ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
1 ora
Un taxi “giallo” per la Val Verzasca
Il servizio, in fase di test nella valle, sarà aperto a tutti durante il prossimo fine settimana
VIDEO
LUGANO
2 ore
Salute dei ghiacciai: presentato il progetto Recogn.ice
Una cornice è stata posizionata sul San Salvatore per sensibilizzare l'opinione pubblica.
PARADISO
3 ore
Anche il Conca d'Oro getta la spugna
Il Lido di Paradiso ha deciso di non aprire quest'anno a causa dei vincoli imposti dalla pandemia.
LUGANO
3 ore
Aggredì la famiglia: «incapace di intendere e di volere»
La corte delle assise criminali ha disposto una presa a carico terapeutica intensiva.
BELLINZONA
5 ore
La Città sostiene gli apprendisti
Il Municipio di Bellinzona ha deciso di creare un fondo da 200'000 franchi per la loro assunzione.
CANTONE
5 ore
Recluta muore durante una marcia
È stata ritrovata dopo una breve ricerca. Inutili i tentativi di rianimazione.
LUGANO
5 ore
Parcheggi moto a pagamento: «Ecco un altro balzello»
Interrogazione della Lega al Municipio sulla possibilità di introdurre tasse di parcheggio anche per le due ruote
CAPRIASCA
7 ore
Addio a Carlo Nobile
Classe 1938, era noto per le sue attività di attore, doppiatore e docente. Oggi i funerali a Lugano.
FOTO
FAIDO
7 ore
Incidente sull'A2, disagi verso sud
Protagonista una coppia di anziani francesi. Sul posto la Polizia con due veicoli e un'ambulanza
LUGANO
8 ore
Case anziani: un premio per l'impegno del personale durante la pandemia
Ad oggi nelle strutture cittadine sono stati registrati undici contagi, con un decesso
CANTONE
8 ore
Lavori in corso a Sorengo e Lugano
Parte lunedì 20 luglio la posa di pavimentazione fonoassorbente
Melano
8 ore
Nuova pista ciclopedonale a Melano
I lavori partiranno il 20 luglio e dureranno circa un mese.
VIDEO
CANTONE
8 ore
Alla Centrale d'Allarme, tutti insieme appassionatamente
Anche i pompieri, col 118, sotto lo stesso tetto della polizia. Una svolta cruciale. Guarda il video.
CANTONE
9 ore
In Ticino un solo nuovo contagio
Nessun decesso e nessun nuovo ricovero. I dati nelle ultime 24 ore
LUGANO
11 ore
Villa, macchine e piscina: la vita segreta dei due arrestati
Operazione anti droga di Molino Nuovo. Dettagli interlocutori sulla coppia “insospettabile”.
FOTO
SERRAVALLE
11 ore
Incidente sulla strada della Val Malvaglia
Non si registrano feriti. Il collegamento è rimasto chiuso per circa un'ora e mezza
AGNO
13 ore
«Dalla Foce il problema si è spostato qui»
Davanti al World Trade Center bottiglie, lattine, cartoni, spazzatura, anche una bustina con della marijuana.
LEVENTINA
20 ore
Trasporto speciale per Personico
Un ponte della lunghezza di 22 metri è stato consegnato e posato in mattinata.
CANTONE
22 ore
Aziende ticinesi: «La situazione attuale è particolarmente critica»
In un sondaggio di UBS le ditte prevedono di tornare nel 2022 allo stesso livello di fatturato pre-crisi.
CONFINE
23 ore
Statale 337, entro fine luglio parte il cantiere
I lavori sono attesi da tempo soprattutto dai diversi frontalieri che utilizzano la strada per raggiungere il Ticino.
VIDEO
AGNO
1 gior
«Ragazzi che cercano problemi», aggredito il rapper Daytona KK
Dalla vita reale a Instagram, passando dalla zona del Luna Park. Da una parte spavalderia, dall'altra derisione.
CANTONE
1 gior
Quinto ha un nuovo Giudice di pace, nessuna candidatura ad Airolo e in Verzasca
Il 56enne Max Hofmann è stato eletto oggi dal Consiglio di Stato.
BELLINZONA
1 gior
Un 1. Agosto «contingentato» con Alain Berset
Chi primo arriva meglio alloggia per l'evento aperto alla popolazione, ma a numero chiuso per l'emergenza Covid.
CANTONE
1 gior
«Paghiamo le riaperture. I casi? Cresceranno ancora»
Le previsioni del direttore dell’Epatocentro Ticino, Andreas Cerny: «Troppo preso per parlare di ondata "benigna"»
CANTONE
1 gior
Un progetto per vivere il territorio, al via InTicino
L'idea è partita da tre giovani ticinesi, con l'obbiettivo di valorizzare il proprio territorio e i produttori locali
LOCARNO
25.04.2018 - 08:080
Aggiornamento : 12:11

Sporcizia e schiamazzi notturni: «I divieti sono una risposta poliziesca»

In vista della stagione estiva, alcuni consiglieri comunali di Locarno criticano le misure da alcuni mesi introdotte nell'area attorno a piazza Castello

LOCARNO - La prossima estate avranno vita dura quei gruppi di giovani che nelle ore serali hanno l’abitudine di ritrovarsi nei dintorni di piazza Castello a Locarno. Dallo scorso novembre nell’area sono infatti in vigore diversi divieti, tra cui quelli di consumare alcolici e usare apparecchi sonori. Lo dicono chiaramente alcuni cartelli comparsi in vari punti della città. Pena una multa di fino a diecimila franchi.

