Tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
MENDRISIO
3 ore
«Ostetricia e pediatria non si toccano»
Il PLR sull'adeguamento per il Covid: «Se ne comprende l'urgenza, ma il dispositivo va ripristinato appena possibile»
CHIASSO
4 ore
Casa Soave, nove anziani positivi al coronavirus
Tutti quanti si trovano in isolamento nelle loro stanze.
AIROLO
5 ore
«Pronti a sciare da fine novembre»
La stagione bianca che verrà vista da Mauro Pini, direttore degli impianti di Airolo-Pesciüm
GENESTRERIO
5 ore
Incidente sulla cantonale, ferito un motociclista
Notevoli disagi al traffico sulla strada in direzione di Bizzarone
CENTOVALLI
6 ore
Riaperta (parzialmente) la strada delle Centovalli
Era stata chiusa dopo la frana caduta a Camedo lo scorso 7 ottobre.
CANTONE
6 ore
Oltre 120mila franchi in beneficenza
La Fondazione Alessia è alla ricerca di una nuova sede in sostituzione del negozietto di Bellinzona.
CHIASSO
6 ore
Delitto di via Valdani, padre e figlio rinviati a giudizio
Dovranno rispondere di assassinio, subordinatamente omicidio intenzionale, e aggressione.
CANTONE
7 ore
«C'è preoccupazione per la durata della seconda ondata»
Da Bellinzona il DSS fa il punto della situazione e spiega gli adattamenti decisi per il prossimo futuro.
FAIDO
7 ore
Caduta con l'e-bike: ferite gravi per un 65enne
L'incidente si è verificato oggi in Leventina: l'uomo ha perso il controllo del mezzo
LUGANO 
7 ore
Il Preventivo 2021 in rosso per 20 milioni
La contrazione del gettito fiscale è l'elemento che più incide sul disavanzo previsto per l'anno prossimo
CASTEL SAN PIETRO
7 ore
Cinquanta mascherine per ogni famiglia
Verranno fornite dal Comune. Saranno di colore verde e prodotte nel Mendrisiotto.
CANTONE
9 ore
Cocaina nel Mendrisiotto, arrestati quattro giovani
Sono tutti accusati d'infrazione aggravata alla Legge federale sugli stupefacenti.
BELLINZONA
9 ore
«La polizia interferisce in modo sproporzionato e antidemocratico»
L’accusa arriva da ForumAlternativo, che pubblica su YouTube quanto accaduto martedì mattina
CANTONE
9 ore
Nuovo sito del Laboratorio cantonale
La pagina è stata rinnovata in termini grafici e di accessibilità alle informazioni.
CANTONE / SVIZZERA
10 ore
Contagi e frontalieri: «È ora di limitare gli spostamenti?»
Piero Marchesi interroga le Camere federali sulla situazione ticinese
BELLINZONA
11 ore
Approvati 16 milioni per comprare i terreni dove sorgerà il nuovo ospedale
Il Consiglio di Stato approva il credito per acquistare la Saleggina. Verrà rivitalizzato anche il Fiume Ticino
CANTONE
11 ore
«Personale sociosanitario al lavoro nonostante i sintomi»
Interpellanza dell’MPS al Consiglio di Stato
CANOBBIO
11 ore
Quattro classi in quarantena: «Ci vogliono misure urgenti»
I genitori degli allievi che frequentano le Medie di Canobbio sono preoccupati. E scrivono al Governo ticinese
CANTONE
12 ore
Tilo sostituiti dai bus tra Lugano e il Mendrisiotto
I provvedimenti sono dovuti a importanti lavori di manutenzione sulla linea ferroviaria.
CANTONE
13 ore
Secondo giorno sopra i 300 contagi, 5 nuove vittime
Sono 6'910 le persone risultate positive al test PCR da inizio pandemia. 361 i decessi
CANTONE
13 ore
A ridosso delle vacanze... altre tre classi in quarantena
La misura è stata adottata per allievi di tre diversi istituti scolastici ticinesi
CANTONE
13 ore
Giordano Macchi al posto di Lino Ramelli
Il secondo andrà in pensione a fine gennaio 2021
LUGANO
13 ore
Appena iniziata, e già finita
Le nuove misure per contenere la pandemia prese dal Consiglio federale hanno bloccato Artecasa 2020 dopo poche ore.
LOSONE
14 ore
Si cercano (di nuovo) "volontari della spesa"
«A marzo in un moto di grande generosità si erano presentate oltre 50 persone accomunate dall'altruismo»
CANTONE
15 ore
Meteo dalla parte delle api
Mediamente la produzione di miele quest’anno è risultata soddisfacente in Ticino, tranne a sud
SONVICO
15 ore
Strada chiusa (per 9 ore) tra Sonvico e Maglio di Colla
Il blocco è causato dai lavori di pavimentazione previsti il prossimo martedì 3 novembre tra le 8.00 e le 17.00.
CANTONE
15 ore
Il caso della corsa ai sussidi per imparare l'italiano
Il Cantone spende più del doppio del preventivato e blocca l'erogazione degli aiuti agli stranieri
CANTONE
16 ore
Ex direttore assolto, le ARL: «Ricorreremo»
Curzio Bernasconi è stato ritenuto non colpevole per il reato di amministrazione infedele dalla Pretura penale.
AGNO
16 ore
In farmacia per chiedere aiuto e conforto
Luca Milesi, nuovo membro ticinese del comitato di “pharmaSuisse”, spiega il ruolo delle farmacie durante la pandemia
BIASCA
17 ore
La JYSK se ne va da Biasca: «Gli affari non sono mai decollati»
Il negozio situato in via Franscini chiuderà i battenti nel mese di dicembre
CANTONE
17 ore
«Non attendete che sia il contact tracing a darvi istruzioni»
Il servizio di tracciamento dei contatti è molto sotto pressione vista l'impennata dei casi registrata in Ticino.
CANTONE
1 gior
Una ventina di quarantene dalla riapertura delle scuole
La cronistoria del coronavirus negli istituti ticinesi dallo scorso 31 agosto
LUGANO
10.10.2018 - 18:140
Aggiornamento : 18:36

