FOTOLIA
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
2 ore
A colloquio con due massoni, e le loro rivelazioni
Ne abbiamo incontrati due. Hanno rivelato ciò che accade nei gruppi massonici e chi sono. Qualcosa di inquietante è emerso
FOTO / VIDEO
LUGANO
4 ore
Il venerdì sera deserto della Foce
Prima serata di chiusura per lo sbocco del Cassarate. La zona sarà off-limits dopo le 20 anche domani e domenica
PORZA
5 ore
Qualche goccia di pioggia, un po' di sole... e spunta l'arcobaleno
La breve parentesi di temporale ha regalato uno spettacolo di colori in cielo
CANTONE
7 ore
Padre despota condannato a 8 anni
Il 48enne siriano è stato ritenuto colpevole di tre tentati omicidi intenzionali
CAPOLAGO
7 ore
I vecchi binari del Generoso hanno riaperto la chiesetta
Il restauro è stato finanziato con la vendita dei vecchi pali disseminati lungo il percorso che conduce in vetta
CANTONE
8 ore
La Galleria di Grancia è rimasta chiusa per «problemi tecnici»
È successo attorno alle 17:30 di questa sera per poi riaprire circa 15 minuti dopo con qualche disagio al traffico
CANTONE
8 ore
Radar sull'attenti in quattro distretti
L'elenco dei rilevamenti della velocità previsti per la prossima settimana
SONDAGGIO
CANTONE
8 ore
«Rilanciamo il turismo con un hovercraft tra Locarno e Bellinzona»
Una mozione UDC invita il Ticino a risollevare il settore con idee innovative
VEZIA
9 ore
Ecco come mantenere in vita i negozi di paese
Sono stati presentati i risultati di uno studio promosso dall'Ente regionale per lo sviluppo del Luganese
LUGANO
10 ore
Un giro di boa per la traversata ai tempi del coronavirus
La nuotata popolare avrà luogo il prossimo 23 agosto e la partecipazione è limitata ai residenti in Svizzera
CANTONE
11 ore
Poliziotti sotto tiro, il sindacato reagisce
Il sindacato Ocst funzionari di polizia segnala l'aumento di attacchi, fisici e verbali, contro le forze dell'ordine
CANTONE
12 ore
«Senza aiuti Covid, noi cliniche private costrette a licenziare»
«Abbiamo garantito il pieno supporto al Cantone nella gestione dell'emergenza Covid»
GORDOLA
13 ore
Chi ha aiutato Aurèle sulla via dei Monti Motti?
La polizia è in cerca dell'uomo che aveva aiutato Aurèle a ritrovare la via. Si è smarrito di nuovo.
CANTONE
25.06.2018 - 08:250
Aggiornamento : 11:50

Paranoia o necessità? Il ladro lo “becco” col cellulare

Guerra ai furti con scasso: ora va di moda il sistema di sorveglianza in collegamento video con lo Smartphone. Non tutti, però, ne sono convinti

LUGANO – Il ladro ti entra in casa e tu sei in montagna? Non solo ti arriverà un sms di avviso sul cellulare. Ma riceverai un video che ti permetterà di vederlo in azione. Il sistema di allarme con video verifica immediata dell’intrusione del malvivente rischia di diventare uno dei tormentoni dell’estate. Sono in molte, nella Svizzera italiana, le ditte di sicurezza che lo stanno spingendo. Tra cui Swissalarm che, con la sua promozione, sta bombardando tutti i fuochi. «L’estate – sostiene il responsabile Sergio Gianolli – è uno dei periodi in cui la gente sta fuori casa più a lungo. Ed è normale per noi spingere questi prodotti».    

Manca la cultura – Una media di 113 furti con scasso al giorno in Svizzera, nel 2017. In Ticino si parla di 21 casi a settimana, con un calo del 29% rispetto all’anno precedente. Sono le cifre emerse da un recente rapporto della polizia della Città di Lugano, che, per abbassare ulteriormente il numero di crimini, ha rilanciato la campagna di prevenzione “Prevedere”. «Eppure – sottolinea Donato Filippo Palumbo, titolare della Techno Security –, constato che in Ticino non c’è ancora la cultura del volersi proteggere. Spesso si tende a pensare che tanto non ci succederà mai nulla. In molte case nuove noto che non c’è ancora il sistema d’allarme incluso. Assurdo».

