TIPress - foto simbolica
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
18 min
Tutti i numeri degli accertamenti fiscali
A chiederli è il Gruppo del PS in Gran Consiglio in vista del dibattito parlamentare del 5 novembre: «È efficace, equo e garante di parità di trattamento tra contribuenti?»
FOTO E VIDEO
LUGANO
30 min
Studente espulso: i compagni protestano fuori dal carcere
Il rimpatrio forzato di un 19enne - da ieri alla Stampa - ha innescato una manifestazione di solidarietà da parte degli allievi della Csia
CANTONE
35 min
Mensa obbligatoria negli asili, il tamtam diventa mediatico
L’Aripe, associazione che critica l’impostazione ticinese, si sta muovendo con una serie di articoli sulle testate d’oltralpe per segnalare «in negativo l’unicum del nostro cantone».  
LOCARNO
39 min
Delta Resort: «Quando arriva la sentenza?»
Interpellanza di Fabrizio Sirica e cofirmatari: «Il Consiglio di Stato ha cambiato idea?»
FOTO
BEDRETTO
1 ora
Veicolo in fiamme sulla Novena, lievi ustioni per il conducente
Sul posto sono intervenuti i Pompieri dell'Alta Leventina, la Polizia, e un'ambulanza che ha prestato i primi soccorsi al ferito e l'ha trasportato in ospedale
CANTONE
1 ora
Acqua di nuovo potabile ad Alto Malcantone
I parametri sono rientrati nella normalità. Resta in vigore la non potabilità a Cademario, Aranno e nelle frazioni di seo, Cimo, Gaggio e Pianazzo a Bioggio
CANTONE
2 ore
Visita di cortesia a Palazzo delle Orsoline
Il Consiglio di Stato ha ricevuto oggi la Console generale di Svizzera a Milano Sabrina Dallafior
CANTONE
2 ore
Minorenne violentata. Condannato a 4 anni, poi sarà espulso
Il legale del 29enne kosovaro valuta il ricorso in Appello. La giovane riceverà 12mila franchi di risarcimento
CANTONE
3 ore
Ecco Lu, il nuovo agente a 4 zampe della Polizia cantonale
Il nuovo collega della sezione cinofila è stato presentato oggi sulla pagina Instagram del corpo
GIUBIASCO
4 ore
Col furgoncino nel fiume, arrestato il guidatore-ladro
Il veicolo, di proprietà di una ditta di pompe funebri, era rubato. Dopo due incidenti l'automobilista aveva tentato la fuga. Invano
CANTONE
5 ore
La Valle di Blenio si presenta unita per la stagione invernale
Le 2 stazioni sciistiche, Campo Blenio e Nara, propongono una nuova stagionale valevole per entrambi i comprensori
AGNO
5 ore
Nuove nubi sulla Mikron
La società ha inoltrato la domanda per introdurre il lavoro ridotto
LOCARNO
6 ore
Un’immobiliare contro il venditore ambulante: «Chiamate la polizia»
La Assofide Sa mette in guardia gli inquilini: «Non l'abbiamo mandato noi e neppure il Cantone». Lui si difende: «Diffamazione e violazione della privacy»
CANTONE / ITALIA
7 ore
Sciopero in Italia, limitazioni per i Tilo
Il servizio ferroviario su territorio svizzero non subirà ripercussioni
LOCARNO
8 ore
Scherrer parla di pace con l’Ambasciatrice del Perù
Il Sindaco ha accolto nella Sala delle cerimonie a Palazzo Marcacci la Signora Ana Rosa Valdivieso Santa María: «Una preziosa occasione di interscambio»
CANTONE
28.03.2018 - 18:200

«Quelle brutalità inimmaginabili»

Nel processo per maltrattamenti su una bambina hanno preso la parola i difensori. La madre affidataria: «Una colpa che mi porterò dietro per sempre». La sentenza sarà comunicata per iscritto

