TiPress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
19 min
Swiss sui voli cancellati: «Siamo in stretto contatto con Adria Airways»
CANTONE / SVIZZERA
35 min
Lavoratori distaccati: «No a maggiori diritti verso gli appaltatori»
CANTONE
1 ora
Casse malati, l’Ordine dei medici sta con Raffaele De Rosa
BIASCA
2 ore
Licenziato dall'Ocst: «Sono distrutto»
CANTONE
3 ore
Prevenzione o radar trappola? A Camorino è strage di multe
CANTONE
3 ore
Martina Hirayama ricevuta da Manuele Bertoli
CANTONE
4 ore
Consuntivo 2018, c'è l'ok del Gran Consiglio
CANTONE
4 ore
Troppi voli cancellati: «Non si può andare avanti così!»
CANTONE
4 ore
Pau-Lessi: «Mai coperto nessuno». E chiede di essere sentito dal Gran Consiglio
CANTONE
5 ore
Mountain bike elettriche da condividere fra Biasca e Blenio
LOCARNO
5 ore
Carte di credito, cellulari e leasing con identità altrui. Arrestata
CANTONE
6 ore
Terza corsia sull'A2? «Basta con le soluzioni prefabbricate»
BELLINZONA
8 ore
Frena per evitare lo schianto, 15enne in ospedale
CANTONE
8 ore
Guido salvato da un infarto. Un video spiega come
CANTONE / SVIZZERA
8 ore
«Nessun debito fiscale nei confronti della Svizzera»
CANTONE
03.09.2018 - 14:020

La scuola è ricominciata: meglio andarci a piedi

Il Consiglio di Stato ripropone il progetto cantonale a comuni, allievi e famiglie per un tragitto «più sicuro e accattivante». Ecco le regole d'oro per essere sicuri nel traffico

BELLINZONA - Questa mattina le scuole ticinesi hanno riaperto le porte agli allievi. Il nuovo anno scolastico è iniziato e tra le preoccupazioni legate a tutto questo c'è anche quella relativa al traffico e alla sicurezza sulle strade. Il Consiglio di Stato ha quindi deciso di rilanciare il progetto cantonale Meglio a piedi, rinnovando gli auguri a tutti gli allievi per «un anno pieno di soddisfazioni, in cui crescere insieme e diventare sempre più indipendenti anche camminando sul percorso tra casa e scuola».

Affrontando tutti i giorni il percorso casa-scuola, infatti, ci si muove, si scopre il quartiere, si aumenta l’autonomia, si rafforzano le vecchie amicizie e se ne fanno di nuove. Il progetto cantonale si rivolge a comuni, allievi della scuola dell’obbligo e alle loro famiglie affinché il tragitto da casa a scuola sia sempre più sicuro e accattivante.

Il Piano di mobilità scolastica - Sono già 40 i comuni ticinesi che hanno aderito al progetto, concretizzandolo attraverso un Piano di Mobilità Scolastica (PMS): oltre 14'000 fra bambini e ragazzi frequentano la scuola in comuni che hanno ridotto il traffico intorno alle scuole realizzando le Isole Felici, rendendo le strade più sicure e adatte alla mobilità lenta, introducendo percorsi pedonali e fermate Scendi e vivi, dove chi è accompagnato in auto può scendere per raggiungere la scuola a piedi in sicurezza.

Attraverso i PMS si può contribuire anche ad un cambio di mentalità tanto importante quanto universalmente vantaggioso; andare a piedi, in bicicletta, con i mezzi pubblici consente di fare movimento, risparmiare tempo e denaro, con esso si contribuisce a migliorare l’ambiente e a ridurre il traffico, facendo guadagnare tutti in qualità di vita.

Il sostegno economico - Per questi motivi, nella seduta di questa settimana, il Consiglio di Stato ha rinnovato il sostegno al progetto cantonale Meglio a piedi che promuove una visione unitaria sul tema della mobilità lenta, sostenendola con strumenti progettuali e contributi ai comuni che introducono un PMS. Nei prossimi anni, inoltre, il progetto estenderà la sua azione puntando alla mobilità lenta per tutti, non solo per gli allievi, forte anche delle esperienze precedenti e di un quadro di politiche e strategie settoriali più mirato.

Il ruolo della famiglia - Se dunque i comuni possono lanciare PMS sul loro territorio, cosa possono fare i genitori con e per i loro ragazzi? Anche chi non potesse abbandonare definitivamente l’auto, ma vivesse comunque ad una distanza da scuola compatibile con una passeggiata, almeno una volta alla settimana potrebbe accompagnare suo figlio a piedi oppure per tramite del trasporto pubblico. In questo modo potrà studiare il percorso ideale e più sicuro, lasciando al bambino progressiva iniziativa finché sarà pronto per andare in piena autonomia. Se poi fossero disponibili percorsi pedonali o piste ciclabili, sarebbe peccato non approfittarne, in bicicletta naturalmente sempre con il casco in testa!

Il progetto - Meglio a piedi è un progetto interdipartimentale sostenuto dal Consiglio di Stato. Coordinato dal Dipartimento della sanità e della socialità (Servizio di promozione e valutazione sanitaria dell’Ufficio del medico cantonale), il progetto è condotto in collaborazione tra Dipartimento del territorio (Sezione della mobilità e Sezione dello sviluppo territoriale), Dipartimento delle istituzioni (Progetto Strade sicure e Polizia cantonale) e Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport (Sezione delle scuole comunali e Sezione dell’insegnamento medio). I contributi a disposizione dei comuni per la realizzazione di Piani di mobilità scolastica sono garantiti tramite l’Ufficio Fondi Swisslos e Sport-toto. 

Infine, Meglio a Piedi coglie l’occasione per ricordare ai più piccoli le regole d'oro per essere più sicuri nel traffico:

 Fatti vedere! Indossa sempre la pettorina catarifrangente
 Cammina lungo il marciapiede o lungo il ciglio della strada
 Per attraversare: fermati, guarda a sinistra, a destra e poi ancora a sinistra
 Guarda l’automobilista negli occhi, assicurati che ti abbia ben visto e che l’auto sia ferma
 Anche attraversando, controlla sempre che non arrivino nuovi veicoli

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-18 20:29:11 | 91.208.130.86