ULTIME NOTIZIE Ticino
URI / CANTONE
23 min
Veicolo ticinese in panne, a bordo un presunto passatore
In manette un 33enne italiano. Fermate 5 persone senza documenti
POSCHIAVO (GR)
49 min
Le pattuglie transfrontaliere sui banchi di scuola
Questa cooperazione è parte integrante del progetto “sicurezza nelle zone di confine” con l’Italia
CANTONE
1 ora
Vuoi diventare studente SUPSI? Due nuovi campus ti aspettano
Aprono oggi le iscrizioni ai ventun corsi di Bachelor e ai tredici di Master in otto diversi ambiti per il prossimo anno accademico
LOCARNO
1 ora
Controlli mirati contro i “furbetti” degli ingombranti
La Città non esclude «procedure di contravvenzione» nei confronti dei trasgressori. Da gennaio ogni martedì si raccoglierà la carta
CANTONE
2 ore
Effetto domino, due volti nuovi in Gran Consiglio
Il ballottaggio per gli Stati ha provocato alcuni cambiamenti (anche) nel Parlamento cantonale: Marchesi e Storni vanno al Nazionale, al loro posto dentro Pamini e Garbani Nerini
LUGANO
2 ore
La scuola Parsifal si presenta
L'istituto medio gestito dalla Fondazione San Benedetto apre le sue porte al pubblico il prossimo 20 novembre
FOTO
LUGANO
5 ore
Quando la strada per il medico è troppo lontana
Davanti alla stazione di Lugano sono comparsi alcuni cartelli con il tipico aspetto della segnaletica svizzera dei sentieri. Ma con località tutt'altro che nostrane...
LAMONE
5 ore
Due ticinesi in Laos a caccia di urla bestiali
Filippo Franchini, 29 anni, è dottorando in statistica. Con un drone acustico brevettato insieme al fratello e a un amico, volerà in Asia per censire i gibboni, scimmie in via d’estinzione
CANTONE
13 ore
Renzetti "flashato" a 177 km/h: «Ero arrabbiato con l'arbitro»
Il presidente dei bianconeri ha calcato un po' troppo il piede sulla A13 rientrando da una partita fuori casa: «Non pensavo la mia Golf fosse così potente»
CANTONE
14 ore
Merlini: «C'è desiderio di cambiamento, e va rispettato»
Dopo l'odierna sconfitta, il candidato PLR intende ritirarsi dalla politica: «Ora ho più tempo per la mia attività professionale»
CANTONE
16 ore
La bucalettere strabocca: «Avrei potuto rubare diverse schede»
Molte persone aspettano l’ultimo momento per imbucare la busta del voto per corrispondenza. Un’abitudine che però può creare qualche problema...
CANTONE
16 ore
Carobbio: «La mia elezione? Un segnale per l’uguaglianza di genere»
Per la prima volta una donna rappresenterà il Ticino al Consiglio degli Stati
BELLINZONA
17 ore
Un furgoncino "social" nella capitale
Obiettivo del Social Truck: creare legami tra i giovani e favorire la creazione di ponti nei rapporti dei giovani con gli abitanti.
STABIO
18 ore
Esame superato, ecco i nuovo cavalieri
Si sono svolti con successo gli esami di equitazione alla Scuderia Happy Hours di Stabio
CANTONE
18 ore
«Nessuna guerra con la Carobbio, troveremo accordi»
Un esponente dell’UDC e una del PS andranno d’accordo insieme al Consiglio degli Stati? Marco Chiesa: «Certamente sull’aumento dei premi casse malati troveremo soluzioni convergenti»
CANTONE
18 ore
Neve sull'A2, «lunghi ritardi» verso nord
Spazzaneve in azione sul posto. Disagi alla circolazione in entrambe le direzioni
CANTONE
16.10.2018 - 16:030

FFDUL: bilancio positivo per la quinta edizione

Riscontrato un significativo aumento nell'affluenza: 20% in più rispetto al 2017

LUGANO - In questo quinto anno, una svolta profonda ha segnato il Film Festival Diritti Umani Lugano, che è cresciuto nella proposta e negli spazi, consolidandosi nel pubblico: da un primo calcolo, anche in questa edizione, si riscontra un significativo aumento nell'affluenza, con un 20% in più al 2017.

Una proposta, quella del Ffdul, che interessa un folto gruppo di spettatori, fra cui molti giovani, e che risponde alla voglia di nuovi percorsi cinematografici e alla necessità di approfondimento culturale dei temi legati ai diritti umani.

Da quest’anno, l’aggiunta della seconda sala al Cinema Iride, accanto alla programmazione al Cinema Corso, ha consentito al festival di ipotizzare un rafforzamento delle novità proposte già in questa edizione, come percorsi monografici, programmazione alternata e quindi più titoli.
 