«Risposta esagerata» - «La misura di divieto totale è una risposta esagerata, poco applicabile». È quanto sostengono alcuni consiglieri comunali in un’interrogazione (con primo firmatario il socialista Fabrizio Sirica) indirizzata al Municipio di Locarno. L’atto consiliare giunge ora che, con l’aumentare delle temperature, i cittadini stanno tornando a godersi gli spazi pubblici. Ma - appunto - con delle limitazioni. Si parla dunque di «una misura autoritaria anziché autorevole, ma soprattutto una risposta poliziesca a un problema sociale, una risposta repressiva anziché educativa».

«Considerare i diritti di tutti» - Sì, perché in effetti il problema esiste, come ammettono gli stessi firmatari del documento, sottolineando che «sovente capita che il mattino seguente le zone frequentate siano sporche». E non mancherebbero le segnalazioni «da cittadini infastiditi da schiamazzi o musica». Ma nella gestione del suolo pubblico andrebbero presi in considerazione i diritti di tutte le parti coinvolte: «Il diritto di alcuni cittadini di godere della quiete e quello di altri di vivere gli spazi pubblici, di potere stare insieme ascoltando un po’ di musica e se qualcuno lo desidera di bere qualcosa». In particolare a Locarno, che con i suoi locali e i suoi eventi è un luogo d’incontro naturale «per molte persone della regione e per molti turisti».

Serve sensibilizzazione - Con l’introduzione di divieti in una determinata area, si rischierebbe soltanto di spostare altrove il problema. Secondo i consiglieri comunali la questione andrebbe invece affrontata «in maniera costruttiva». La proposta è dunque innanzi tutto di togliere i cartelli. Poi di procedere a una sensibilizzazione di chi frequenta gli spazi pubblici, come pure di tutti i cittadini. «In sintesi, creiamo ascolto e dialogo, non impartiamo ordini con metodi militareschi e unilaterali».

Punti di vista - E il problema andrebbe anche - sempre secondo i firmatari dell’interrogazione - affrontato senza uno sguardo assoluto: «Il problema non è la birra, lo diventa quando se ne beve troppa o quando non si ha l’età per consumarla. il problema non è la musica, ma è il volume esagerato o l’orario in cui la si riproduce. Il problema non è la bottiglia di acqua vuota, lo è se lasciata maleducatamente per terra».

Gli interroganti sottopongono quindi al Municipio una serie di domande, in particolare per capire come sarà affrontata la questione durante l'imminente periodo estivo e quali provvedimenti saranno presi nell’eventuale spostamento del fenomeno.

