tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
9 ore
In bici al lavoro: «Un pieno di benzina adesso mi dura 4 mesi»
La proposta di Patrizia, che ha abbandonato l’auto per abbracciare il “bike to work”: «Sarebbe bello promuovere degli incentivi al chilometro». L'esperto: «Non dimentichiamoci della sicurezza»
LUGANO
11 ore
«Le Iene si sono introdotte in quel salone in modo vergognoso»
Un testimone racconta l'episodio verificatosi nella serata di giovedì da parte degli inviati di Italia 1. Tra scorrettezza e violazioni della privacy a gogo 
CANTONE / SVIZZERA
11 ore
Sostegno a Carobbio, «senza disperdere voti»
Il PS ringrazia Greta Gysin che con la sua rinuncia concretizza l’appoggio unitario alla candidatura
CANTONE
12 ore
PS, Verdi e Mps pronti al referendum contro il credito per Lugano Airport
I partiti contrari al credito cantonale deciso dalla maggioranza della Commissione della gestione e delle finanze del Gran Consiglio
CANTONE
12 ore
Airolo-Pesciüm, cala il sipario su un'ottima stagione estiva
La vendità delle stagionale "3in1" ha fatto segnare un incremento del 73% rispetto al 2018
LUGANO
12 ore
L'Ambasciatrice del Perù in visita a Palazzo Civico
Il Sindaco di Lugano Marco Borradori ha accolto oggi Ana Rosa Valdivieso Santa Maria
TORRICELLA-TAVERNE
13 ore
Una serata da ricordare per i neo-diciottenni del comune
Il Municipio di Torricella-Taverne ha festeggiato giovedì scorso i giovani nati nel 2001
SVIZZERA
13 ore
«In Ticino è stato fatto un buon lavoro»
Christoph Blocher ha commentato i risultati dell'ultima tornata elettorale. A livello nazionale l'arretramento dell'Udc è meno negativo di quanto temesse
LUGANO
14 ore
Caos all'inaugurazione del salone: arrivano Le Iene e la polizia
Storie di ex mogli che sostengono di essere state raggirate. La vicenda riguarda un noto parrucchiere. Grande scompiglio creato dagli inviati della trasmissione italiana
FOTO
MENDRISIO
14 ore
Una raccolta fondi per sistemare la chiesetta sul San Giorgio
L'edificio presenta vistose crepe e problemi strutturali. I lavori sono partiti nelle scorse settimane
COMANO
15 ore
Una miscela di gas esplosivo per forzare il bancomat
Gli autori del tentato furto della scorsa notte sono tuttora in fuga. Le ricerche sono in corso
BELLINZONA
16 ore
Tornano “Sapori e Saperi” e i gustosi prodotti ticinesi
È giunta alla diciottesima edizione la più importante vetrina del settore che riunisce sotto lo stesso tetto le specialità più rappresentative del nostro territorio
VIDEO
CANTONE
16 ore
Le forti piogge sono finite, ma la Maggia è ancora carica
Dopo l’allerta piena per i fiumi, ora tocca ai laghi. Aumenta a vista d'occhio, in particolare, il livello del Verbano
BALERNA
16 ore
Nuova apicoltura africana in Venezuela
Padre Angelo Treccani ha iniziato una collaborazione con l’Associazione Acqua e Miele per produrre miele di qualità
MASSAGNO
17 ore
A Massagno sboccia l'Ottobre rosa
Il comune ha aderito all'iniziativa “1 tulipano per la VITA” a sostegno delle vittime del tumore al seno
CANTONE
21.04.2018 - 14:000

Iniziativa delle Alpi: «No ai trasporti pericolosi sugli assi alpini. Tantomeno al Gottardo»

Una risoluzione in tal senso è stata approvata all’unanimità e sottoposta alla Ministra dei trasporti Doris Leuthard

LUGANO - «Ogni giorno 30-40 camion con merci pericolose transitano dal Passo del Sempione, praticamente senza nessun controllo». È quanto fanno notare i membri dell’Iniziativa delle Alpi che chiedono alla Ministra dei trasporti Doris Leuthard un divieto dei trasporti di merci pericolose su tutte le strade di transito attraverso le Alpi e ha adottato una risoluzione in questo senso.

L’Assemblea dei membri ha inoltre nominato due nuovi membri del Comitato e 16 nuovi componenti del Consiglio delle Alpi.

«La situazione al Sempione è un caso particolare - fanno notare dall'Iniziativa delle Alpi in una nota stampa odierna -. Solo qui i camion possono trasportare sostanze velenose e facilmente infiammabili attraverso le Alpi. Al Gottardo, al San Bernardino e al Gran San Bernardo questi trasporti sono vietati».

«Un divieto anche al Sempione non sarebbe un problema; come al Gottardo anche qui è disponibile una galleria ferroviaria come alternativa. Inoltre, sia a sud sia a nord del Sempione sono disponibili gli impianti necessari per il trasbordo», ha affermato Jon Pult, Presidente dell’Iniziativa delle Alpi, durante l’Assemblea dei membri, riunita a Olten.

«Terribili incidenti, come quello dell’autocarro carico di acetone nel 2015 a Briga, sono possibili in ogni momento anche in futuro, almeno finché questo tipo di trasporti sarà ancora permesso. Questo non posso accettarlo», ha aggiunto Laurent Seydoux, Membro del Comitato dell’Iniziativa delle Alpi. Punta anche sui controlli: «il 68 per cento dei camion al Sempione proviene dal Vallese o rifornisce questo Cantone. Questi veicoli non passano dal centro di controllo del traffico pesante di Saint-Maurice e questo è inaccettabile».

Il problema al Gottardo con il raddoppio - Un altro problema si porrebbe pure al Gottardo. «Con la costruzione di una seconda galleria stradale - sostiene la nota - è possibile che l’asse del Gottardo in futuro verrà aperto per i trasporti di merci pericolose».

«Il Consiglio federale ha venduto il raddoppio del Gottardo ai votanti con l’argomento della sicurezza. Quindi deve essere garantito che al Gottardo restino vietati i trasporti di merci pericolose anche in futuro», ha affermato Marina Carobbio Guscetti, Vicepresidente dell’Iniziativa delle Alpi e Consigliera nazionale ticinese.

I punti - I membri dell’Iniziativa delle Alpi hanno approvato la risoluzione senza voti contrari. Essa comprende 7 punti:

  • Il divieto generale del trasporto di merci pericolose su tutte le strade di transito attraverso le Alpi, in particolare anche sulla strada del Passo del Sempione.
  • La conferma del divieto del trasporto di merci pericolose al Gottardo, anche dopo la costruzione di una seconda canna della galleria stradale. Deve essere fissato nella legislazione e ancorato nella pubblicazione del progetto.
  • La realizzazione di un trasbordo di autocarri su ferrovia fra la valle del Rodano e Domodossola, il ricorso agli impianti di trasbordo esistenti a Visp o Monthey nonché nel nord dell’Italia. La galleria ferroviaria del Sempione è adatta per questi trasporti.
  • La rapida realizzazione dell’analisi dei rischi per il Sempione, come promesso dal Consiglio federale.
  • Il divieto generale del trasporto di merci particolarmente pericolose. Queste merci devono essere prodotte localmente oppure sostituite.
  • L’intensificazione dei controlli del traffico pesante, in particolare anche nei tratti con forte volume di merci pericolose. Costruzione di un centro di controllo direttamente sulla strada del Passo del Sempione.
  • La pubblicazione annuale delle statistiche sui controlli del traffico pesante.
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-23 05:48:07 | 91.208.130.85