Rendering Dipartimento territorio
ULTIME NOTIZIE Ticino
FOTO
RIVIERA
23 sec
Troppa pioggia, il riale esonda
Allagato un giardino privato. Sul posto sono intervenuti questo pomeriggio i pompieri di Biasca
CANTONE
25 min
Gastroticino: «Grazie Governo»
Soddisfatti bar e ristoranti per le scelte del Consiglio di Stato: «Così possiamo lavorare»
CANTONE
43 min
Covid: scatta l'obbligo della mascherina all'aperto
La protezione sarà da adottare laddove le distanze non possono essere mantenute, in particolar modo nei mercati.
LOCARNO
2 ore
La funicolare del San Salvatore fa tappa a Locarno
La mostra itinerante per i 130 anni dell'impianto è visitabile nella cornice dei Giardini Arp
LUGANO
3 ore
È di nuovo tempo di Artecasa
La fiera avrà luogo al Padiglione Conza di Lugano dal 28 ottobre al 1. novembre 2020
CANTONE
3 ore
Fregati dalla solitudine e dal bisogno di affetto
Col Covid-19 aumentano i rischi di truffe amorose. Il ricercatore Luca Brunoni si è trasformato in esca.
CONFINE
5 ore
«Siamo stati picchiati, perché avevamo chiesto di mettere la mascherina»
L'appello dal Rifugio dell'Alpe di Colonno, in provincia di Como, pubblicato sui social
FOTO
BELLINZONA
6 ore
Un altro mattone per far rivivere Prada
L'antico nucleo medievale di Bellinzona è diventato comparto protetto d'interesse cantonale nell'autunno del 2019.
VERNATE
6 ore
Un'aula senza tetto né pareti
In compenso, ha un grande totem di legno. È stata realizzata dalle scuole di Vernate
CANTONE
6 ore
Quando gli applausi non bastano più
Al via la settimana di protesta per migliori condizioni per gli operatori sociosanitari
CANTONE
7 ore
Una classe in quarantena al Liceo di Lugano 2
Ieri la misura era stata decisa anche per allievi della Scuola cantonale di commercio
CANTONE
7 ore
Coronavirus in Ticino: altri 147 contagi e 15 ricoveri in 24 ore
Negli ospedali ticinesi sono attualmente ricoverate 80 persone positive al coronavirus.
CANTONE
8 ore
In perdita i trasporti, il sindacato scrive a Simonetta Sommaruga
Il SEV teme un aumento delle perdite d’introiti per le imprese di trasporto. Chiede un maggiore sostegno
CANTONE
8 ore
Anche il Ticino avrà il suo rumorometro
È iniziata negli scorsi giorni la sperimentazione del congegno che informerà sul livello di rumore generato dai veicoli.
CANTONE
10 ore
Negazionisti ticinesi: ecco come la pensano
Anche in Ticino i Covid-scettici e i "no mask" non mancano. L'esperto Garzoni risponde ad alcuni di loro
CONFINE
10 ore
Prendeva il reddito di cittadinanza, ma il marito lavorava in Ticino
La donna, residente a Carlazzo, è stata denunciata alla Procura di Como.
MUZZANO
11 ore
«Pesavo 29 chili: così sono ripartita»
Apryl Franchini, 20 anni, ha sofferto di anoressia nervosa. Oggi aiuta chi è confrontato con disturbi alimentari.
LUGANO
23.02.2018 - 06:080
Aggiornamento : 10:08

Il progetto del tram appesantito da 127 opposizioni

Il tracciato Bioggio-Manno, disegnato dal Cantone, stabilisce un primato di voci contrarie. E il presidente di Astras rilancia la variante alternativa: «Evita gli espropri milionari»

LUGANO - È una pioggia di opposizioni come se ne vede raramente. In un’epoca di record e guinness il progetto per il tram del Luganese si ritaglia un primato che non avrebbe voluto: quello delle voci contrarie. All’Ufficio federale dei trasporti ci hanno messo un po’ a fare la conta esatta: «Per adesso abbiamo catalogato 127 opposizioni - riferisce il portavoce dell’UFT interpellato da Tio/20minuti -. Questo numero non dovrebbe variare molto, anche se è possibile qualche opposizione in più o in meno».

