ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
1 ora
Due mondi uniti dalla musica e da Internet
Il premio Spitzer 2020 è stato assegnato alla Scuola moderna di Musica di Bellinzona che terrà un concerto in simultanea con Israele
MENDRISIO
1 ora
«Siamo un ospedale profondamente ferito»
L’Ente ospedaliero ha presentato i risultati dell’indagine interna, che ha portato al licenziamento di due dipendenti e all’ammonimento di altri tre
CANTONE / SVIZZERA
1 ora
I droni della Posta riprendono il volo
A partire dal 27 gennaio i campioni di laboratorio verranno nuovamente consegnati via cielo. La ripartenza è prevista dal Ticino
CALANCA (GR)
2 ore
Nuovi ripari antivalanghe per Braggio
Il progetto prevede che i muri, risalenti a oltre un secolo fa, siano demoliti e sostituiti da nuove opere in acciaio
PONTE CREMENAGA
2 ore
Rifiuti ticinesi oltre il valico: «Sappiamo chi è stato»
Trovato un sacco con documenti elvetici a Ponte Cremenaga. Il sindaco promette sanzioni pesanti
MENDRISIO
2 ore
Al via i lavori al nodo intermodale in stazione
Il cantiere inizierà il 31 gennaio e durerà fino a fine agosto. Previste modifiche alla circolazione stradale
FOTO E VIDEO
ISONE
2 ore
Il fianco della montagna va a fuoco
Due elicotteri sui monti del Tiglio per contenere le fiamme. L'incendio è divampato ieri sera
CHIASSO
4 ore
È tutto pronto per il nuovo Nebiopoli
Il carnevale chiassese si svolgerà con due settimane di anticipo, dal 6 al 9 febbraio
COMANO
4 ore
Il PLR di Comano presenta i candidati
Sono stati confermati nell'assemblea generale tenutasi ieri
LUGANO
6 ore
Venduto per 26 milioni il palazzo ex Bdg
Il gruppo Generali si è assicurato lo stabile, che si affaccia su Piazza della Riforma
BELLINZONA
6 ore
Il bicchiere del Rabadan e presunti rischi di contagio
Il consigliere comunale UDC Tuto Rossi interpella il Municipio e chiede se non sia il caso di sospendere l'esperimento, rimandandolo all'anno prossimo
LUGANO
6 ore
«Ecco perché così tanti imprenditori italiani scappano in Ticino»
La denuncia di Luciano Dissegna, ex dirigente dell’Agenzia delle entrate: «Il fisco ci sta uccidendo». Ettore Serafini, co fondatore di AgiReagire: «Non ci fosse stata la Svizzera…»
CONFINE
13 ore
Incidente a Tavernola, una donna ferita
È successo stamani sulla rampa di uscita dell'autostrada A9 in direzione Maslianico/Ponte Chiasso
LUGANO
14 ore
È ufficiale: ecco la lista PLR per il Municipio di Lugano
I candidati sono stati confermati all'odierna assemblea sezionale
CANTONE
17 ore
Un incendio è divampato a Isone
I pompieri sono sul posto
LUGANO
17 ore
La lista PLR... senza Ducry
L'esponente ha mollato con una mail a causa delle critiche
CANTONE
22.10.2018 - 16:050

Giornata dell’energia, tra fonti rinnovabili e Città virtuose

Il Dipartimento del territorio sensibilizza la popolazione sui temi concernenti le scelte di politica energetica e climatica sostenibili

BELLINZONA - In occasione dell’odierna Giornata dell’energia, il Dipartimento del territorio (DT) intende sensibilizzare la popolazione sui temi concernenti le scelte di politica energetica e climatica sostenibili.

Le stesse assumono un ruolo di sempre maggior rilievo nella nostra società, in quanto il fattore energia è sempre più determinante per la crescita socioeconomica, per l’ambiente e per le conseguenze sul clima.

Nel 2017 il popolo svizzero ha approvato la Strategia energetica 2050 del Consiglio federale scegliendo di non sostituire le centrali nucleari alla fine del loro ciclo di vita e di puntare sull’efficienza energetica, sul potenziamento dell'energia idroelettrica e sullo sviluppo delle nuove energie rinnovabili, oltre che sul ruolo esemplare che gli enti pubblici sono chiamati ad assumere nell’applicazione di provvedimenti legati a queste tematiche.

