Tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
8 min
Oltre trenta domande sulla politica carceraria
L'interrogazione al Consiglio di Stato si inserisce in un'indagine avviata dal deputato ginevrino Pierre Bayenet
LUGANO
23 min
Lavori stradali a Viganello, ecco dove fare attenzione
Si terranno di notte, tra il 25 di novembre e il 6 di dicembre
BELLINZONA
30 min
Haber a Castellinaria: «Chiedo scusa a tutte le donne»
Nell'occhio del ciclone "la performance" sessista dell'attore bolognese domenica sera al festival per ragazzi, soprattutto nei confronti della presentatrice
LUGANO
40 min
Il LAC supera il milione di presenze
Anche la quarta stagione del centro culturale ha registrato un incremento di pubblico arrivando a quota 280’721
CANTONE
49 min
Il Mendrisiotto dimenticato e tartassato
Interrogazione di Matteo Quadranti, che chiede al Governo di difendere la stazione internazionale di Chiasso e i momò dal rincaro dei premi di cassa malati e della benzina
FOTO
BELLINZONA
1 ora
Cent'anni di proporzionale a Palazzo delle Orsoline
Una mostra ripercorre le dinamiche che portarono la Confederazione ad introdurre il sistema proporzionale per la ripartizione dei seggi in Consiglio Nazionale
LUGANO
1 ora
Ecco chi ha vinto il premio svizzero Architettura sostenibile
Lo hanno assegnato a Lugano Artecasa e Raiffeisen, a vincere Oppenheim Architecture di Basilea e attivo in tutto il mondo
CANTONE
2 ore
Roberto Bevacqua è il nuovo Capo della Sezione delle finanze del Dfe
Sostituirà Sandro Destefani, ora direttore della Divisione dell'ambiente
GAMBAROGNO
2 ore
Traffico da incubo, torna la “mega rotonda” in zona Pergola
La sua messa in funzione è prevista entro circa 15 giorni. Intanto la colpa delle code viene attribuita anche al cantiere di Luino
CANTONE
2 ore
L'onda verde conquista il Malcantone
Si presenta un neocostituito gruppo ecologista che mira a dare risposte ai problemi urgenti della regione
CANTONE / SVIZZERA
28.08.2018 - 14:350

Ozono e polveri fini: in Ticino i valori più alti

La qualità dell'aria, secondo il rapporto dell'UFAM, ha tuttavia registrato un miglioramento negli ultimi 30 anni

BERNA - Nel 2017 i valori limite delle emissioni inquinanti sono stati in parte superati in Svizzera per quel che riguarda ozono, polveri fini e diossido d'azoto. I dati più elevati si registrano in Ticino. La qualità dell'aria è però nettamente migliorata negli ultimi 30 anni, secondo il rapporto annuale dell'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM).

Riguardo ad anidride solforosa, monossido di carbonio, ricadute di polveri e metalli pesanti, i valori limite sono invece stati rispettati, viene evidenziato nel rapporto pubblicato oggi.

Secondo l'UFAM, i dati confermano il successo della politica in materia di protezione dell'aria portata avanti da Confederazione, Cantoni e Comuni. La qualità dell'aria è nettamente migliorata dal 1985 e la maggioranza dei valori fissati per la protezione della salute e dell'ambiente viene oggi rispettata.

Gli obiettivi per la qualità dell'aria scritti nella legge non sono però ancora del tutto raggiunti, in particolare a causa della presenza troppo elevata di sostanze come ozono, polveri fini, diossido d'azoto e inquinanti cancerogeni.

I valori limiti dell'ozono - 120 microgrammi per metro cubo (μg/m3) - sono superati praticamente ovunque. I carichi maggiori si misurano però in Ticino, in particolari alle stazioni di rilevamento di Lugano e Magadino. Nel cantone italofono si registra la media oraria più elevata, con 213 μg/m3, mentre a nord delle Alpi i picchi arrivano a 177μg/m3.

Il diossido d'azoto ha invece superato i valori in diversi luoghi, ma raramente ha raggiunto i limiti in media giornaliera. I dati più elevati si registrato in particolare nei centri città, mentre la situazione rimane nella norma nelle zone rurali.