C’è posta per Berna - Insomma, nelle scorse settimane (il termine scadeva il 7 febbraio) molta corrispondenza è giunta a Berna dal Luganese. E in particolare dalla zona industriale di Bioggio-Manno, dove il tracciato disegnato dal Cantone ha raccolto il maggior numero di critiche. Voci importanti, quasi istituzionali come le Ffs o le Ail, pur affermando di sostenere la grande opera che vuole sgravare la strada dalle automobili, hanno espresso preoccupazione. E con loro diverse aziende che lavorano lungo la strada cantonale Regina, dove appunto è previsto scorrerà il binario dell’asta da Cavezzolo a Suglio. Temono gli espropri di terreni, la riduzione a un solo accesso stradale, per giunta regolato da un impianto semaforico, l’adeguamento logistico ma soprattutto il cantiere che per anni rischia di ostacolare pesantemente la produttività di chi lavora lì.

Una variante sul tavolo - E allora è nata anche un’associazione, l’Associazione tram sostenibile (Astras) che raccoglie gli abitanti, nonché i proprietari e gli operatori economici delle zone industriali di Bioggio e Manno. Non per mettersi semplicemente di traverso sui binari, ma per proporre un tracciato alternativo. Una variante che passa parallela alla cantonale, però alle spalle delle aziende, in un’area meno affollata di edifici (sul sito www.tramsostenibile.ch sono pubblicati tutti i piani di dettaglio e la relazione tecnica fatta da CSD Ingegneri). Una soluzione che il presidente di Astras, Mattia Tonella, promuove così: «La nostra soluzione, elaborata con i crismi di un vero e proprio progetto di massima, si prefigge di ottenere un mezzo pubblico su rotaia che possa operare in maniera totalmente indipendente dall’assetto viario esistente, e da quello futuro (dettato in particolare dalla futura circonvallazione di Agno e Bioggio)».

I vantaggi dichiarati - La variante proposta intende sfruttare il binario delle Ffs esistente e i vantaggi principali sarebbero «di natura economica e di esecuzione dell’opera. Le richieste di indennità espropriativa inoltre si sgonfierebbero e la soluzione metterebbe verosimilmente d’accordo la maggior parte degli opponenti del comparto Bioggio-Manno». Ciò, secondo Tonella, «gioverebbe ai tempi di realizzazione. Inoltre, la fase di cantiere non avrebbe nessun impatto sulla viabilità della strada cantonale Regina. Aggiungo poi che, benché la nostra proposta preveda, come quella del Cantone, un capolinea a Manno, essa permetterebbe in tempi brevi l’estensione a nord fino a Taverne».

Risarcimenti milionari - Ma all’orizzonte non ci sono solo le nubi delle opposizioni che avranno l’inevitamente conseguenza di rallentare l’iter del progetto. La seconda ondata, quella che pesa sulle casse pubbliche, rischia di essere quella delle indennità che lo Stato dovrà pagare, non tanto per gli espropri, ma per il risarcimento dei danni riconducibili al progetto (tra i 100 e i 200 milioni, sostengono i diretti interessati). L’Uft dichiara di non essere competente per decidere sull’importo delle indennità, e di conseguenza non analizzerà gli importi delle richieste: «La commissione federale di stima, in un secondo tempo e dopo il rilascio della decisione, è l’unica competente» precisano a Berna.