«Attenti a non cadere nel ridicolo, in gioco c’è la credibilità della città»

Lo scontro tra vertice del Lac e Daniele Finzi Pasca visto dal sindaco Marco Borradori. Che dice: «Alcuni grossi sponsor mi hanno chiesto che sta succedendo»

LUGANO - Iniziamo dagli effetti scenici. «Mi sembra un’uscita curiosa, spiegabile forse solo col fatto di voler buttare un po’ di fumo negli occhi» osserva il sindaco Marco Borradori, accusato dal Plr di Lugano di non essere riuscito a far sedere attorno a un tavolo i duellanti del momento: Daniele Finzi Pasca, da un lato, e la direzione e l’Ente autonomo del Lac, dall’altro. Quest’ultimo presieduto dal municipale Roberto Badaracco, lui pure liberale-radicale... «Credo volessero creare un diversivo in una situazione che sta diventando imbarazzante per loro» aggiunge il sindaco.

Ma dalla cortina di fumo veniamo agli attori della vicenda. La frattura tra Daniele Finzi Pasca e il Lac, secondo lei, è ancora sanabile?

«Oggi la tensione, aggravatasi giorno dopo giorno, tra la Compagnia e la direzione del Lac si è avvicinata pericolosamente al punto di rottura. Secondo me siamo sull’orlo del precipizio e lo dico con un dispiacere enorme».

E dunque?

«Proprio per questa consapevolezza noi, come Municipio e con una decisione condivisa, eravamo pronti a promuovere un incontro, che sarebbe stato il primo, tra le parti. Non come un tribunale che vuole giudicare, ma semplicemente per creare le condizioni affinché si parlassero, anche in modo brusco, nell’ambiente chiuso e protetto di Palazzo civico».

Cosa avrebbe detto loro?

«Avrei chiesto se, al di là delle ragioni di ciascuno, c’era in loro la consapevolezza di un rischio. Quello di inceppare un meccanismo che sta funzionando bene, quello della cultura, del Lac e del piacere che i cittadini provano nel frequentare il centro culturale. Ancora oggi mi chiedo, e chiedo, se non è il caso che tutti facciano un passo indietro».