LUGANO - Non più di diciotto mesi sospesi per la madre affidataria, una pena corretta per il padre. E l’assoluzione per il tutore e l’assistente sociale. È questo, in sostanza, quanto chiesto - sottolineando anche il tempo trascorso dai fatti - dai difensori dei quattro imputati comparsi alle Criminali di Mendrisio, riunite a Lugano, per una serie di indicibili maltrattamenti su una bambina. Una bambina che all’epoca, era il periodo tra il 2010 e il 2013, aveva meno di dieci anni. Il dibattimento si è concluso con le parole della madre affidataria in lacrime: «Mi dispiace, è una colpa che mi porterò dietro per sempre».

«Cose orribili» - «Ha fatto cose orribili» ha esordito il suo difensore, l’avvocato Pietro Croce. Aggiungendo però che «la donna era mossa dai migliori propositi». È dunque davvero incomprensibile, ha sottolineato, che «possa aver fatto quello che ha fatto». Ma la sua assistita ha ammesso tutto, sin dal primo interrogatorio. «I professionisti coinvolti nell’affidamento - ha affermato il legale - non hanno invece saputo, o forse sarebbe più corretto dire non hanno voluto, riconoscere la gravità della situazione».

Il mancato approfondimento - Senza voler relativizzare la colpa del padre affidatario, anche l’avvocato Felice Dafond ha fatto leva in particolare sulle responsabilità delle autorità che non avrebbero effettuato i dovuti approfondimenti per verificare l’idoneità all’affidamento. «L’autorità avrebbe dovuto accorgersi che non c’erano le basi idonee». La coppia stessa avrebbe manifestato la volontà di rinunciare all’affidamento, ma gli operatori avrebbero solo spronato i due ad andare avanti, ha spiegato l’avvocato.

«Non potevano sapere» - «Nessuno poteva immaginare le brutalità commesse dai coniugi». Così l’avvocato Yasar Ravi in difesa dell’assistente sociale, accusato - assieme al tutore - di aver ignorato i segnali d’allarme. E ha aggiunto che «i coniugi non hanno mai dimostrato di volersi assumere realmente fino in fondo la responsabilità di quanto commesso». Associandosi all’arringa di Ravi, l’avvocato Andrea Ferrari (patrocinatore del tutore) ha sottolineato che gli operatori hanno affrontato seriamente quei fatti di cui erano a conoscenza. «Ma si sono attenuti alle risultanze della rete». E per questo ha affermato: «In quest’aula mancano almeno cinque o sei persone che non hanno fatto nulla per porre rimedio alla situazione». Secondo i legali, tutore e assistente sociale non possono quindi essere considerati colpevoli né di violazione del dovere di assistenza o educazione né di favoreggiamento.

Le richieste dell’accusa - Nella sua requisitoria di ieri, la procuratrice pubblica aveva insistito soprattutto sul mancato intervento tempestivo da parte del tutore e dell’assistente sociale. Nei confronti dei genitori affidatari aveva chiesto pene detentive di due anni e dieci mesi (di cui dieci mesi da espiare) per lei, e di due anni (sospesi) per lui. Una condanna a dieci mesi (sospesi) era stata proposta per gli altri due imputati. La rappresentante della vittima, avvocato Maria Galliani, aveva invece chiesto il riconoscimento delle indennità per torto morale per un importo complessivo di 65’000 franchi.

La decisione della Corte, presieduta dal giudice Mauro Ermani, sarà comunicata domani per iscritto alle parti.

1 anno fa Quel grido d’aiuto rimasto inascoltato
1 anno fa Bambina maltrattata, la madre affidataria ha un passato traumatico
1 anno fa Genitori affidatari alla sbarra per maltrattamenti, rinviato il processo
1 anno fa Bimba maltrattata per anni, genitori affidatari alla sbarra
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-23 18:20:18 | 91.208.130.85