Fotolia
ULTIME NOTIZIE Ticino
VIDEO
LUGANO
36 sec
Manor accende il Natale
Luci e suoni in una Piazza Dante gremita per quella che è diventata una tradizione natalizia a tutti gli effetti
CANTONE
48 min
Fino a quindici anni di carcere per gli abusi sui figli
La sentenza è stata comunicata poco fa dalla Corte delle Criminali presieduta dal giudice Amos Pagnamenta: «Fatti di una gravità mostruosa»
LUGANO
52 min
Una star del calcio per i diplomi ai nuovi manager
È stato uno degli allenatori più blasonati del calcio. Fabio Capello ha incontrato i diplomati del CAS in Management dello Sport e degli Eventi SUPSI 
FOTO
LOCARNO
1 ora
Si immette sulla strada ma non si accorge del bus
L'incidente è avvenuto all'intersezione fra via in Selva e via Franzoni, a Locarno. Leggermente ferito il conducente dell'auto
CANTONE
1 ora
Arriva la neve, cambiate le gomme
La polizia ricorda che nonostante non siano obbligatorie, chi crea problemi alla circolazione e incidenti a causa dell’inadeguato equipaggiamento invernale può comunque essere punito
LUGANO
2 ore
Il futuro sostenibile sul Ceresio si siede sulle "e-panchine"
Una mozione interpartitica chiede al Municipio di posare alcune stazioni di ricarica polifunzionali sul territorio cittadino
GAMBAROGNO
2 ore
Un traffico da incubo, scatta l’interpellanza
Roberta Passardi e Giacomo Garzoli sottopongono tredici domande al Consiglio di Stato. «C’è l’intenzione di revocare almeno parzialmente le limitazioni?»
LUGANO
2 ore
Il contagio da epatite C finisce al Tribunale federale
Il procuratore pubblico Moreno Capella ha deciso di presentare ricorso contro la decisione di ricusa del giudice Siro Quadri
CANTONE
29.03.2018 - 17:530
Aggiornamento : 18:24

Bambina maltrattata, processo concluso con quattro condanne

Ventidue mesi alla madre affidataria, diciotto mesi al padre, sedici mesi per il tutore e tredici mesi per l'assistente sociale. Pene tutte sospese

LUGANO - Sono state condannate tutte e quattro le persone a processo per i maltrattamenti inflitti a una bambina dalla famiglia affidataria. La madre affidataria è stata condannata a ventidue mesi di carcere, sospesi per due anni. Il padre affidatario a diciotto mesi, sospesi per due anni. Condannati rispettivamente a sedici e tredici mesi, sospesi condizionalmente, il tutore e l’assistente sociale della bambina. La decisione della Corte, presieduta dal giudice Mauro Ermani, è stata comunicata per iscritto alle parti.

Si conclude pertanto con quattro condanne il processo che ha chiamato alla sbarra la coppia per «indicibili maltrattamenti» commessi sulla bambina tra il 2010 e il 2013 - quando lei aveva meno di 10 anni -, nonché il tutore e l’assistente sociale per non avere affrontato la situazione, lasciando la piccola in quella casa.

I reati contestati - I reati contestati ai genitori affidatari - davanti alle Criminali di Mendrisio, riunite a Lugano - erano di coazione, violazione del dovere d’assistenza o educazione e lesioni semplici. Alla donna, inoltre, era stato rimproverata anche l’esposizione a pericolo della vita altrui. Violazione del dovere di assistenza o educazione, in alternativa favoreggiamento o negligenza, invece, per il tutore e l’assistente sociale.

Richieste di accusa e difesa - Nella sua requisitoria la procuratrice pubblica aveva chiesto una pena di due anni e dieci mesi (di cui dieci mesi da espiare) per la madre affidataria, due anni sospesi per il padre e dieci mesi sospesi sia per il tutore, sia per l’assistente sociale. Per la difesa, invece, gli operatori dovevano essere prosciolti da tutti i reati contestati, in quanto «non potevano sapere» e «si sono attenuti alle risultanze della rete». I legali dei genitori affidatari avevano chiesto la riduzione della pena a non più di diciotto mesi sospesi per la madre affidataria e una pena corretta per il padre, commisurata al contesto in cui si sono svolti i fatti.

Pena superiore per tutore e assistente sociale - Il tutore e l'assistente sociale sono stati accusati di favoreggiamento e la pena inflitta è superiore a quella proposta dall'accusa. 

Le scuse pubbliche - Gli imputati - che all’epoca dei fatti erano residenti nel Mendrisiotto - hanno voluto chiedere scusa in aula. «Mi dispiace - aveva detto tra le lacrime la madre affidataria -, è una colpa che mi porterò dietro per sempre». La donna aveva inoltre spiegato di avere capito di essersi comportata così - in merito ai maltrattamenti inflitti alla bambina - «a causa del passato» e a «situazione traumatiche infantili», per cui era stata chiesta la scemata imputabilità di grado lieve.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-14 18:46:36 | 91.208.130.87