Un momento della votazione - Archivio TiPress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
1 ora
Nuova notizia fake, si scherza con la salute di tutti
Sono stati diffusi alcuni nostri articoli volutamente modificati. Seguite solo i canali ufficiali
CANTONE
4 ore
Giuseppe Buffi, il ricordo a 20 anni dalla sua scomparsa
Il PLR invita a una commemorazione presso il Palazzo delle Orsoline a Bellinzona
FOTO E VIDEO
VACALLO
5 ore
Rapina a un distributore di benzina
È accaduto in via del Breggia. I tre malviventi si sono dati alla fuga
CANTONE
5 ore
Quindici aziende "lasciano a casa" per il virus
Telelavoro "coatto" per evitare contagi. La lista delle aziende si allunga. L'indagine Aiti
CANTONE
8 ore
Coronavirus: «Ci sono 15 casi sospetti»
Merlani: «Attendiamo i risultati dei test». Le scuole lunedì saranno aperte normalmente
FOTO E VIDEO
AROGNO
9 ore
Fiamme e fumo in Val Mara
Sul posto sono giunti i pompieri. La situazione è ora sotto controllo
CANTONE
9 ore
Scuola di polizia: assunti in 50
Iniziano lunedì i corsi per aspiranti gendarmi. Tra le nuove reclute 6 donne
LUGANO-MILANO
9 ore
Chi ha paura di andare a Milano?
Ecco come i nostri lettori si regolano con l'epidemia
CANTONE
9 ore
Carnevali annullati: «Soldi pubblici per compensare le perdite»
L'MPS chiede al Governo di allestire in tal senso un messaggio all'indirizzo del Gran Consiglio
CAPRIASCA
10 ore
Giù le maschere, tutto torna alla normalità
Senza carnevale Or Penagin, niente orari prolungati per i locali, niente rumore e nessuna autorizzazione speciale
CANTONE
11 ore
Aiuto sociale speciale entro settembre
Un'apposita commissione valuta le motivazioni
CAPRIASCA
12 ore
Una petizione per salvare Or Penagin
Su internet è stata lanciata una raccolta firme.
CANTONE
12 ore
Una preferenza per i direttori scolastici
Un'iniziativa parlamentare chiede che i collegi possano esprimere un gradimento sui candidati
LUGANO
13 ore
Lavoratori a casa per il virus: «Chiamano preoccupati»
Alcune aziende in Ticino hanno iniziato a mettere "in isolamento" i lavoratori. Unia: «Diverse sollecitazioni»
BELLINZONA
13 ore
L'arrosto del carnevale... ve lo regaliamo!
Due iniziative per salvare dalla spazzatura il cibo che non potrà essere servito a causa dello stop ai festeggiamenti
CANTONE / SVIZZERA
13 ore
Dumping salariale, il Governo risponde picche a Greta Gysin
Per il Consiglio federale i Cantoni dispongono già oggi delle necessarie facoltà per fissare dei salari minimi
CANTONE
13 ore
Annullati i progetti di IdéeSport per il weekend
Anche la Fondazione si allinea alle direttive delle autorità.
FOTO E VIDEO
CANTONE
14 ore
Coronavirus: alla frontiera scatta il volantinaggio
È partita oggi la campagna ai valichi ticinesi. Da domani anche nelle stazioni ferroviarie
CANTONE
14 ore
FLP, lavori serali fra Lugano e Agno
Per i viaggiatori sono stati predisposti dei bus navetta
CANTONE
14 ore
Sdoppiare la Commercio: «Se ne può parlare o è tabù?»
Dopo l'apertura mostrata dal Municipio di Mendrisio, l'MPS vuole riaprire la discussione su una seconda sede della SCC
BIASCA
17 ore
Un sostegno finanziario per il carnevale che non si fa
A Biasca si propone lo stanziamento di un contributo finanziario a copertura dei mancati guadagni
CANTONE
29.04.2018 - 14:250
Aggiornamento : 17:28

Il club degli scontenti: «Hanno fatto leva sulle paure della gente»

Critici i Verdi che accusano «un modo poco trasparente di fare politica». Per i comunista invece è «emergenza sociale». UNIA: «Ora 52,5 milioni di franchi in meno nelle casse dello Stato».

BELLINZONA - Il clan deluso dall’esito della votazione popolare sulla riforma fiscale si sta facendo sentire. I primi a prendere la parola sono i Verdi, che si definiscono “costernati” e parlano di una «votazione caratterizzata da una campagna che ha fatto leva sulle paure», accusano «un modo poco trasparente di fare politica», una politica «che lascia l’elettorato in confusione»,  e si arriva al catastrofismo con «il nostro territorio e la qualità di vita dei ticinesi sono, questa domenica, i veri perdenti da questo drammatico modo di fare politica».