Le polveri fini superano a volte i limiti giornalieri, ma per quel che riguarda la media annua i valori vengono rispettati ovunque in Svizzera. Anche in questo caso la sostanza è maggiormente presente in Ticino.

L'UFAM ricorda che l'inquinamento dell'aria è causa di malattie e decessi prematuri. È dunque indispensabile continuare ad applicare una politica coerente per eliminare il più possibile le emissioni.

Commenti
 
Nmemo 1 anno fa su tio
Cifre alla mano, sembrerebbero più interessati al prossimo aumento della tassa sul CO2, che alla qualità dell’aria che la gente respira. In Svizzera vogliono sempre essere i primi della classe (mondiale). Senza pesare la quantità trascurabile d’immissioni in America, Asia, Africa, peraltro “roba” che si ferma in dogana, anche quello che ci arriva dai vicini, non è ipotizzabile pensare che a breve facciano qualcosa di concreto. Loro hanno priorità già per qualche viadotto, cavalcavia, per contenere il costo dei prodotti, ecc., e un per po’ di CO2 …con quel che già costa la benzina… Per contro per l’inquinamento locale (per le bolle al suolo) è giustificato un intervento puntuale e mirato, senza far conto che per migliorare la qualità dell’aria basta che piova o tiri vento.
Equalizer 1 anno fa su tio
Ma qualcuno si rende conto che non viviamo dentro una cupola di vetro? Fare qualcosa? Assolutamente sì, ma per avere un risultato in Ticino la collaborazione della lombardia, di conseguenza l'Italia, è d'obbligo, ma visto che questa mia ultima frase, come Biancaneve, è pura fantasia, rimarremo nella mer... per molto tempo ancora.
siska 1 anno fa su tio
Ah ah ah ah ah ah ah é l'estate 2018 ahhhh già siamo appena a settembre bisognerà attendere i risultati per l'anno prossimo! Ah ah ah ...e intanto andiamo avanti a respirare le maledette polveri! Il ticino? ah ah ah ah ah ah ah non c'é più nessun tipo di volontà politica e di conseguenza tanti attori in gioco se ne fanno uno sbaffo ogni giorno.
Nmemo 1 anno fa su tio
Le leggi (il diritto federale) sono in vigore, e in altri Cantoni applicate da una decina di anni. Che si vuole ancora raccontare a chi ha problemi respiratori e soffre maggiormente anche per la lacunosa esecuzione di controlli sistematici nel Cantone? Si sa, la problematica non è mai stata un cavallo di battaglia leghista, non porta consensi elettorali! Da quelle parti solo a parlarne si storce il naso. Di questi tempi si preferisce buttare l’esca ai pescatori, ma pagherà politicamente una politica ambientale settoriale finalizzata al risultato elettorale? (Paul Scherrer Institut : 1/4 delle immissioni sono generate da combustioni a legna, anche professionali quali pizzerie). Si sa, è problematico intervenire sulle emissioni del traffico (1/2) , ma l’intervento puntuale sulle altre fonti di immissione è una questione di rigore.
francox 1 anno fa su tio
"L'UFAM ricorda che l'inquinamento dell'aria è causa di malattie e decessi prematuri. È dunque indispensabile continuare ad applicare una politica coerente per eliminare il più possibile le emissioni." CONTINUARE A FARE CHE? Ci trattano pure da fessi!
Bandito976 1 anno fa su tio
É tutta l'estate che c'é traffico e inquinamento, si svegliano soltanto ora? Ah giá dovevano andare in vacanza in auto.
roma 1 anno fa su tio
...inutile fare le misurazioni se poi non si fa nulla per cambiare lo stato delle cose.
Sciacallo 1 anno fa su tio
Ma il governo quest'estate non ha applicato mezza misura di crisi... per non parlare di misure a lungo termine di cui non vi è neppure l'ombra. Anzi... vengono diminuiti i sussidi per l'elettromobilità...
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-20 16:49:53 | 91.208.130.87