TiPress
ULTIME NOTIZIE Ticino
BODIO
4 ore
Il video con il fucile: «Ma sono bravi ragazzi»
Un gruppo di giovani di Bodio si è esibito sui socail con una clip rap dai toni un po'... estremi. L'intervento del sindaco
LUGANO
5 ore
Derubato e lasciato in mutande a Cornaredo
È accaduto sabato mattina a un collaboratore dell’FC Lugano. La polizia ha fermato una persona, sarebbe un altro collaboratore dell'FC Lugano
LUGANO
6 ore
«È la prima canzone creata solo con l’intelligenza artificiale»
Dall’A alla Zeta. Testi compresi. Così un algoritmo può capire i vostri gusti e realizzarvi brani su misura. Il responsabile del progetto: «Sarà la normalità. È solo questione di tempo»
CANTONE / SVIZZERA
7 ore
Onsernone è il secondo comune più verde della Svizzera
Al primo posto Oltingen, a Basilea Campagna, che conta 366 elettori, con il 38,4% dei voti
CANTONE / SVIZZERA
7 ore
Un premio al professore dell'Usi Benedetto Lepori
Ha realizzato con due colleghi uno studio sulla concorrenza tra le varie alte scuole europee per attirare ricercatori specializzati
BEDANO
8 ore
Rogo nella ditta di vernici, la vittima è stata identificata
Arriva la conferma: si tratta effettivamente del 49enne croato residente a Cadro, che lavorava nel settore. Escluso l'intervento di terze persone
LOSTALLO (GR)
9 ore
Sbanda a causa della pioggia e finisce fuori strada
L'incidente è avvenuto poco dopo le 6.30 di questa mattina sull'A13
LUGANO
9 ore
Consonni: «Siamo sconcertati»
La sentenza sul caso di mala-edilizia non ha lasciato indifferente il sindacato Ocst, che valuterà un ricorso. Duro anche l'MPS: «Indignazione e vergogna»
LUGANO
10 ore
Venti sub per 3 tonnellate di spazzatura nel lago
È questo il risultato dell'operazione "LagoPulito" svoltasi fra Ponte Tresa e Caslano
LUGANO
10 ore
Acqua non potabile dalle sorgenti Tossighera e Mattarone
I comuni interessati sono Alto Malcantone, Cademario, Aranno, Bioggio (frazioni di Iseo, Cimo, Gaggio, Pianazzo e Via Mondonico di Bioggio)
CANTONE
11 ore
Droga: 6 arrestati, un centinaio i denunciati
Lo stupefacente veniva principalmente spacciato nel Locarnese, in Vallemaggia e nel Luganese
LUGANO
11 ore
«Io prete che ha vissuto la depressione, vi racconto l’amore»
Don Luigi Verdi, classe 1958, è il fondatore della "Fraternità di Romena", in Toscana. Nella serata di oggi sarà in Ticino per parlare della sua resurrezione: «Le tecnologie ci hanno rincoglioniti»
CANTONE
12 ore
Anche Minusio vuole regolamentare il 5G
Presentato un atto che chiede la regolamentazione delle antenne di telefonia mobile
LUGANO
12 ore
Artecasalugano, svelati i vincitori
I due si sono aggiudicati rispettivamente l'LDD – Award 19 Sponsored by Palo Alto SA e il Premio svizzero “Architettura Sostenibile”
BELLINZONA
13 ore
Gestione transitoria dei Castelli: ecco il messaggio
La modalità di governance dovrebbe restare in vigore fino al 2025
SAN VITTORE (GR)
02.10.2018 - 06:520

"Salviamo Bassa" contro Ustra: «Abbiamo coscienza vigile e un cervello»

Non si placano gli animi del gruppo contrario al progetto di rinaturazione della zona tra San Vittore e Lumino

SAN VITTORE (GR) - Lo scorso venerdì è stato inaugurato ufficialmente il nuovo Centro di controllo per veicoli pesanti (CCVP), progettato e realizzato dall’Ufficio federale delle strade USTRA sul sedime dell’area di sosta Campagnola (A13) in direzione Sud-Nord. Questo nuovo Centro avrà il compito, assieme a quello già attivo ad Unterrealta (in direzione Nord-Sud), di eseguire dei controlli sui mezzi pesanti per garantire una maggiore sicurezza a tutti gli utenti di questa Strada nazionale.

