tipress
CONFINE / CANTONE
27.03.2018 - 07:390
Aggiornamento : 09:14

Benefici fiscali per frontalieri, la misura per salvare le aziende di confine

Il progetto di Confartigianato che potrebbe avere ripercussioni sul mercato del lavoro ticinese

LUGANO - È stato elaborato da Confartigianato Varese, con lo scopo di evitare la chiusura di aziende nel nord della provincia, il progetto di Legge (in allegato) messo sul tavolo di Regione Lombardia e Governo italiano.

Solo negli ultimi mesi invernali, nella sola Luino, sono state almeno tre le ditte che hanno dovuto chiudere e i cui operai sono stati ricollocati in Ticino.

Il progetto è elaborato e non prevede soltanto un regime fiscale favorevole per i lavoratori impiegati entro i 20 km dal confine con il Ticino, ma anche i Grigioni visto che è possibile un'adesione delle province di Como, Lecco e Sondrio.

Il reddito da lavoro dipendente prodotto nel territorio italiano da lavoratori residenti in Italia e dipendenti di aziende con sede legale entro i 20 chilometri dal confine, concorre infatti alla formazione della base imponibile nella misura che va dal 70 al 50%.

E’ stato quindi avviato un programma in due fasi destinato all’individuazione, formazione e inserimento delle figure professionali più richieste sul territorio, anche alla luce delle attuali carenze.

Confartigianato, in sostanza, vuole investire per aumentare la competitività del territorio, ma la misura potrebbe, grazie a buste paga più consistenti, disincentivare il lavoratore a cercare lavoro oltre confine. 

Allegati

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-11 00:33:44 | 91.208.130.87