Ci si sofferma anche sulla bassa partecipazione, appena il 32.4%. «Il basso tasso di partecipazione mostra chiaramente che molti cittadini, confusi da questa campagna, hanno semplicemente deciso di non andare a votare, un dato davvero preoccupante che deve far riflettere».  E ancora: «Il risultato ottenuto va molto al di là del reale elettorato dei referendisti, altro segnale che mostra uno scontento della popolazione e lo scollamento sempre più profondo tra cittadini e classe politica. Da oggi è urgente più che mai che la politica si metta in ascolto con umiltà dei reali bisogni della popolazione, senza giochetti e sotterfugi».

L'MPS - Anche l’MPS mette in evidenzia una campagna elettorale poco chiara  e «incentrata su una presunta “simmetria dei vantaggi” che ha reso difficile, fin dall’inizio, la campagna referendaria».
Spiega l’MPS: «La campagna condotta ha permesso in sostanza di realizzare due aspetti fondamentali: da un lato dimostrare la profonda iniquità contenuta negli sgravi fiscali; ha convinto poco la tesi del governo che questi sgravi fiscali avessero ricadute positive dal punto di vista economico e dal punto di vista della tenuta del gettito fiscale cantonale. Dall’altro dimostrare la pochezza e una certa aleatorietà della cosiddette misure “sociali”, diventando a tutti chiaro che esse erano ostaggio degli sgravi fiscali e che non vi era nessuno volontà reale, in chi le proponeva, di avviare mutamenti fondamentali nella politica sociale del Cantone nell’ambito degli asili nido e del sostegno ai giovani».

I comunisti -  Duro commento anche per il Partito comunista, per il quale è “emergenza sociale”. «Purtroppo la maggioranza dei nostri concittadini si è lasciata convincere dalla presunta contropartita, cioè quella riforma cosiddetta sociale su cui la destra ha costruito un ignobile ricatto: o accettate i regali ai ricchi oppure vi togliamo anche l’elemosina! Un modo di fare che deploriamo ma che dimostra una cosa: vi è una tale emergenza sociale nel nostro Paese che i cittadini sono pronti a ogni compromesso, anche al ribasso, pur di risolverla. Ci spiace che parte del fronte sindacale e progressista abbia preferito giocare al ribasso, con un compromesso vantaggioso ai ricchi e al padronato e svantaggioso per la stragrande maggioranza della popolazione».

Sindacato UNIA - Rammarico viene espresso anche dal sindacato UNIA che colpevolizza «la disinformazione portata avanti dal Governo e dal comitato favorevole alla riforma, con il continuo richiamo improprio a contenuti sociali nonostante si tratti di misure esclusivamente fiscali», un comportamento che secondo UNIA «favorirà i milionari e le grosse imprese e farà venire a mancare 52,5 milioni di franchi alle casse dello Stato».

Forum Alternativo - Parole durissime arrivano da Forum Alternativo che se la prende con il Partito socialista, reo di aver contribuito a una campagna fondata da “menzogne e ricatti” disorientando così pubblica progressista del cantone. «Se la sinistra, che ormai è arrivata a toccare il fondo in questo cantone, vorrà rinascere, non potrà che sbarazzarsi di certi personaggi, cercando di ricostruire una vera alternativa con i salariati, i precari, gli studenti, le donne e tutti coloro che soffrono per la politica neoliberista portata avanti dalla casta al potere. Vanno ora prefigurati nuovi orizzonti e si pone con urgenza la necessità di costruire una nuova grande organizzazione della sinistra.  Per 193 voti di scarto, la maggioranza delle elettrici e degli elettori ticinesi ha accettato la riforma fiscale, che garantisce 52 milioni di regali ai super ricchi e alle grandi aziende. Si tratta di una somma praticamente uguale a quella che il Consiglio di Stato ha tolto negli ultimi anni ai più bisognosi, tagliando in assegni integrativi, in quelli di prima infanzia e riducendo i sussidi di cassa malati. A seguito di questi tagli ora molte persone sono finite in assistenza pubblica». 

