Ti Press
CHIASSO
27.08.2018 - 15:300
Aggiornamento : 16:31

Mendrisiotto dimenticato dalle FFS? «Il nostro sguardo è sull'intero Cantone»

Le Ferrovie federali rispondono a chi sostiene che vi sia uno smantellamento di posti di lavoro e di investimenti nella regione momò

CHIASSO - La situazione dei posti di lavoro in seno alle FFS nel Mendrisiotto, ed in particolare a Chiasso, fa discutere. Dibattito che ha spinto le Ferrovie Federali a ribadire, con un comunicato stampa, che la crescita nel corso degli ultimi anni è stata costante a livello cantonale e che un quarto dei collaboratori FFS in Ticino è attivo nella regione momò.

«Il numero di collaboratori a livello ticinese è costantemente cresciuto nel corso degli ultimi 10 anni e circa 1/4 del totale è attivo nel Mendrisiotto; le FFS orientano tuttavia il proprio sguardo sull’intero Canton Ticino e non sulle singole regione», affermano, precisando poi che, rispetto a 30 anni fa, «grazie alle innovazioni tecnologiche e alla digitalizzazione che hanno interessato tutti i settori della società, il fabbisogno di manodopera e i profili della stessa siano cambiati e con essi le strutture organizzative delle aziende».

Ribadendo che «la regione del Mendrisiotto riveste una grande importanza per le FFS» e citando come esempi «gli importanti investimenti presso la stazione di Chiasso, per la nuova fermata di Mendrisio – San Martino, per l’area di smistamento tra Chiasso e Balerna e per la nuova linea transfrontaliera tra Mendrisio e Varese», le FFS ribadiscono che non si vogliono cancellare posti di lavoro, «bensì mantenere le infrastrutture, gli immobili e i servizi al passo coi tempi e con le necessità dell’utenza». I 10 posti di lavoro di Chiasso, come riportato oggi da alcuni media, non saranno cancellati, bensì trasferiti a Pollegio a partire da aprile 2019. Decisione che rientra in una più ampia strategia a livello svizzero atta a centralizzare i collaboratori del traffico ferroviario nelle 4 centrali d'esercizio e rendere così più effettivo il lavoro.

Infine, le FFS sottolineano come attualmente nel solo Canton Ticino vi siano 130 persone in formazione in 12 professioni differenti. 

Fonio: «Sono geniali, lo ammetto» - La risposta delle FFS ha lasciato basito Giorgio Fonio, co firmatario dell'interrogazione bis presentata al Governo sul "complicato rapporto" fra FFS e Mendrisiotto: «Nella loro risposta dicono che non è vero che licenziano, ma semplicemente spostano i posti di lavoro. Sono geniali, lo ammetto».

E rilancia: «Sono sempre più convinto che la regione debba unirsi e difendersi chiedendo e pretendendo che non vengano più delocalizzati posti di lavoro, che si torni a valorizzare il carattere Internazionale della stazione di Chiasso e ci si impegni per portare nel Mendrisiotto nuovi settori che creerebbero nuovi posti di lavoro».

 

Commenti
 
gmogi 1 anno fa su tio
Mi piacerebbe sapere quanti (ex) apprendisti diplomati quest’anno hanno lasciato a casa qui in Ticino...
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-02-25 00:47:53 | 91.208.130.89