TIPress - foto simbolica
ULTIME NOTIZIE Ticino
FOTO
MENDRISIO
53 min
La Destra presenta la sua lista per la città di Mendrisio
E non nasconde le ambizioni per il raddoppio al Municipio e consolidare la sua presenza nel consiglio comunale
LOCARNO
58 min
Lega e Udc schierano la squadra locarnese
Le sezioni locali dei due partiti hanno presentato oggi la lista per le comunali di aprile
BELLINZONA
2 ore
Bellinzona è un po' più Grande
Trend positivo nella popolazione della capitale. Che supera il tetto dei 44mila abitanti
CANTONE
3 ore
Il Cantone studia le auto condivise
Il Dipartimento del territorio sta lavorando a un progetto per diffonderle di più. Come?
LUGANO
3 ore
«La "9m2 Gallery" riparte da casa mia»
Katia Mandelli Ghidini, artista poliedrica, trasloca da Morcote a Pregassona. Sabato 25 gennaio giornata di grandi festeggiamenti per il nuovo spazio
CANTONE
3 ore
Pubblicato il bilancio di genere del Cantone
Il prossimo passo: creare un piano d'azione cantonale per le pari opportunità
MORBIO INFERIORE
3 ore
Ecco la lista Ppd e Indipendenti per Morbio
I nomi dei partecipanti alle prossime elezioni comunali sono stati ratificati martedì
RIVIERA
4 ore
Il PPD di Riviera presenta i candidati
L'assemblea del partito ha designato le liste per le prossime comunali
CANTONE
4 ore
«Sono passati 10 anni, ma la situazione non sembra migliorata»
Un'interrogazione di Sara Imelli chiede al Governo di tracciare un quadro sul problema dell'inquinamento luminoso
CONFINE
4 ore
Il Ticino visto dall'astronauta
Dalla missione spaziale Beyond arrivano nuove immagini. Scattate dall'italiano Luca Parmitano
CANTONE
28.03.2018 - 18:200

«Quelle brutalità inimmaginabili»

Nel processo per maltrattamenti su una bambina hanno preso la parola i difensori. La madre affidataria: «Una colpa che mi porterò dietro per sempre». La sentenza sarà comunicata per iscritto

LUGANO - Non più di diciotto mesi sospesi per la madre affidataria, una pena corretta per il padre. E l’assoluzione per il tutore e l’assistente sociale. È questo, in sostanza, quanto chiesto - sottolineando anche il tempo trascorso dai fatti - dai difensori dei quattro imputati comparsi alle Criminali di Mendrisio, riunite a Lugano, per una serie di indicibili maltrattamenti su una bambina. Una bambina che all’epoca, era il periodo tra il 2010 e il 2013, aveva meno di dieci anni. Il dibattimento si è concluso con le parole della madre affidataria in lacrime: «Mi dispiace, è una colpa che mi porterò dietro per sempre».

«Cose orribili» - «Ha fatto cose orribili» ha esordito il suo difensore, l’avvocato Pietro Croce. Aggiungendo però che «la donna era mossa dai migliori propositi». È dunque davvero incomprensibile, ha sottolineato, che «possa aver fatto quello che ha fatto». Ma la sua assistita ha ammesso tutto, sin dal primo interrogatorio. «I professionisti coinvolti nell’affidamento - ha affermato il legale - non hanno invece saputo, o forse sarebbe più corretto dire non hanno voluto, riconoscere la gravità della situazione».

Il mancato approfondimento - Senza voler relativizzare la colpa del padre affidatario, anche l’avvocato Felice Dafond ha fatto leva in particolare sulle responsabilità delle autorità che non avrebbero effettuato i dovuti approfondimenti per verificare l’idoneità all’affidamento. «L’autorità avrebbe dovuto accorgersi che non c’erano le basi idonee». La coppia stessa avrebbe manifestato la volontà di rinunciare all’affidamento, ma gli operatori avrebbero solo spronato i due ad andare avanti, ha spiegato l’avvocato.

«Non potevano sapere» - «Nessuno poteva immaginare le brutalità commesse dai coniugi». Così l’avvocato Yasar Ravi in difesa dell’assistente sociale, accusato - assieme al tutore - di aver ignorato i segnali d’allarme. E ha aggiunto che «i coniugi non hanno mai dimostrato di volersi assumere realmente fino in fondo la responsabilità di quanto commesso». Associandosi all’arringa di Ravi, l’avvocato Andrea Ferrari (patrocinatore del tutore) ha sottolineato che gli operatori hanno affrontato seriamente quei fatti di cui erano a conoscenza. «Ma si sono attenuti alle risultanze della rete». E per questo ha affermato: «In quest’aula mancano almeno cinque o sei persone che non hanno fatto nulla per porre rimedio alla situazione». Secondo i legali, tutore e assistente sociale non possono quindi essere considerati colpevoli né di violazione del dovere di assistenza o educazione né di favoreggiamento.

Le richieste dell’accusa - Nella sua requisitoria di ieri, la procuratrice pubblica aveva insistito soprattutto sul mancato intervento tempestivo da parte del tutore e dell’assistente sociale. Nei confronti dei genitori affidatari aveva chiesto pene detentive di due anni e dieci mesi (di cui dieci mesi da espiare) per lei, e di due anni (sospesi) per lui. Una condanna a dieci mesi (sospesi) era stata proposta per gli altri due imputati. La rappresentante della vittima, avvocato Maria Galliani, aveva invece chiesto il riconoscimento delle indennità per torto morale per un importo complessivo di 65’000 franchi.

La decisione della Corte, presieduta dal giudice Mauro Ermani, sarà comunicata domani per iscritto alle parti.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-01-24 14:39:56 | 91.208.130.89