Tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
3 ore
Camion bloccato manda il traffico cittadino in tilt
Disagi alla circolazione su Viale Franscini a causa di un mezzo pesante rimasto bloccato in seguito a una panne
CANTONE
4 ore
Prime valutazioni per la civica a scuola
A due anni dall'entrata in vigore della modifica di legge, il Governo ha approvato il primo Rapporto di valutazione.
CANTONE
4 ore
In Ticino 25 nuovi contagi. I ricoverati restano 8
Attualmente due persone si trovano in cure intense a causa del Covid.
MENDRISIO
5 ore
Treni fermi e Fiore chiuso
Il prossimo weekend si potrà salire sul Generoso solo a piedi e non ci si potrà rifocillare al caldo.
CANTONE
5 ore
Pochi funghi, 14 intossicati
Non è stata una stagione felice per gli appassionati in Ticino. Anche dal punto di vista sanitario. 
CANTONE / SVIZZERA
8 ore
I tempi cambiano e il 162 va in pensione
Alla fine del mese verrà disattivato il bollettino meteo consultabile telefonicamente.
LUGANO
8 ore
«Cornaredo fa paura perché gli appartamenti in centro non sono più funzionali»
PSE: il dibattito si sposta sugli sfitti già presenti. Perché? Lo spiega Gianluigi Piazzini, presidente della CATEF.
FOTO
CANTONE
15 ore
Una cerimonia (in presenza) per i diplomati della Facoltà di scienze economiche
In tutto sono 186 gli studenti che hanno ottenuto un Bachelor o un Master. Ecco chi sono.
CANTONE
15 ore
Certificato Covid, le proposte che non convincono il Ticino
Il Consiglio di Stato ha risposto alla consultazione del Consiglio federale sullo sviluppo del pass.
CANTONE
16.04.2018 - 07:000

L'app che salva il cuore fa scuola all'estero

Dal 2014 sul territorio ticinese i soccorritori First Responder vengono allertati con una notifica push. Ticino Cuore: «In caso di arresto cardiaco registriamo un tasso d'intervento del 98%»

LUGANO - Una notifica push sullo smartphone e tremila soccorritori sanno che c’è bisogno di loro: qualcuno ha avuto un arresto cardiaco. È la rete dei cosiddetti First Responder (comuni cittadini ma anche personale di enti di soccorso) che in tutto il Ticino hanno dato la loro disponibilità a intervenire prima dell’arrivo dell’ambulanza. Una rete che un tempo era gestita con gli sms, ma che dal 2014 fa affidamento su un’app appositamente sviluppata dalla ticinese DOS Group. E che ora sta facendo scuola oltre San Gottardo e anche al di fuori dei confini nazionali. «Il sistema è stato implementato a Berna e Friburgo, mentre altri cantoni lo stanno valutando. All’estero sarà introdotto in Lombardia e c’è interesse da parte di alcuni paesi europei» ci dice Claudio Benvenuti, direttore della Fondazione Ticino Cuore.

Dagli SMS alla geolocalizzazione - È grazie alla diffusione degli smartphone e della geolocalizzazione che la rete ha potuto fare un importante passo tecnologico. «Prima del 2014 i First Responder venivano allertati con un SMS - ci spiega - per confermare la loro disponibilità a intervenire, dovevano telefonare al 144: in questo modo tenevano impegnato un operatore della centrale». Ora una notifica push comunica il luogo in cui è si è verificato un arresto cardiaco e il tempo previsto per l’arrivo dell’ambulanza. «Se il First Responder ritiene di essere nelle vicinanze, dà la propria disponibilità con un clic sul display dello smartphone». E a quel punto avviene la geolocalizzazione del First Responder che, se si trova più vicino dell’ambulanza, riceve tutti i dati sull’intervento. «Il tutto avviene automaticamente».

Aumenta il tasso di sopravvivenza - Il modello dei First Responder, che sul territorio ticinese ha fatto da apripista, «funziona molto bene». Ogni anno nel nostro cantone si contano circa 300-350 arresti cardiaci, quasi uno al giorno. «E da parte dei soccorritori laici registriamo un tasso d’intervento pari al 95-98%, quindi praticamente sempre qualcuno si attiva e arriva sul posto prima dell’ambulanza». In questo modo è possibile aumentare notevolmente la possibilità di sopravvivenza del paziente, che dal 2005 è passata dal 17 al 57%. «A livello svizzero si aggira attorno al 10%» sottolinea Benvenuti. In caso di attacco cardiaco è infatti fondamentale che il primo intervento avvenga entro cinque minuti, soprattutto con il massaggio cardiaco.

E il defibrillatore arriverà con il drone - Nella sopravvivenza dei pazienti con arresto cardiaco fanno la loro parte anche i defibrillatori presenti sul territorio. «Quando siamo partiti nel 2005, in Ticino si contavano sedici apparecchi, in particolare nelle strutture sportive di Lugano e in alcune aziende». Oggi se ne contano circa 1’200, di cui un terzo è in dotazione agli enti di soccorso. E nel frattempo la Fondazione sta portando avanti un progetto che prevede l'impiego di un drone per portare i defibrillatori nelle zone remote del nostro cantone. «Quelli pubblici vengono utilizzati sempre di più, attualmente una sessantina di volte all’anno» conclude Benvenuti.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-28 14:40:23 | 91.208.130.86