Il Cantone Ticino si è attivato da tempo su questo fronte, sia a livello normativo, sia attraverso vari tipi d’incentivazioni, con misure che fanno da stimolo alle azioni e ai provvedimenti comunali. In quest’ottica, il Piano energetico cantonale (PEC) presenta una politica energetica cantonale che deve essere in grado di integrare e coordinare obiettivi di sviluppo economico e sociale con obiettivi di politica ambientale e climatica.

Il fine ultimo è una politica energetica coordinata e dinamica in grado di affrontare le sfide poste dalle esigenze attuali e future attraverso proposte volte a diminuire i consumi e le emissioni di CO2 e a diversificare la produzione e l’approvvigionamento, considerando nel contempo gli interessi economici legati al settore energetico, sia a livello di investimenti per la produzione indigena e la copertura del fabbisogno, sia a livello di costi per il consumatore finale.

Il PEC è uno strumento flessibile che è stato condiviso dagli enti interessati e dagli attori principali della politica energetica cantonale.

Il Fondo per le Energie Rinnovabili (FER) - A partire dal 2014 il Fondo per le Energie Rinnovabili (FER) finanzia la realizzazione di impianti che producono energia elettrica da fonti rinnovabili (in particolare il fotovoltaico), come pure progetti di ricerca e modelli di consulenza prioritariamente nel settore dell’energia elettrica e provvedimenti comunali nell’ambito dell’efficienza e del risparmio energetico.

Come accade a livello federale, anche il fondo cantonale è garantito dal prelievo sul consumo, ma anche sulla produzione media annua prevista di energia elettrica proveniente da quote di partecipazione già acquisite dall’Azienda elettrica ticinese (AET) in centrali a carbone. Pur destinando una fetta importante del fondo al finanziamento della rimunerazione per l’immissione di corrente in rete (RIC), come accaduto a livello federale, in poco tempo i fondi a disposizione sono stati esauriti e si è creata una lunga lista di attesa.

Il Governo ticinese ha così licenziato nel luglio del 2016 un messaggio per la modifica della Legge cantonale sull’energia, approvato in seguito dal Gran Consiglio. Le novità principali della modifica legislativa prevedono l’estensione del periodo di finanziamento attraverso il FER fino al 2020, e la possibilità di esonerare AET dal pagamento del prelievo sulla produzione in caso di un risultato negativo. Inoltre è data facoltà al Consiglio di Stato di stabilire il limite per accedere al contributo unico, così da adattare rapidamente la strategia cantonale alla politica federale.

Il label Città dell’energia - Tra i provvedimenti comunali nell’ambito dell’efficienza e del risparmio energetico sovvenzionati dal FER figurano diverse misure che i Comuni insigniti del label Città dell’energia si sono prefissati di raggiungere nei prossimi anni.

A tale proposito si rammenta che una Città dell’energia è un Comune o una città che s’impegna in modo continuativo a favore di un utilizzo efficiente dell’energia, della protezione del clima e delle energie rinnovabili nonché di una mobilità sostenibile. A tal fine, sin dal 1992 l’Associazione Città dell’energia, con il sostegno del programma SvizzeraEnergia dell’Ufficio federale dell’energia, conferisce l’omonimo label che ha una validità di quattro anni e che città e Comuni sono chiamati a riconfermare.

I criteri da soddisfare sono ambiziosi ed adattati nel tempo ai cambiamenti delle condizioni quadro e allo stato della tecnica, il che a lungo termine assicura standard elevati e rende il label un prezioso strumento di pianificazione e attuazione. Attualmente in Svizzera si contano oltre 430 Città dell’energia, 23 delle quali in Ticino.

Il label Città dell’energia - un modello presente in 11 Paesi e 1400 città con il nome di European Energy Award - è l’attestazione di una politica energetica e climatica coerente e orientata ai risultati. Le città e i Comuni che hanno ottenuto il label attraversano un processo globale, costituito da diverse fasi, che li conduce verso una politica energetica e climatica sostenibile.

Oltre a ciò, il Governo continuerà a sostenere e promuovere la sensibilizzazione, la formazione, la post-formazione dei professionisti e la consulenza ai privati e agli enti pubblici attraverso l’azione coordinata dell’associazione TicinoEnergia.

Per il Canton Ticino, gli obiettivi di politica energetica e climatica e quelli di politica regionale devono viaggiare di pari passo: essenziale è quindi anche il ruolo dei Comuni.

L’ottenimento del label Città dell’energia è quindi il punto di partenza di un percorso incentrato su misure volte ad aumentare il benessere e la qualità di vita dei cittadini, con i relativi benefici anche per l’ambiente e il territorio.

Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-01-23 12:45:48 | 91.208.130.87