Qualcuno ha parlato di ingerenza della politica nella cultura…

«Quello tra politica e cultura è un rapporto difficilissimo e sempre sul filo del rasoio. Noi però, come Municipio, con questa “ingerenza” abbiamo voluto lanciare un grido d’allarme. Volevamo, come garanti, dare un colpo di mano. Io detesto essere spettatore che non agisce se vedo un problema».

Perché questa vicenda, a cavallo tra il dramma e la farsa, fa male? E a chi?

«Questa è una storia, brutta, che fa male principalmente al Lac, alla cultura e al gusto del bello della gente, che guarda agli artisti anche come evasione dalle difficoltà della vita. Ma poi fa male anche al Municipio e al Consiglio comunale. E fa molto male alla Città di Lugano...».

In che modo?

«Perché crea un senso di smarrimento nella popolazione. Crea anche un senso di sottile ridicolo, perché questa faccenda alla fine non la capisce nessuno. E il senso del ridicolo è l’arma peggiore per chi vuole male a qualcuno, in questo caso al Lac».

Un ridicolo che ha delle conseguenze concrete?

«Ci sono degli sponsor, e ne abbiamo di importanti, che mi hanno già contattato in modo molto sommesso, e direi con classe, per chiedermi cosa sta succedendo. Anche questo non fa bene».

C’è una tesi, quella dell’Ente autonomo del Lac secondo cui Daniele Finzi Pasca attacca briga per giustificare la decisione già presa di andarsene… Che ne pensa?

«Apprezzo moltissimo la direzione del Lac. Credo che Gagnon e Rifici abbiano fatto in tre anni un grandissimo lavoro. Però trovo che anche loro, e più in generale tutti, dovrebbero capire che ci troviamo di fronte a una Compagnia che magari ha fatto un po’ le bizze… ma che è figlia della città e che alla città ha portato lustro in tutto il mondo. Non siamo davanti a una diatriba di artisti. Ma qui c’è in gioco una Compagnia simbolo di Lugano».

D’accordo, ma nel merito del litigio?

«Secondo me, Daniele Finzi Pasca non voleva cercare un pretesto. Io credo, ancora, nella loro buona fede di voler restare e dare un contributo a Lugano. Sicuramente la questione non è quella degli uffici… Dietro c’è qualcosa di più profondo, che non conosco. Ma posso pensare che un filo di fiducia e amicizia reciproca tra le parti si sia rotto. Finzi Pasca col suo grido pubblico ha voluto manifestare, magari in maniera anche discutibile, questo dolore. Però, secondo me, lui crede ancora molto nella città, come ci credono gli stessi operatori del Lac».

Tutti ci credono, ma la situazione è quella che è…

«Se si vuole bene alla città, un incontro chiarificatore avrebbe permesso di capire che qui in gioco c’è una fetta di credibilità di Lugano. E forse tutti avrebbero fatto un passo indietro».

Ora, invece, tutti sembrano averne fatto uno in avanti…

«È questo il problema».

E adesso dove si va?