Ingrandisci l'immagine
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Mara Athena 2 anni fa su fb
Con una rotonda ferma e con costi solo per il mantenimento ... ma siii mettiamo qualche altro cartello di divieto invece di pensare a come sfruttare quell’area in disuso ed inutile . E i giovani mandiamoli a fumare e bere altrove che molto meglio che coinvolgerli in qualche progetto decente. Il rispetto quello dovrebbe essere prerogativa dei genitori ...
Giorgio Cerri 2 anni fa su fb
In fisica c'e una legge che dice: ad ogni azione corrisponde una reazione uguale e contraria
tip75 2 anni fa su tio
il 'parchetto' si ê trasferito in piazza castello, fateli smammare e resterà tutto pulito senza tanti divieti, lo sanno tutti, polizia inclusa
GI 2 anni fa su tio
una soluzione potrebbe essere quella di far pulire a coloro che schiamazzano.....voglio questo diritto......si prendano anche il dovere ....il tutto condito con una qualche "legnada da dre di urecc" in caso di rifiuto....
bobà 2 anni fa su tio
COn tutta la Video sorveglianza che c'è e visto che ci sono pattuglie in gran numero , si dovrebbe poter punire chi sporca e chi delinque invece che mettere dei divieti che colpiscono tutti indiscriminatamente stile "proibizionismo USA". Sennò quale sarà il prossimo passo? Chi beve alcolici lo può fare solo con la bottiglia in un sacchetto di carta?
bobà 2 anni fa su tio
@bobà Un fonometro, Costa ormai meno di 100Fr. Quindi tutte le pattuglie potrebbero esserne dotate sia per limitare gli schiamazzi sia per il rumore eccessivo di certe marmitte. Da Notare che sono un motociclista: la mia marmitta non è originale, ma fa meno rumore dell'originale, ma un poliziotto dotato di poco senso pratico voleva multarmi perché non omologata (dicendo che la legge è legge e va rispettata). Per fortuna il suo collega ha saputo interpretare la legge ed è riuscito a convincere il suo collega. Un fonometro avrebbe messo fine alla discussione ancora prima di iniziarla.
Equalizer 2 anni fa su tio
Locarno sarebbe tutta da ripianificare, perché a parte 3-4 eventi che fanno un po' da tappeto per nascondere tutto lo sporco, la situazione della popolazione di locarno nella maggior parte dei casi è da tirare a campare, se tiriamo una riga da nord a sud tra Via S. Balestra il il fiume Maggia abbiamo quasi un quarto della popolazione di Locarno ma forse il 5 percento del gettito fiscale persone fisiche della città, il che già la dice lunga sull'aria che tira.
vigilante 2 anni fa su tio
la situazione non è facile come sembra.. io sono del Luganese ma vengo abbastanza spesso a Locarno per suonare o partecipare a eventi.. e ogni volta sono tristemente stupito dal comportamento di tanti giovani: visto con i miei occhi atti di vandalismo gratuiti e risse per futili motivi, definibili ben più di atti sporadici. Ora, il problema è chiaramente da risolvere amonte lavorando su educazione e cultura.. ma un palliativo rapido per risolvere velocemente i "sintomi" quale dovrebbe essere se non multe e divieti? E' uno schifo lo so, ma come già suggerito da qualcuno, chi ha idee e proposte costruttive si faccia avanti! :)
miba 2 anni fa su tio
Non voglio entrare nel merito della questione perché vedo che in fondo hanno tutti ragione dal loro punto di vista. Mi sorge però spontanea una domanda e cioè se qualcuno ha già parlato con questi gruppi di giovani. L'esperienza mi insegna che non sempre ma il dialogo ed il sapersi mettere dall'altra parte spesso risolvono i problemi con logica e buonsenso piuttosto che tante parole
centauro 2 anni fa su tio
@miba Penso che hai scritto cose giuste, complimenti!
tip75 2 anni fa su tio
la zona di piazza castello è piena di nullafacenti e drogati, siccome si sono tolti la stragrande maggioranza dei posteggi per riempire le tasche dell'autosilo allora mi par giusto che si possa accedervi senza problemi a qualsiasi ora del giorno e della notte. La piazza castello è anche il luogo del festival e della kermesse ragione per cui lasciare li la marmaglia non è che sia poi un gran biglietto da visita. Detto questo concordo che da noi basta multare (ma solo chi paga) e proibire ogni cosa ma questo è un altro discorso.
Manuela Decarli 2 anni fa su fb
divieti assurdi, c'è anche quello di non lasciare libero il cane in quelle zone, come se nelle altre fosse possibile, e i cartelli di divieto ai cani e alle bottiglie ci sono anche in altre parti della città, Locarno città dei divieti
Giuliano Forlini 2 anni fa su fb
Bellinzona 2
Nmemo 2 anni fa su tio
Riuscisse a Bellinzona a copiare quanto fa Locarno, già sarebbe un balzo avanti. Il Municipio di Bellinzona, s’infastidisce a sentirsi dire che nei quartieri c’è disordine. A fronte delle prestazioni di qualità, remunerate, “elargite con manica larga”, sarebbe ora e tempo di vedere qualcosa di concreto.
Mirko Zxy 2 anni fa su fb
Il rispetto è una cosa difficile da far entrare nelle teste di alcuni , gli altri ne pagano le conseguenze ???
pontsort 2 anni fa su tio
Se la gente si comportasse bene non ce ne sarebbe bisogno
Equalizer 2 anni fa su tio
@pontsort Vero, ma allora visto che ad alcuni tolgono la patente perché vanno troppo veloci, andiamo tutti a piedi? Mi sembra di no.
pontsort 2 anni fa su tio
@Equalizer Se hai altre proposte praticabili per punire gli incivili proponile al comune. Ma per esempio per il rumore a partire da che decibel daresti la multa, e come li misuri? O per quelli che lasciano i rifiuti mettiamo un poliziotto che controlla tutta la sera che la gente lascia il posto pulito`?
Tato50 2 anni fa su tio
@Equalizer Bello , perché c'è un altro articolo, poco distante, che dice "Il rumore di può far ammalare"
geiger 2 anni fa su tio
@pontsort no..da una parte i maleducati e dall'altra chi tutela il cittadino..
geiger 2 anni fa su tio
@geiger il commento era per il post sotto..
pillola rossa 2 anni fa su tio
siamo tornati al '68
Equalizer 2 anni fa su tio
@pillola rossa Sì, ma quello della Primavera di Praga però.
pillola rossa 2 anni fa su tio
@Equalizer da una parte i giovani e dall'altra i castigamatti...
Giuliano Forlini 2 anni fa su fb
Che segaballe..mettete il divieto di vivere in Ticino, così fate prima
Tatiana Morelli-Fagetti 2 anni fa su fb
Purtroppo, per colpa della maleducazione delle persone in costante e preoccupante aumento ?, è la sola risposta possibile ...
Equalizer 2 anni fa su tio
A Locarno manca solo il divieto di respirare.
ctu67 2 anni fa su tio
a maleducazione esagerata risposta adeguata !!!!

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-14 19:54:39 | 91.208.130.85