Tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
ASTANO
2 ore
Moltiplicatore al 110%: «Accettarlo garantirà il 145%»
BELLINZONA
4 ore
Corsi di nuoto: c'è ancora tempo per iscriversi
CANTONE
17 ore
Nuovo corso alla Corsi
CANTONE
17 ore
Soccorritori e sub si esercitano in vista dell'estate
CANTONE
20 ore
Patriziati riuniti in assemblea
CAMORINO
20 ore
Portali aperti al cantiere Alptransit
CANTONE
23 ore
Bellinzona diventa “Fair Trade Town”
CANTONE
23 ore
100 anni del Dono nazionale svizzero
LUGANO
1 gior
Nuda e in stato confusionale sul lungolago
AIROLO
1 gior
Incidente sull'A2, feriti due occupanti del bus
AIROLO
1 gior
Incidente in autostrada, coinvolto un bus
CAMPIONE D’ITALIA
1 gior
«Campione colpito da calamità»
GORDOLA
1 gior
I bimbi sperimentano con le loro mani
CANTONE
1 gior
Flussi migratori e pressione alla frontiera nell'incontro con i Cantoni
AGNO
1 gior
Interruzioni notturne sulla linea FLP
CANTONE
09.04.2018 - 14:170

«No a sgravi fiscali che danneggiano il servizio pubblico»

L’Associazione per la difesa del servizio pubblico invita a votare No il prossimo il 29 aprile

BELLINZONA - L’Associazione per la difesa del servizio pubblico si oppone alla riforma fiscale e ai conseguenti sgravi fiscali decisi dalla maggioranza del Gran Consiglio lo scorso 18 dicembre.

«Questa riforma - spiega l'associazione - propone una riduzione dell’imposizione per le grandi aziende che conseguono utili, le holding e le persone fisiche detentrici di grossi patrimoni», precisando che «lo sgravio complessivo, tenuto conto delle imposte cantonali e comunali, si aggira sui 50 milioni di franchi all’anno».

Secondo l'Associazione essa fa seguito ad altri sgravi decisi tra gli anni dal 1997 al 2005 che provocarono una minor entrata annua per il Cantone di 207 milioni di franchi. «Quegli sgravi sono stati all’origine di una serie di misure di risparmio sulla socialità e il servizio pubblico. Anche gli sgravi in discussione in questo momento avranno gli stessi effetti».

L’Associazione per la difesa del servizio pubblico rileva che questa politica «è sempre più contestata da studiosi ed esperti, in Svizzera e all’estero. Attrarre aziende interessate solo a pagare meno imposte non garantisce un tessuto economico solido nel tempo. Meglio investire nella formazione, nella qualità dei servizi pubblici e nelle infrastrutture, che richiedono risorse adeguate per gli enti pubblici».

L’Associazione invita pertanto a votare No il prossimo il 29 aprile. 

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-05-26 13:59:24 | 91.208.130.87