foto Svizzera turismo
ULTIME NOTIZIE Ticino
CHIASSO / STATI UNITI
2 min
Beccato con 8 kg di ketamina, 35enne di Chiasso nei guai
L'uomo, insieme a un 40enne comasco, è stato arrestato all'aeroporto di Orlando, in Florida
CHIASSO
1 ora
I semafori in via Comacini sotto la lente
Il Comune ha rilevato delle disfunzioni ma non ritiene necessario sostituirli. Quindi prende tempo
BIASCA
1 ora
Chiude l'Intervalves: «E il Cantone cosa fa?»
Dieci deputati socialisti in Gran Consiglio sono preoccupati per la continua perdita di posti di lavoro nelle Tre Valli
MENDRISIO
1 ora
Somazzo, ora tocca all'asfalto
Dopo la posa delle infrastrutture sotterranee, a marzo inizieranno i lavori di pavimentazione stradale
CANTONE
2 ore
Negozi aperti fino alle 19. Si va avanti così
Il Tribunale federale ha deciso di non accordare l'effetto sospensivo al nuovo quadro normativo.
CANTONE
3 ore
Gli studenti ticinesi sono «discriminati» dal DECS?
La carta IOSTUDIO finisce in un'interrogazione di Fonio, Agustoni e Dadò
BELLINZONA
3 ore
Picchiatori (e picchiatrici) a carnevale: l'identikit
Al Rabadan un massiccio dispositivo di sicurezza. E si inaspriscono le diffide. Ne parliamo con il capo della security
CANTONE
3 ore
Il balzo annuo dei frontalieri
Nel quarto trimestre 2019 i lavoratori stranieri con permesso G in Svizzera erano 329mila. 
CANTONE / SVIZZERA
6 ore
Ora è ufficiale: Ermotti lascia UBS
Il CEO ticinese abbandona l'istituto dopo 9 anni. Al suo posto arriverà l'olandese Ralph Hamers
FOTO E VIDEO
BELLINZONA
14 ore
Rabadan: un liquido rosso vi stupirà
La scuole dell'infanzia di Olivone e Ludiano ironizzano sulle terme di Acquarossa
VIDEO
BELLINZONA
18 ore
Scherzi pazzi alla gente per strada: è già clima Rabadan
Il video per le vie della capitale. L’antipasto in vista della 157esima edizione del carnevale più seguito nel Ticino
LUGANO
19 ore
Auto in avaria, code sull'A2
Disagi in direzione nord. Chiusa la corsia di sinistra
BELLINZONA
21 ore
Quale visione per gli over 65?
Un'interrogazione chiede come si intende garantire un'adeguata qualità di vita alla crescente popolazione anziana
COMANO
22 ore
Saltano 12 posti di lavoro alla RSI
Prepensionamenti e non sostituzioni dei partenti, ma non si escludono licenziamenti e diminuzioni del tempo di lavoro
CANTONE
22 ore
Il ruolo dei Comuni nella scuola e per gli anziani
Il Comitato strategico di Ticino 2020 ha sottoposto la sua proposta al Governo. Si verificherà la fattibilità
LOCARNO
23 ore
Non rispetta la precedenza, centrato da un'auto della Comunale
L'incidente è avvenuto ieri sera a Locarno, davanti alla centrale di polizia
CANTONE / SVIZZERA
1 gior
Iniziativa "Strade sicure", in primavera la consultazione
L'iniziativa cantonale vuole vietare il transito ai camion non dotati dei nuovi sistemi di sicurezza
CANTONE
1 gior
La Cantonale ha tre nuovi Ufficiali
Marco Mombelli, Georges Locatelli e Luca Ceresetti sono stati nominati dal Consiglio di Stato
CASTEL SAN PIETRO
1 gior
Medacta potrebbe dover sborsare una decina di milioni
Advanced Surgical Devices, società controllata dal gruppo della famiglia Siccardi, ha subito una condanna (provvisoria) negli Stati Uniti
CONFINE
1 gior
«Li perdono, ma intanto li ho denunciati»
Ladri in azione nella villa di monsignor Grampa. L'ex vescovo di Lugano: «Bottino magro, solo oggetti devozionali»
PARADISO
1 gior
Gran successo per il carnevale di Paradiso
Lo scorso weekend trampolieri, giocolieri e mangiafuoco hanno trasformato il lungolago in un circo a cielo aperto
LOCARNO-CHIASSO
15.02.2018 - 07:030
Aggiornamento : 08:57