Comitato unitario contro la Riforma fiscale - Il PS ha espresso la sua delusione in un comunicato firmato dal Comitato unitario contro la Riforma. L'attenzione è stata posta sul «ridottissimo scarto» che ha diviso i voti favorevoli e contrari: «In seno alla popolazione non c'è un patto sociale a sostegno di questa riforma», di conseguenza «metteremo in discussione gli ulteriori pacchetti di sgravi fiscali destinati alle persone particolarmente facoltose e alle grandi aziende».

Nonostante l'esito finale, si tratta di un «risultato eccezionale ottenuto dal fronte di sinistra rosso-verde». Un risultato che «mostra un cantone spaccato in due» e un patto sociale che «in seno alla popolazione non c'è».

Il Comitato critica inoltre l'oggetto  «poco chiaro» in votazione, che ha portato al risultato risicato e alla scarsa partecipazione al voto: «Benché si sia votato esclusivamente sulla modifica della legge tributaria, i sostenitori della riforma hanno fatto volontariamente pesare il ricatto del ritiro delle misure sociali, già votate in Parlamento e che non sono state messe in discussione da un referendum».

Commenti
 
Zico 1 anno fa su tio
la cosa più triste è che il 67,6% della popolazione se ne sbatte le balle di quello che succederà in questo cantone ( e questo indipendentemente da favorevoli o contrari alla riforma)
F.Netri 1 anno fa su tio
Ho l'impressione che sia stata una votazione che si basava su poveri contro ricchi, sopraceneri contro sottoceneri e sinistra contro destra. Inoltre, l'affluenza alle urne è stata poco sopra il 30%. Questo sembra indicare che di poveri, in Ticino ce ne siano davvero pochi, altrimenti l'affluenza alle urne sarebbe stata molto più alta.
TI.CH 1 anno fa su tio
Un'altra volta abbiamo fatto il gioco dei capitalisti, penalizzando i meno fortunati, Ticinese Spagürat svegliatevi! Di questo passo perderemo tutte le prestazioni sociale fino ad ora conquistate andando a erodere il fondo assistenza.
TI.CH 1 anno fa su tio
Bravo ! Per te che pensi che non ci sia un problema fai vedere che sei un egoista ,che se ne frega di chi è meno fortunato di te.
patrick28 1 anno fa su tio
Sono d'accordo con Danny50, per una volta. Era una riforma molto equilibrata che abbassava un po' le imposte e investiva 20 milioni nella socialita'. Bravo Vitta
siska 1 anno fa su tio
Roba da matt! credo bene che questo cantone non funzionerà mai e non verrà mai distribuito il pane a tutti anche ai "poveri" in quanto tra fregnacce e garbugli la politica ticinese dei "da pù" ancora una volta ha vinto. Chi crede alla favola della riforma é stato addormentato dal sistema. Poi leggo qualche post dell'immacolato di turno che da rimproveri ai "poveri", a questi gli auguro solo di avanzare con gli anni e arrivare là e mangiare la crusca e per crusca gli auguro di farsi un mazzone....la vita é lunga e le cose cambieranno ancora e ancora anche per questi fenomeni.
Danny50 1 anno fa su tio
Arrivare a questo risultato del fronte del no, composto solo dai rossoverdi é preoccupante. Questo cantone é sull’orlo del baratro, in mano ai poveri che vogliono vivere da ricchi, sono invidiosi e sperano di poter continuare a rubare i ricchi solo perché c’é un po’ più di sole che negli altri cantoni. Scendete dal pero, poveri illusi, mantenuti dal resto della confederazione e imbastarditi fino all’osso.
ugobos 1 anno fa su tio
l 85 % dei ticinesi è ricco. non vedo il problema
sedelin 1 anno fa su tio
in questo pasticcio creato ad arte dalla casta dominante é preoccupante sapere che i socialisti si sono schierati dalla parte sbagliata: vergognatevi e cambiate nome!
siska 1 anno fa su tio
Già ma il ticinese é ancora affrancato alla mentalità politica dell'ottocento e crede ancora ciecamente a quanto i sarcedoti di questo cantone gli viene "consigliato" su come votare. La casta politica NON regalerà mai e poi mai nulla di più di quanto tolto ingiustamente fino ad oggi anzi ecco in parole povere: il povero o quello meno povero del povero sia suddito della casta politica e imprenditoriale di questo cantone e abbia consapevolmente o inconsapevolmente (gravissimi tutti e due i casi) regalato 52 milioni ai ricchi che se ne fregheranno altamente degli svizzeri e residenti= in pratica continueranno ad assumere frontalieri. Ed il peggio del peggio é che qualcuno ha già l'intenzione di andare a tagliare ancora alle fasce più deboli.
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-02-28 01:27:26 | 91.208.130.86