«Malgrado tutto mi auguro che ci sia uno spazio di manovra. Ma in questo momento non so dove lo si possa individuare. Una bella storia non può finire così».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
samarcanda 2 anni fa su tio
Le bruttissime opere di Finzi Pasca sono una carrellata di pessimo gusto: carnevalate e circhi da Gay pride. Gli attori sono leziosi, grotteschi, stucchevoli, hanno espressioni ebeti e mossette ridicole. F.P. non è un bravo artista perché cavalca il conformismo più bieco, quello tanto di moda oggi, conseguenza di un ripetitivo e mai risolto desiderio di "épater les bourgeois". Non mi incanta affatto! La gente va in estasi e ripete che è un teatro fantastico proprio perché qualcuno, dall'alto, ha cominciato ad elogiarlo e tutti, di conseguenza, ripetono complimenti sperticati per paura di apparire ignoranti. Io sarò ignorantissima, ma lo ripeto: è solo fuffa e la nostra DECADENZA culturale e politica è evidente in questa stupida quérelle. Ha ragione Badaracco.
sedelin 2 anni fa su tio
@samarcanda de gustibus non est disputandum... ma é oggettivo: l'opera di daniele é poetica, intelligentemente divertente, profonda. bisogna essere CAPACI di riconoscere la differenza fra opera e autore, che in questi giorni sembra essere diventato arrogante agli occhi di chi legge la cronaca. badaracco probabilmente ha ragione, ma questo non significa demolire l'opera artistica.
samarcanda 2 anni fa su tio
@sedelin No, non è oggettivo. Io penso tutto il contrario di te. Purtroppo qui manca una critica vera e si usa il metro di 10 cm per far sembrare grandi i nani. Non si può criticare, anzi, bisogna aver paura di farlo. È, da sempre, il vulnus cantonticinese.
sedelin 2 anni fa su tio
@samarcanda critica, criticare é la tua "filosofia", la mia é "creare".
Mat78 2 anni fa su tio
Finzi Pasca pallone gonfiato! Facile sperare sui politici per nascondere un egocentrismo smisurato. Vuole fare il bello ed il cattivo tempo, manco il LAC fosse suo...Approfitta della sua notorietà internazionale per ricattare...sveglia gente!
samarcanda 2 anni fa su tio
@Mat78 Se lo vuole per sé, che se lo comperi, tanto è diventato l'ennesima espressione dell'oligarchia dominante.
siska 2 anni fa su tio
No io non vedo bene quando nel Cda del Lac ci sta seduto un politico o più politici e francamente il sig. Badaracco non lo vedo come persona "giusta". In un Cda di un Lac ci vedrei solo persone a modo, eleganti e capaci e come esempio cito il sig. Marco Solari, un tipo come lui saprebbe come muoversi, dove andare in quanto persone così hanno una visione ampia e sanno come relazionarsi nel mondo dell'arte e con sponsor importanti. Non dico che ora non ci sono sponsor importanti ma questa questione non é stata aperta da Finzi Pasca ma da tutti gli altri attori in gioco e dalla politica nostrana. Peccato!
samarcanda 2 anni fa su tio
@siska Ma Badaracco è colto, elegante e capace. Occorre ascoltarlo.
siska 2 anni fa su tio
@samarcanda ...magari per te....ascoltalo tu.
sedelin 2 anni fa su tio
@samarcanda colto: nella media. elegante: idem. capace: come tutti. occorre sempre ascoltare le due campane; parteggiare di qua o di là per partito preso é sintomo di chiusura mentale.
siska 2 anni fa su tio
@sedelin Ti sbagli caro/a sedéla, quello che attrae a me può non attrarre a te, é la legge della natura non quella a senso unico come vorrebbero persone come te...dopo c'é tempo per filosofeggiare e discuterne magari davanti a un calice di birra ticinese perché no?
samarcanda 2 anni fa su tio
@siska No, anche in campo artistico ci sono dei parametri e gli occhi allenati a distinguere i buoni livelli artistici ci sono, eccome! Ad es.: io posso scegliere fra Gianni Morandi, Rita Pavone, Claudio Villa, ecc. la voce che mi piace di più, ma non posso paragonarli a Mozart, Bach, Strauss, ecc. In queste due categorie, io posso scegliere l'artista che amo di più, ma non posso paragonare Bach a Gianni Morandi. F.P., per me, nel teatro, non è nemmeno all'altezza di Rita Pavone, che comunque stimo.