«Lauree bosniache? Io non truffo nessuno»

Ipus è fallita. Ma altri istituti para-universitari sono pronti ad accaparrarsi gli studenti truffati. Uno è guidato da un docente già condannato in Italia

LOCARNO/CHIASSO - Pochi lo sanno, ma a Locarno ci sono una quarantina di studenti che pagano 23mila franchi l'anno per studiare medicina e odontoiatria, in un piccolo ufficio sopra la Posta in piazza Grande. Sono italiani, ma il loro titolo verrà riconosciuto – una volta laureati – soltanto in Bosnia Erzegovina. A Chiasso invece, a maggio ha chiuso i battenti l'istituto Ipus, i cui vertici (arrestati) sono accusati di truffa: secondo la Procura, avrebbero promesso agli studenti delle lauree inesistenti.

La lente del Decs - Un caso unico? «Sul territorio sappiamo che operano alcuni istituti in convenzione con università dell'Est. Si tratta di realtà puramente commerciali, non vietate dalla legge, ma non certo benvenute» spiega il consigliere di Stato Manuele Bertoli. Il Cantone «monitora costantemente l'apertura e chiusura di questi istituti – prosegue Bertoli –. Laddove emergano elementi sospetti, li segnaliamo al Ministero pubblico». 

Il dopo Ipus - A occhio, gli elementi sospetti non mancano. Pochi giorni dopo il fallimento di Ipus, a giugno, in via Vela a Chiasso ha aperto un nuovo istituto: stesso ufficio, stessi professori dell'ex Ipus. Gli studenti (in parte già iscritti all'istituto fallito) seguono corsi di fisioterapia e infermieristica in convenzione, questa volta, con un'università bulgara. Che però non ha nemmeno una facoltà medica.

Condannato e assolto - A Locarno invece i corsi “bosniaci” esistono dal 2016. «Non abbiamo nulla da nascondere, operiamo secondo la legge» afferma il direttore. Cittadino italiano, vanta una condanna a Palermo nel 2009 per truffa, poi assolto in cassazione (per prescrizione del reato): era accusato di avere gonfiato i costi di alcuni corsi di formazione, e di aver fatto sparire il ricavato in paradisi fiscali.

«Massima trasparenza» - Si tratta «di fatti risalenti a prima del mio incarico» precisa il professore, e che «non hanno nulla a che fare» con i corsi tenuti a Locarno: «Noi qui operiamo in massima trasparenza». Tant'è. In Piazza Grande un ospedale universitario non si è ancora visto. Ma imparare come si esegue un'otturazione o un trapianto, nell'ufficio affittato sopra la Posta, costa 23mila franchi l'anno. «Ventimila euro per l'esattezza» conferma il direttore. Di tariffe gonfiate, però, non vuole sentir parlare.  

Cosa dice il Decs?

Il direttore del Decs Manuele Bertoli segue da vicino il dossier sulle lauree dell'Est. Dopo il caso Ipus-Unipolisi, restano sul territorio ticinese altri istituti sotto osservazione.

Come vengono monitorati?

«Il Cantone può impedire l'utilizzo di termini accademici, come “ateneo” o “facoltà”. Eventuali truffe sono di competenza del Ministero pubblico: noi segnaliamo gli elementi sospetti». 

Studenti truffati, o complici?

«Cercano una scorciatoia. Se decidono di sborsare cifre spropositate, per studiare in strutture non attrezzate, e comprare titoli non riconosciuti nell'Ue, è una scelta loro. Ma sono avvisati: stanno pagando per offerte puramente commerciali».