Appena fuori dal perimetro dell’inaugurazione era presente il presidio del gruppo "Salviamo Bassa" (così si chiama la zona tra San Vittore e Lumino), che è contraria al progetto di rinaturazione e intende per questo «dire basta all'arroganza di Ustra». E proprio il gruppo torna ad attaccare i metodi dell’Ufficio federale delle strade che - a suo dire - «ha allestito un teatrino recitato da un impacciato e impreparato Enrico Galli», capo progetto, che non sarebbe stato in grado di rispondere alle loro domande e li avrebbe anzi «invitati a farsi da parte».

“Salviamo Bassa” accusa Ustra di «avere sempre rifiutato di presentare il progetto con informazioni precise, dettagliate e comprensibili» essendosi limitati a «depositare due faldoni di documenti nelle Cancellerie comunali sperando che nessuno se li andasse a studiare»: «Questa volta avete toppato. Noi ce lo siamo letto sillaba dopo sillaba e guardato attentamente ogni lineetta dei piani».

Il responsabile Ustra della filiale di Bellinzona Marco Fioroni si è detto «dispiaciuto» per le reazioni «alle misure di compensazione ambientale» che prevedono «di ripristinare l’alveo del fiume Moesa prima della costituzione dell’autostrada» e comunque con «misure di compenso», nonostante «ci sarà qualcuno che magari verrà toccato di più». A tutto questo il gruppo “Salviamo Bassa” risponde con amarezza, ma con «coscienza vigile e un cervello capace di pensare»: «Come pensa Ustra di compensare le persone che frequentano questa zona e che non potranno più farlo nella libertà che questi luoghi oggi permettono? E come pensa Ustra di compensare la terra che sottrae per assurdi progetti? Pagando? E poi? Si coltiveranno i quattrini? Il bestiame verrà nutrito con banconote e monetine? Ma la terra non ha prezzo, signori, il territorio non è in vendita! E credete ancora, dall'alto dei vostri 32 milioncini, che non abbiamo veramente capito cosa si voglia fare?».

1 anno fa Inaugurato il centro di controllo dei Tir
Commenti
 
albertolupo 1 anno fa su tio
Magari hanno cervello. Di sicuro hanno i terreni toccati dal progetto e la fanno diventare una battaglia per l’ambiente... Ancora più certo è che il tipo dell’USTRA non ha idea di come si presenta un progetto e nemmeno sa bene di cosa si tratta.
vulpus 1 anno fa su tio
USTRA ha troppi soldi da spendere in cose inutili. Nessuno li obbliga a modificare il territorio a loro desiderio.Se i residenti rivendicano qualcosa che è già presente , e senza investimenti milionari, che si dia concretezza a quanto chiedono: non sembra che vogliano la luna nel pozzo, ma un semplice ripristino di territorio allo stato attuale. Del resto queste compensazioni fanno solo danni: vedremo cosa succede ora a Castione con una storia analoga con le FFS: si sprecano risorse eterreni pregiati, per calcoli economici e politici, quando le soluzioni già esistono
albertolupo 1 anno fa su tio
@vulpus Se lo fanno è perché devono. Figurati se gli ingegneri si mettono a progettare misure compensative di loro spontanea volontà. Senza conoscere in dettaglio la trafila, direi che sono misure compensative legate all’ampliamento dell’autostrada tra Castione e Roveredo, regolate dalla Legge sulla protezione dell’ambiente e dall’ordinanza sull’esame d’impatto ambientale. A Castione la storia arrischia di essere diversa, con le FFS che fanno quello che vogliono (ma non sono sicuro).
albertolupo 1 anno fa su tio
@albertolupo ...fanno quello che vogliono nel senso che fanno il loro capannone e se ne fregano di tutto il resto...
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-22 01:25:34 | 91.208.130.89