 anni fa su tio
In una società civile si deve far capo ai documenti ufficiali (estratti dei casellari giudiziari) e non alle liste di fascisteggiante memoria. Il Ticino da` una lezione di civiltà.
LAMIA 2 anni fa su tio
DECS ne sai niente? Che schifo!
siska 2 anni fa su tio
Ottima risposta Shion, più nulla da aggiungere.
Shion 2 anni fa su tio
Gente malata e Ticino malato è straevidente.
francox 2 anni fa su tio
Non meravigliamoci se gli altri ci giudicano la foffa della Svizzera, non può esistere una giustificazione accettabile per questa cosa. Che schifo.
lügan81 2 anni fa su tio
L'omertà che regna ovunque nel Ticino... Che vergogna..
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-01-26 00:09:56 | 91.208.130.87