Livello personalizzato – I sistemi di ultima generazione, collegati al telefonino, tuttavia, sembrano avere conquistato la massa. Già da qualche anno. «Anche perché – precisa Palumbo – con 3.000 franchi te ne porti già a casa uno discreto». «Il cliente – aggiunge Luigi Cairoli, direttore di Ticino Securitas – ha la possibilità di decidere come impostare il livello del proprio sistema di allarme. Ad esempio, se collegarlo direttamente con una ditta che avvisa la polizia. Alcuni scelgono di ricevere prima il video di quanto sta accadendo in casa e di chiamare, in seguito, e solo se è il caso, il pronto intervento. Questo per evitare falsi allarmi. Può sempre capitare che la moglie, sbadatamente, entri in casa senza disattivare il sistema di allarme…»

Qualche dubbio resta – Lo scetticismo, tra la clientela, comunque non manca. Alcuni temono di farsi prendere dal panico e di controllare ossessivamente il cellulare per vedere se tutto sia sempre in regola. Altri immaginano una violazione della propria privacy da parte delle aziende che gestiscono i server del sistema. Altri ancora si fanno raggirare da ditte poco competenti e si fanno installare sistemi poco efficaci. «Il nostro settore – spiega Gianolli – è pieno di ditte serie. Ma ce ne sono anche alcune che rovinano la categoria. Più di una volta noi dobbiamo metterci una pezza. Violazioni della privacy? Da escludere. Siamo serissimi».

Un altro punto di vista – Ma tra gli addetti ai lavori, c’è anche chi è fuori dal coro. Mauro Chiaravalli, responsabile di Winprotect, ha una visione un po’ diversa della situazione di mercato. «Il consulente deve sempre trovare una soluzione personalizzata al cliente che ha di fronte. I sistemi che ti fanno arrivare le immagini sul cellulare? Sono ottimi, ma indispensabili solo in alcune circostanze. Io li vendo, certo, però bisogna essere onesti. Quasi tutti i sistemi di sicurezza permettono di monitorare la propria abitazione e di sapere cosa è accaduto. Non c’è bisogno di riempire ogni angolo della casa con sensori di video verifica».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
dan007 2 anni fa su tio
Personalmente ritengo che il lavoro deve essere svolto a livello preventivo dalle frontiere, negli anni 80/90 le frontiere erano molto selettive oggi si fa entrare gente molto sospetta con una fedina penale sporca. I ladri scorrazzano nelle nostre latitudini perché siamo ancora dell idea che in Svizzera siamo al sicuro quindi si relativizza esce qui l’errore perché i ladri pensano che noi siamo ricchi e in ogni caso super coperti da assicurazioni
Ingrid Vescio-Scolari 2 anni fa su fb
Paranoia totale a mio avviso vivi senza paura tanto se deve succedere che fai lo guardi mentre svaligia la casa?non è pure peggio?
zecca 2 anni fa su tio
Sistemi che portano molti vantaggi …. soprattutto a chi li vende !
albertolupo 2 anni fa su tio
...e naturalmente la prima falla di sistema sarà che l'app te la usano i ladri per 1) vedere cosa hai in casa, 2) sapere quando non ci sei
albertolupo 2 anni fa su tio
Bello. Sei in montagna e vedi che ti stanno svaligiando la casa. Molto utile.
Mattiatr 2 anni fa su tio
@albertolupo Almeno se vedi il video sul natel scendi più in fretta. Può essere utile se sta per piovere. :-D ¶ Io in montagna ci abito e questi sistemi sono pressoché inutili, per quanto ricordo nel mio paese vi è stato un solo furto nel nuovo millennio ed è avvenuto perché una finestra al piano terreno era spalancata.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-11 01:42:58 | 91.208.130.85