Nicklugano 2 anni fa su tio
Quale credibilità, quella è gravemente ammalata da un pezzo...
Mattiatr 2 anni fa su tio
Ragazzi io continuo a non capire perché il scür Pasca dovrebbe venir cacciato. Non pagava l'affitto? Perché tutta sta polemica?
sedelin 2 anni fa su tio
@Mattiatr NESSUNO capisce NULLA; é un garbuglio con tanti lati oscuri. neppure in TV alla presenza di badaracco e borradori si é capito qualcosa. secondo me il successo ha dato alla testa a daniele, però chissà cosa c'è dietro a questo spiacevolissimo cancan?
castigamatti 2 anni fa su tio
Se DFP se ne andrà, sarà anche un peccato, ma sono dell'avviso che nessuno è indispensabile, nemmeno lui. Mi sembra che si stia sopravvalutando. Morto un papa se ne fa un altro. Sicuramente la direzione del LAC saprà come far proseguire nel migliore dei modi le attività culturali del Centro.
castigamatti 2 anni fa su tio
DFP sarà anche un genio ma è un arrogante. Lui è stipendiato anche dalla Città di Lugano (vedi accordi milionari), pertanto che si adegui agli spazi concessigli. Io mica posso andare dal mio datore di lavoro a esigere spazi particolari in nome del profitto (o in questo caso del presunto prestigio) che porto all'azienda.
KilBill65 2 anni fa su tio
Purtroppo e' la politica che rovina tutto!!....Borradori a ragione si sta entrando nel ridicolo, tutto questo scompiglio per dare un posto a Finzi Pasca...Mi chiedo il resto del mondo cosa pensa di noi, visto che ci perdiamo dietro a cose di questo genere!!....
Mat78 2 anni fa su tio
@KilBill65 Informati meglio prima di postare scempiaggini...oggi è sempre tutto colpa della politica...
Caroline Meyer 2 anni fa su fb
Avete rotto! Io sto con Badaracco, ha ragione!
Evry 2 anni fa su tio
Garbugli su garbugli, l'esito delle cose nate male ! Ora si tratta di dar fine a interessi personali e partitici (PLR in particolare) come pure certi favoreggiamenti ! La credibilità e come i pesci, iniziano a puzzare dalla testa.
Dada Plus 2 anni fa su fb
Per una sola compagnia si sprecano fiumi di parole e inchiostro, per le tante troppe Associazioni di Lugano senza una Sede, nessuno si interessa.....
comp61 2 anni fa su tio
prendiamo una bella cumpa frontaliera: costano poco e non si lamentano.
roma 2 anni fa su tio
...succede che magari qualcuno pensa di essere un genio incompreso?
samarcanda 2 anni fa su tio
Per Finzi Pasca si scomoda perfino la credibilità della città! Repubblica delle banane senza fine!
Melek 2 anni fa su tio
Il LAC invece di finzi-pascare tanto, farebbe meglio ad abbassare i prezzi, altrimenti diventerà proprio una cattedrale nel deserto... pori da nümm!!!
Nightfire 2 anni fa su tio
Un piccolo appunto: il "majaramina" è svizzero, nato a Lugano.
sedelin 2 anni fa su tio
matassa ingarbugliata... certo é che daniele ha commesso l'errore di buttare il suo mal di pancia alla stampa con malcelata arroganza. e questo gli fa perdere punti.
Swiss Elena Guera 2 anni fa su fb
che ghigna e che naas !!!!!
Bibo 2 anni fa su tio
Le manie di grandezza (da ambo i lati...) finiscono sempre male...
Giancarlo Schraner 2 anni fa su fb
E chi sarebbero questi grossi sponsor???
mgmb 2 anni fa su tio
Finzi pasca avrà mai lavorato? il LAC l'ha costruito lui? é ora che vada fuori dalle scatole e si cercasse un lavoro, sempre se...... sa fare qualcosa. Basta le ha rotte da parecchio.
Alessandro Milani 2 anni fa su fb
Di ridicolo cè che un majaramina che ha a preso fior di 100naia fi migliaia di chf all'anno ecc rompa anc le palle!marco.....fatti valere basta ricatti!!!
Caroline Meyer 2 anni fa su fb
Infatti! Ma Borradori è troppo buono...
LAMIA 2 anni fa su tio
Signor Sindaco. Se ne stia fuori dalla bagarre in casa PLRL. Vogliono riversare palta su di lei sapendo che hanno costruito una cattedrale nel deserto e fra poco rimarrà senza cardinali
GI 2 anni fa su tio
troppi galli nello stesso pollaio.....al va mia ben....
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-10-29 23:48:28 | 91.208.130.86