Le storie arrivano al cuore e ci fanno capire che i diritti umani, affermati o negati che siano, riguardano tutti. La possibilità di scoprire realtà, talvolta anche molto vicine a noi, ma di cui conosciamo veramente poco, sono uno degli aspetti che ha riscosso maggiore apprezzamento nel pubblico del festival.

Al Film Festival Diritti Umani Lugano, in questi 6 giorni fra il 9 e il 14 ottobre, sono state mostrate, con successo, trentatré storie, fra fiction o documentari.

Numerosi anche gli ospiti che le hanno sapute arricchire, attraverso la loro testimonianza diretta, nei forum successivi alle proiezioni.

A partire dalla toccante esperienza di Lamiya Aji Bashar, vittima della violenza dell’ISIS, Paqui Maqueda, testimone del franchismo, Aboubakar Soumahoro, attivista sindacale e sociale, John Baptiste Onama, economista.

E poi ancora Laura Boldrini, ex Presidente della Camera dei deputati italiana, Rémy Friedmann, Senior Advisor Divisione sicurezza umana Dfae, Sabrina Büchler, Dfae - Responsabile di programma Task Force per il trattamento del passato e la prevenzione delle atrocità, Bruno Giussani, presidente Fifdh. 

Il festival ha anche avuto il piacere di ospitare i registi Bruno Bigoni, Mari Gulbiani, Marco Piccarreda e Michel Toesca. E ancora le autorità cittadine, dal Sindaco Marco Borradori al Capo Dicastero Cultura Sport ed Eventi, On. Roberto Badaracco, e quelle cantonali rappresentate dal Consigliere di Stato Manuele Bertoli, Direttore del Dipartimento educazione cultura e sport.

Di molti degli ospiti, tra l’altro, è possibile vedere sul sito www.festivaldirittiumani.ch le interviste realizzate durante la visita luganese.  

Un grazie particolare va al regista Markus Imhoof, cui è stato dedicato un omaggio in tre tappe proponendo alcune delle sue pellicole topiche, in occasione della sua presenza a Lugano per la consegna del Premio Diritti Umani per l’autore. Il regista zurighese, un vero maestro per chi lo conosceva già e per i giovani che lo hanno scoperto in questa occasione, ha presentato anche "Eldorado", il suo ultimo documentario candidato all’Oscar a rappresentare la Svizzera,  che uscirà nelle sale ticinesi il 18 ottobre.
 
Fra gli eventi a corollario del festival, inoltre, l’appuntamento anglofono prefestival alla Franklin University Switzerland, il dj set di Frankie hi-nrg mc al Living Room, la mostra “Simone Massi - Disegni per il film La strada dei Samouni”, che terminerà il 21 ottobre allo Spazio1929 di Lugano, dove sono esposte le tavole originali delle animazioni realizzate per il documentario di Stefano Savona, premiato all’ultima edizione di Cannes con L’oeil d’or (miglior documentario) e presentato anche dal nostro festival.
 
Il Film Festival Diritti Umani Lugano è un momento di riflessione profonda sui diritti e sul rispetto della dignità umana, in tutte le sue forme ed espressioni. Un focus di sei giorni, importante nelle serate, e ancor più significativo nelle proposte in orario scolastico che hanno visto, anche in questa fascia, un aumento dell’affluenza. Queste proiezioni hanno messo a confronto diretto i giovani, in maniera trasversale alla provenienza e formazione, sui più svariati temi di attualità: immigrazione, accettazione dell’altro, libertà di espressione, diritto al lavoro, problemi dell’ambiente e le vite negate nelle nuove schiavitù o dalla grande povertà.
 
Se dovessimo indicare un’ispirazione etica per il festival, potremmo attingere alla Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, di cui riportiamo l’art.19: Ogni individuo ha diritto alla libertà di opinione e di espressione incluso il diritto di non essere molestato per la propria opinione e quello di cercare, ricevere e diffondere informazioni e idee attraverso ogni mezzo e senza riguardo a frontiere.
 
L’attività del festival prosegue anche durante l’anno. Il 10 dicembre, il giorno della firma della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, di cui nel 2018 ricorre il 70mo anniversario, sarà proposta una serata di cinema e forum. E poi ancora, a inizio 2019, nuovi appuntamenti diffusi nel tempo e sul territorio, porteranno i film, scelti per la qualità stilistica e per la profondità dei temi, anche in sale più decentrate.
 
La quinta edizione del Film Festival Diritti Umani, voluto dalla Fondazione Diritti Umani di Lugano di cui è emanazione, è stata possibile grazie alla direzione di Antonio Prata, la presidenza di Roberto Pomari e all’apporto di numerosi collaboratori, fra le commissioni cinema, forum, scuole, i vari staff tecnici e di comunicazione, così come i numerosi e preziosi volontari.

Info: ffdul.ch

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-18 11:19:50 | 91.208.130.87