Commenti
 
Luca Bella 2 anni fa su fb
Brian Antonioli Hamzic
Brian Antonioli Hamzic 2 anni fa su fb
????
Alessandro Pagliuca 2 anni fa su fb
Ahmed Hegazy
Giorgio Castoldi 2 anni fa su fb
Si fregano fra di loro............ha ha ha della serie che “ un bun taglian sel te ciula no incöö el te ciula duman "
Laila Berger 2 anni fa su fb
APRITE GLI OCCHI! Sveltoni.
Goldfinger 2 anni fa su tio
chissà perché sempre e solo gli italiani...che barba che noia e pori nüm..ma basta!! Non se ne può veramente più!
Annadimelide Annadimelide 2 anni fa su fb
hanno buonissime università da loro si vede che non sono passati
Cesare Saldarini 2 anni fa su fb
Certo che uno che si iscrive ad un Università a 23’000€ con laurea Bosniaca valida solo li, non è già sveglio di suo...
Luca Civelli 2 anni fa su fb
Io non sottovaluterei il danno di immagine che questi personaggi arrecano al nostro Cantone. Basta leggere alcuni articoli che la stampa italiana ha dedicato al nostro Cantone.
Mario Bernasconi 2 anni fa su fb
Luca Crivelli che danno d'immagine? Italiani che fregano Italiani all'estero!!! Non tocca a noi proteggere questi creduloni !!!
Laila Berger 2 anni fa su fb
Esatto! Sono i loro connazionali che fanno queste cose e poi la colpa ricade su di noi.. pazzesco!
Manuela Quattropani 2 anni fa su fb
Mario Bernasconi hai ragione al 1000x1000 tanto sono sempre loro che fregano e questa volta hanno fregato i suoi!!!!
Nicklugano 2 anni fa su tio
Ce li siamo cercati ed ora ce li teniamo...
Bandito976 2 anni fa su tio
23000 franchi per un pezzo di carta? Questa é la dimostrazione che basta pagare per ottenere quello che si vuole. Poi nella pratica questa gente non sapranno fare niente. Preferisco una esperienza pratica lavorando magari gratis per imparare il mestiere. Il pezzo di carta non é sinonimo di qualità
Mario Bernasconi 2 anni fa su fb
non tocca a noi Svizzeri di proteggere i vicini della Penisola che ci cascano!!!
curzio 2 anni fa su tio
Ancora una volta si dimostra che il Ticino è terra fertile per accogliere truffatori e ciarlatani. Inoltre, è preoccupante sapere che ci sono persone che lavoreranno come dentisti dopo aver seguito queste pseudo-formazioni. Evviva... potranno vantarsi con un bel "ho studiato medicina in Svizzera".
Elena Manzoni Pappalardo 2 anni fa su fb
"Ma non certo benvenute"..... e allora? Abbiamo bisogno in Ticino di questi "personaggi"?
Lourmarin 2 anni fa su tio
E chi insegna? E così i pregiudizi continuano purtroppo. Mai che casi simili siano da amputare a svedesi o norvegesi dal passato non truffaldino ....
Lourmarin 2 anni fa su tio
Ma questi ragazzi italiani non realizzano che NON è assolutamente possibile studiare medicina e odontoiatria in un ufficio..? Vien da pensare che ch i è causa pianga sé stesso. Ma come possono non capirlo da soli e sborsare cifre simili? Forse il vaso di pandora non è del tutto aperto su questi ... corsi che andrebbero chiusi subito
Sandra Rezzonico-Abderhalden 2 anni fa su fb
Controlli radicali a tappeto e chiusura immediata per chi ha precedenti! Ma dove stiamo andando a finire? Le lauree facili non esistono comunque, e le strade chiare e oneste sono li sotto agli occhi di tutti e senza tanti paroloni !
Hardy 2 anni fa su tio
Nulla di illegale, appunto. E nel frattempo c'è chi ci rimette.
WGWG 2 anni fa su tio
Siamo gestiti da Bla bla bla
francox 2 anni fa su tio
«Il Cantone può impedire l'utilizzo di termini accademici, come “ateneo” o “facoltà” E fatelo allora!
Gloria Bergamo 2 anni fa su fb
Quanti furbi ( x non dire altro) al mondo.... Ma non è colpa loro ma chi li segue.... secondo me
tormar68 2 anni fa su tio
Venite! Venite gente! Qui é permesso di fare tutto! Povera Svizzera, soprattutto povero Ticino.
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-02-20 12:39:35 | 91.208.130.86