TiPress
ULTIME NOTIZIE Ticino
MENDRISIO
10 min
Colpo di scena: Ligornetto riapre al traffico in transito
La misura non potrà essere attuata, fintanto che il TF non si sarà espresso sull'effetto sospensivo richiesto da Stabio
CANTONE
1 ora
Altri milioni per combattere il Covid-19
Luce verde al contributo straordinario di 3.5 milioni per il mantenimento in prontezza del dispositivo ospedaliero.
LOCARNO
1 ora
Un nuovo futuro per il Grand Hotel Locarno
L'edificio costruito fra il 1874 e il 1876 diverrà una moderna struttura alberghiera.
VERZASCA
1 ora
Prima di svuotare la diga, via tutti i limiti di pesca
L'esercizio della pesca è possibile da subito senza un numero massimo di catture né misure minime.
LOCARNO
1 ora
Un negozio Lidl a Locarno
La filiale apre i battenti domani in via Vallemaggia
CANTONE
2 ore
«La sussidiarietà per spendere “meno e meglio”»
Il gruppo UDC in Parlamento ha depositato un'iniziativa elaborata per modificare la legge sui sussidi cantonali
CANTONE
3 ore
Oltre quaranta milioni per il turismo
Sono i crediti quadro richiesti dal Consiglio di Stato a sostegno del settore per il quadriennio 2022-2025
LUGANO
3 ore
«I contrari non hanno capito un tubo»
Il Municipio di Lugano dice la sua nella campagna sul Polo Sportivo. Sparando a zero sugli oppositori
CANTONE / SVIZZERA
4 ore
In Ticino ci sono 9’827 aziende fantasma
A livello nazionale, quasi il 30% di tutte le aziende iscritte nel registro di commercio risultano essere inattive
CANTONE
5 ore
In Ticino altri 20 contagi
Aumentano leggermente i nuovi positivi. Il bollettino del medico cantonale
LUGANO
5 ore
I test anche alla Clinica Moncucco
È stata riattivata una check-line che consente l'esecuzione di test-Covid senza appuntamento
LUGANO
5 ore
Trent'anni contro gli abusi sui minori
La missione della fondazione è la protezione dei bambini da qualsiasi forma di violenza.
LAVIZZARA
25.05.2018 - 21:100

«La scuola si spopola, abbiamo scelto la via meno drastica»

Diecimila franchi per le famiglie con figli che andranno a vivere nel Comune valmaggese. La situazione demografica preoccupa. Lo conferma la municipale Cristiana Vedova-Mignami

LAVIZZARA – Diecimila franchi per ogni famiglia, con figli in età scolastica, che deciderà di andare ad abitare a Lavizzara. È la proposta, lanciata di recente, dal Comune dell’alta Vallemaggia. Un’idea che genera reazioni contrastanti. Soprattutto in alcuni genitori del posto, secondo i quali il Municipio, nel suo progetto, avrebbe omesso una serie di dettagli importanti. Il nuovo centro scolastico di Prato Sornico si starebbe, infatti, lentamente spopolando. E questo starebbe causando non pochi disagi ai genitori della valle. Soprattutto perché i bambini di quinta elementare saranno presto trasferiti a Cavergno (Cevio).

Cifre da brivido – I numeri sono impietosi. Il nuovo centro scolastico di Prato Sornico, creato 12 anni fa in seguito alla fusione, conta poco più di una ventina di allievi. Cristiana Vedova-Mignami, municipale di Lavizzara, spiega la situazione: «Gli incentivi per le famiglie sono proprio stati pensati per dare un futuro a questo istituto scolastico, che adesso si trova in difficoltà. Mancano i numeri, non lo nascondiamo. Per fortuna abbiamo trovato la possibilità di stringere una collaborazione con il Comune di Cevio. Loro ci mandano i bimbi della scuola dell’infanzia. E noi, in cambio, mandiamo loro quelli di quinta elementare».

Si salvano posti di lavoro – Uno scambio scomodo, ma necessario, dal momento che anche a Cevio ci sono difficoltà di contingente. «Si tratta di una collaborazione tra due Comuni limitrofi, che si trovano a 10 chilometri di distanza tra loro. Così salveremmo dei posti di lavoro. Il rischio sarebbe quello di chiudere la scuola dell’infanzia. I bambini si sposteranno da Lavizzara a Cevio con il pulmino».

Pausa pranzo fuori casa Ma la corsa è prevista solo due volte al giorno: al mattino e alla sera. E anche questo dettaglio sembra preoccupare alcuni genitori. I bambini staranno, di fatto, lontani da casa per tutto il giorno. «Faranno la pausa pranzo a Cevio. Lì c’è la sorveglianza, c’è un bel parco giochi. È stata una scelta forzata, per il loro bene».

Chiudere o collaborare – Il Cantone d’altra parte era stato chiaro. Per Lavizzara erano due gli scenari possibili. «O perdere la scuola materna. O instaurare una collaborazione con Cevio. Noi abbiamo scelto l’opzione meno drammatica. Chiudere quest’anno la scuola dell’infanzia a Lavizzara, significherebbe chiuderla per sempre».

Un futuro da evitare –E non correndo ai ripari, col passare del tempo, la stessa sorte potrebbe toccare anche alle sezioni di scuola elementare. «Certo, qualora l’edificio scolastico di Prato Sornico un giorno chiudesse, verrebbe sicuramente utilizzato per un altro scopo. Ma sarebbe un peccato. Abbiamo informato i genitori di Cevio e Lavizzara appena possibile in merito al nostro progetto».

Un voto in bilico – Sugli incentivi da 10.000 franchi alle nuove famiglie si voterà il prossimo 12 giugno, nell’ambito della seduta del consiglio comunale. Qualcuno storce il naso. «È una misura che, in ogni caso, sarà ridiscussa anno per anno, in base alle esigenze delle due sedi scolastiche. Lo scopo è mantenere aperte più sezioni possibili. Dovesse passare questo progetto, i bambini si adatterebbero comunque in fretta alla nuova situazione. Sono novità che colpiscono più i genitori, a volte in ansia per gli imprevisti della vita».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
bananasplit 3 anni fa su tio
ma guarda che ... bel argomento : - )) ... queste sono state le trovate della Politica di Pedrazzini , anni fa ... Fusione !!! Ma per far quadrare le disavventure oggi ... penserei 1 pedaggio estivo ai Turisti imbocco Valli laterali ... magari romperebbero meno le p..le durante l' estate .... che generano solamente traffico .... e fanno spesa in città ... o peggio oltre Confine !!! Con i soldi dei proventi ... Comune e Vallerani avrebbero Vita + decorosa con meno balzelli di tasse : - )) .
comp61 3 anni fa su tio
se vai in valle questo devi aspettarti.
Bandito976 3 anni fa su tio
Ecco un altro comune che offre soldi come ad esempio in vallese. Ma se una famiglia si deve spostare deve avere il posto di lavoro non quelle briciole che offrono. Chissá se qualcuno riesce a capirlo!
Thor61 3 anni fa su tio
@Bandito976 Invece di offrire una misera cifra, dovrebbero mettere in atto tutte quelle strutture (Gratis o quasi) per poter avere figli senza che questo pesi sul proprio bilancio familiare, infatti come detto giustamente da te, con quelle brriciole si e no ci si comprano i pannolini ;o))) Saluti

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-20 15:19:49 | 91.208.130.89