Ti Press
CANTONE / SVIZZERA
02.10.2018 - 10:440

Se prendi in affitto oggi, paghi meno

I portali immobiliari indicano che in Ticino il prezzo medio annuo per metro quadrato è di 230 franchi, l'1,5% in meno del mese precedente

ZURIGO - Chi cerca un appartamento in affitto in Ticino potrebbe pagare meno che nel recente passato: è quanto emerge da due indici pubblicati oggi da portali immobiliari, che pur basandosi su mesi diversi e presentando dati in parte non uniformi sembrano mostrare una tendenza di fondo a sud delle Alpi.

Stando all'indice "Swiss Real Estate Offer Index" calcolato da ImmoScout24 insieme alla società di consulenza IAZI, in Ticino il prezzo medio annuo per metro quadrato - si parla di appartamenti nuovi o nuovamente affittati - richiesto in settembre era di 230 franchi, l'1,5% in meno del mese precedente. In calo sono anche Zurigo (-0,8% a 313 franchi) ed Espace Mittelland (-0,4% a 228 franchi), mentre in progressione appaiono Svizzera orientale, Grigioni compreso (+0,1% a 220 franchi), Lemano e Vallese (+0,3% a 299 franchi), Svizzera nordoccidentale (+0,5% a 247 franchi) e Svizzera centrale (+0,6% a 260 franchi).

A livello nazionale l'indice segna una flessione dello 0,1% a 261 franchi. Se il confronto viene fatto invece con settembre 2017 si osserva una progressione dello 0,3%.

Sempre oggi è stato pubblicato anche l'indice curato da Homegate.ch in collaborazione con la Banca cantonale di Zurigo (ZKB), che si riferisce però all'appena iniziato mese di ottobre. In base a questo rilevamento i canoni d'affitto sono rimasti stabili rispetto a settembre, con un indice a 113,4 punti, mentre su base annua vi è stato un arretramento dello 0,2%.

Anche in questo caso le differenze regionali sono importanti. Il Ticino mostra un aumento mensile dello 0,1%, a fronte di un calo dell'1,5% sui dodici mesi. Ginevra presenta gli scarti più marcati, rispettivamente del -1,6% e -3,6%, mentre per Zurigo le variazioni sono del -0,2% e del +0,6%.

Secondo Martin Waeber, direttore di ImmoScout24, la tendenza alla flessione delle pigioni è fortemente rallentata rispetto ai mesi precedenti. "Visto che lo sviluppo positivo dell'economia svizzera supera le aspettative si potrebbe prevedere un aumento degli affitti", spiega il dirigente dell'azienda con sede a Flamatt (FR), citato in un comunicato. «Ma la Banca nazionale svizzera persiste nella sua politica monetaria espansiva: di conseguenza gli appartamenti in affitto rimangono attrattivi come investimenti e il volume delle nuove costruzioni resta elevato».

Da parte sua, chi si può permettere un'abitazione in proprietà è confrontato a un'evoluzione contrastante. Stando ai calcoli basati su ImmoScout24 in settembre i prezzi richiesti dai venditori per una casa unifamiliare sono saliti dello 0,1% rispetto ad agosto, ma sono scesi dell'1,6% sull'arco dei dodici mesi. Si è assistito a un'evoluzione analoga anche per gli appartamenti: +1,0% e -2,6%. I prezzi al metro quadrato il 30 settembre si sono attestati a 6272 franchi (case) e 7025 franchi (appartamenti).

Commenti
 
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-17 14:05:33 | 91.208.130.89