Keystone
CANTONE
24.08.2018 - 08:570
Aggiornamento : 12:17

Attenti al "falso poliziotto"

Negli ultimi casi di truffa segnalati, al telefono c'è un finto agente che chiede denaro per la copertura delle spese causate da un incidente in cui è coinvolto un parente

LUGANO - La Polizia cantonale mette in guardia la popolazione sulle truffe telefoniche che, nell'ultimo periodo, hanno colpito soprattutto persone anziane residenti nel Sottoceneri.

La vittima viene contattata telefonicamente da una persona che si finge un nipote, un parente lontano o, addirittura, un ufficiale di polizia. Recentemente è infatti capitato che dall'altra parte del telefono qualcuno si presentasse come un poliziotto della comunale, chiedendo insistentemente il pagamento di un'importante somma di denaro per la copertura delle spese legate a un incidente. Sinistro in cui sarebbe coinvolto un parente della vittima della truffa, il cui pianto viene fatto sentire in sottofondo durante la telefonata. Alla persona che si trova dall'altra parte dell'apparecchio, il finto poliziotto chiede di prelevare il denaro con urgenza (fino a diverse decine di migliaia di franchi) per permettere al parente di uscire di prigione.

La polizia cantonale precisa che le telefonate giungono principalmente su telefoni fissi e, laddove è presente un display, il numero in entrata appare come "sconosciuto".

Per evitare di cadere nell'inganno, la popolazione è invitata a prestare molta attenzione e a diffidare dalle "improvvisate telefoniche". È importante esprimere i propri dubbi a chi si trova dall'altra parte del telefono e non prendere decisioni affrettate. Inoltre, non si bisogna accettare di consegnare del denaro a sconosciuti. La Polizia cantonale invita, anzi, a chiamare subito il 117.

Ecco i consigli per non incappare in questo genere di truffe:

- siate sempre diffidenti quando ricevete chiamate con richieste di denaro;
- non citate mai il nome dei vostri parenti al telefono. Specificate che in casi d'emergenza dovete dapprima consultarvi con qualcun altro e interrompete subito la conversazione telefonica. Poi contattate un parente che conoscete bene e di cui vi fidate e con lui/lei verificate le informazioni;
- non consegnate mai denaro o oggetti di valore a sconosciuti;
- non date a nessuno informazioni sui vostri averi, né su quelli che tenete in casa né su quelli che avete in banca;
- se una chiamata vi sembra sospetta, informate subito la polizia, telefonando al 117 (numero d'emergenza);
- informate i vostri parenti e conoscenti dell'esistenza di questo tipo di truffa.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
siska 3 anni fa su tio
...naturalmente sarebbe interessante fargli vedere la luna verde pisello nel pozzo nero a questi imbe che telefonano per estrapolarti denaro....
siska 3 anni fa su tio
Fuori tema: soprattutto non credere alle diramazioni farlocche sui "cali" della disoccupazione e tutto un sali e scendi senza nessun criterio.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-19 15:20:11 | 91.208.130.86