Tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
4 ore
L'ultima volta in streaming del PLR
Christian Vitta ha ripercorso i "problemi" con Berna nella fase calda della pandemia
MENDRISIO
5 ore
GranCasa saluta il Ticino
La catena di arredamento italiana lascerà Mendrisio entro la fine dell’anno
CANTONE
5 ore
L’appello dei medici: «Usate la mascherina»
Tra i firmatari Franco Denti, Christian Garzoni, Mattia Lepori e il medico cantonale Giorgio Merlani
LUGANO
6 ore
La chiesa ha riaperto le porte
Una quarantina di fedeli si è recata questa mattina nella chiesa S. Antonio per la messa mattutina
BELLINZONA
8 ore
62 giorni di battaglia prima del ritorno alla vita
Il consigliere comunale Fabio Briccola è stato uno degli oltre 3'300 ticinesi colpiti dalla malattia.
BELLINZONA
8 ore
I commerci locali vogliono tornare a sorridere
Negozi aperti il 1. giugno per provare a ripartire dopo la pandemia. E un concorso lungo due mesi
CANTONE
9 ore
Lingue e Sport 2020: confermata l'offerta estiva
I corsi avranno luogo come previsto. Ed è ancora possibile iscriversi
MENDRISIO
9 ore
Non solo il Fiore di Pietra, dal sei giugno è riapertura vera
Da sabato prossimo il Monte Generoso sarà nuovamente raggiungibile con il trenino. E riapre pure il camping a Melano.
TENERO
10 ore
Vince 88mila franchi con un gratta e vinci
Ha speso solo otto franchi per un biglietto e si è ritrovata con una vincita che l’ha lasciata senza parole
CONFINE
10 ore
«La Svizzera riapra la frontiera con l'Italia»
È l'appello di esponenti leghisti della vicina penisola: «La chiusura è un ulteriore colpo al nostro turismo»
VATICANO
21.09.2018 - 12:010
Aggiornamento : 12:41

Premio Ratzinger a Mario Botta: «Sono sorpreso e onorato»

L'architetto ticinese riceverà il prestigioso riconoscimento direttamente da Papa Francesco

CITTÀ DEL VATICANO - «La prima reazione di fronte a questo riconoscimento è stata ovviamente quella di sorpresa. Il fatto curioso è che all'interno di una società secolarizzata, emerge una ricerca, uno studio, un'architettura che trova nello spazio del sacro la sua ragione più profonda, la sua ragione prima». È il commento dell'architetto ticinese Mario Botta, ai microfoni di Radio Vaticana Italia, dopo l'annuncio che, insieme alla teologa bavarese Marianne Schlosser, gli sarà conferito quest'anno il Premio Ratzinger, il 17 novembre dalle mani di papa Francesco.

«Vuol dire che non è per niente marginale il tema, ovvero la tipologia dello spazio di silenzio, di preghiera, di meditazione che rappresentano i luoghi di culto», prosegue Botta. «Il Premio - osserva - dimostra che essi sono oggetto di attenzione persino del Papa. Attraverso la geometria che caratterizza la base di questa mia ricerca, di questa mia composizione architettonica, ecco che ritroviamo gli elementi propri della cultura architettonica che per quanto mi riguarda è una cultura ecclesiale. La mia formazione è tutta ecclesiale».

Botta, tra i maggiori architetti contemporanei, spiega che «se tolgo le tipologie ecclesiali nella storia dell'architettura resta ben poco: qualche castello, qualche palazzo civile, ma meno significativo - certamente - di tutto il corpus edilizio legato ai luoghi di culto che dal romanico o ancora dal primitivo fino al Rinascimento, al Barocco, all'800, al 900, fino a Rudolf Schwarz e al sodalizio straordinario con Guardini, hanno caratterizzato questi particolari spazi che ancora oggi - qui risiede il grande significato di questo premio - però sono elementi di grande bellezza metaforica all'interno della civiltà contemporanea».

Tra i concetti spesso espressi da Botta il fatto che «alla base del progettare architettonico c'è la ricerca primordiale dell'infinito». «Sì, l'architettura porta con sé l'idea del sacro. Il primo gesto architettonico è quello di determinare un perimetro, un contorno, un limite e questo fa parte dell'idea stessa dell''ecclesia' che separa un interno dal grande macrocosmo esterno. È un recupero dei valori primordiali del fatto architettonico stesso, dell'idea di gravità, della luce come generatrice dello spazio, dell'idea della soglia come separazione tra un interno ed un esterno».

Botta ritiene comunque che «l'architettura abbia dato il meglio, ma anche il peggio nella sua espressione contemporanea proprio attraverso gli spazi di culto. Le istituzioni preposte al silenzio, alla preghiera, alla meditazione talvolta hanno avuto delle immagini abnormi che non hanno nulla a che vedere con la ricerca della bellezza». «Ritengo che questo - forse - sia dovuto un po' a degli sbalzi ideologici, basti pensare agli approcci post-sessantottini, dove si teorizzava persino che la miglior chiesa era quella nei garage o nelle grandi fabbriche, nelle grandi strutture dismesse, come se il sacro potesse trovare espressione non importa dove. C'è tutta questa cultura post-sessantottina che deve essere rivista. Credo che sia stato un bene tentare di resistere a questa finta democratizzazione dello spazio di culto», conclude.

Il ticinese è tra l'altro autore di una delle dieci cappelle esposte nel padiglione della Santa Sede nell'Isola di San Giorgio, alla Biennale di architettura in corso a Venezia, dove è ospite oggi, per iniziativa del Dicastero vaticano per la Cultura e del cardinale Gianfranco Ravasi, per l'incontro "Geometrie dello Spirito. Un viaggio tra architettura, cultura e musica".


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-05-29 04:06:48 | 91.208.130.86