«Va informato il Parlamento» - Di sicuro sarà un importo molto più elevato dei 20,5 milioni stimati dai progettisti, rileva il presidente di Astras: ««Secondo le informazioni di cui dispongo, le richieste di indennità  espropriative inviate all’Uft superano di gran lunga i 200 milioni di franchi. Il Cantone ha sottovalutato in maniera incredibile l’impatto economico del tracciato proposto. Ritengo che il Consiglio di Stato debba informare in maniera esaustiva il parlamento, che sarà chiamato ad approvare il messaggio relativo al finanziamento dell’opera. Altrimenti a consuntivo vi saranno gioco forza delle pesanti correzioni verso l’alto dei costi complessivi di progetto».

Ingrandisci l'immagine
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
matteo2006 2 anni fa su tio
Farlo passare contro montagna e fare qualche passerella? per dare l'accesso alla zona industriale? Oppure fare come la metro di Chicago su dei ponti.
87 2 anni fa su tio
Il tracciato rosso mi sembra essere piuttosto invasivo per le strutture vicino alla strada. Clienti, fornitori, dipendenti che devono recarsi in queste strutture sarebbero limitati dal tram, ci sarà un semaforo ad ogni accesso che disciplinerà chi entra e chi aspetta. Il traffico su quella strada aumenterà, per tutti quelli che sono fermi ad aspettare che il semaforo lasci passare l'auto, nonostante il tram sia già passato da un pezzo o che sia in arrivo da chissà quale distanza.[] COSA STA SUCCEDENDO? Perchè chi dovrebbe rappresentarci e governare il nostro territorio, invece che impegnarsi fare i nostri interessi, si occupa solamente di fare i propri comodi con il nostro denaro?
Clémentine Nagel 2 anni fa su fb
Sono una “verde “a favore del tram. Ma il signor Zali lo trovo veramente incompetente . Non si può decidere da solo su un tracciato di tram che passa nel bel mezzo di case, aziende , terreni ecc senza coinvolgere i suoi proprietari ! Prima si discute con tutti gli interessati o altrimenti che modi e metodi sono quelli ?!! 127 opposizioni sono tantissimi e io fossi il signor Zali e co. mi vergognerei di tutto ciò anche perché per un altro tracciato sono gli interessati a dover sborsare di tasca loro il denaro ...! Signor Zali , visto che è stata lei a tirare fuori una storiella di suo figlio , scritta su mezza pagina del corriere del Ticino, vorrei che sappia che chi ha fatto giustamente opposizione non ha 6 anni come suo figlio Gabriele ma invece è adulto e responsabile oltre che proprietario di un bene e perciò può avviare una discussione costruttiva per ambedue le parti . Mi sembra il minimo che bisognava fare ...Non abbiamo tutti 6 anni !
FM-Presse Francesco Mismirigo 2 anni fa su fb
Ottimo !!!
andrea28 2 anni fa su tio
andrà a finire che perderanno il tram e si attaccheranno al tram....
Equalizer 2 anni fa su tio
Sicuramente le ditte avranno le loro ragioni, ma un tram non lo devi allontanare dalla gente, altrimenti a cosa serve? Quindi l'idea di farlo passare dietro è sbagliata in partenza. Un po' come dire la bicicletta la puoi usare solo per andare in montagna...
Libero pensatore 2 anni fa su tio
@Equalizer Il tuo discorso in termini generali è correttissimo, ma hai presente la zona? Che passi davanti o dietro non cambia assolutamente nulla dal punto di vista della vicinanza alla zona. Non è che da una parte c’e un paese e dall’altra nulla. Ci sono solo aziende, in un caso il Tram sarebbe tra la strada e le aziende, nell’altro sarebbe dietro alle aziende. La fruibilità del mezzo per gli utenti interessati non cambierebbe di una virgola.
Libero pensatore 2 anni fa su tio
Chi conosce la zona capisce perfettamente che la variante proposta è nettamente migliore. Mi chiedo cosa abbiano pensato i progettisti quando hanno concepito il tracciato. Probabilmente mi sfugge qualcosa, perché così su due piedi mi sembra una cosa stupida non affittare i binari già esistenti, che al momento risultano essere in disuso
sedelin 2 anni fa su tio
@Libero pensatore :-)

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-10-26 17:52:54 | 91.208.130.89