Immobili
Veicoli
CANTONE
04.09.2018 - 10:230

In bicicletta nelle rotonde tenersi al centro

Un incidente su tre all’interno di una rotonda vede coinvolto un o una ciclista. Tuttavia, solo nel quattro per cento dei casi i ciclisti sono i principali responsabili dell’incidente

LUGANO - Le rotatorie sono particolarmente a rischio d’incidente per le cicliste e i ciclisti: il pericolo di non essere visti è particolarmente elevato. Un incidente su tre all’interno di una rotonda vede coinvolto un o una ciclista. Tuttavia, solo nel quattro per cento dei casi i ciclisti sono i principali responsabili dell’incidente.

Una delle ragioni è il profilo sottile di chi va in bicicletta, che contribuisce a non farlo scorgere in tempo da parte degli automobilisti.

Per contrastare questo fenomeno, è d’aiuto circolare al centro della carreggiata nelle rotatorie. Le persone in sella a una bicicletta sono così più nel campo visivo. Gli automobilisti vedono meglio la bicicletta al centro della carreggiata e anche sorpassare il ciclista in una rotonda diventa così più difficile.

Circolare in bicicletta al centro della carreggiata nelle giratorie è espressamente consentito dalla legislazione. Tuttavia, solo la metà dei conducenti di biciclette e automobili conosce questo modo di rendersi visibili nelle rotonde. Una lacuna nelle conoscenze che l’attuale campagna di Pro Velo e dell’ATA vogliono colmare.

Le analisi degli incidenti mostrano che circa l’80 per cento delle collisioni fra auto e bici avvengono di giorno con buone condizioni di visibilità. Circolare al centro nelle rotatorie e rendersi visibili con il gesto del braccio il più presto possibile sono regole di comportamento che possono salvare la vita, anche alle cicliste e ai ciclisti più esperti.

Distanza e velocità moderata - Nelle rotonde gli automobilisti devono tenere una distanza sufficiente dai ciclisti e non sorpassarli.

Riducendo la velocità aumenta sia la capacità di percezione sia quella di reazione. È importante sapere che la più frequente causa d’incidenti è la capacità limitata di assumere informazioni e di prepararsi. Il cervello umano può percepire visivamente e prestare attenzione a non più di tre oggetti al secondo ed elaborarli nel dettaglio, spiegano gli psicologi del traffico. Perciò consigliano che, in quanto utenti della strada vulnerabili, i ciclisti dovrebbero sempre proteggersi circolando in modo corretto.

Così le cicliste e i ciclisti sono visibili e sicuri nelle rotonde:

1. Quando vi immettete nella rotonda date uno sguardo indietro e spostatevi verso il centro.

2. I veicoli all’interno della rotatoria hanno la precedenza.

3. Nella rotonda circolate al centro della carregiata.

4. Prima di uscire dalla rotonda date un chiaro segnale col braccio.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-28 03:50:08 | 91.208.130.86