foto Svizzera turismo
ULTIME NOTIZIE Ticino
LOCARNO-CHIASSO
15.02.2018 - 07:030
Aggiornamento : 08:57

«Lauree bosniache? Io non truffo nessuno»

Ipus è fallita. Ma altri istituti para-universitari sono pronti ad accaparrarsi gli studenti truffati. Uno è guidato da un docente già condannato in Italia

LOCARNO/CHIASSO - Pochi lo sanno, ma a Locarno ci sono una quarantina di studenti che pagano 23mila franchi l'anno per studiare medicina e odontoiatria, in un piccolo ufficio sopra la Posta in piazza Grande. Sono italiani, ma il loro titolo verrà riconosciuto – una volta laureati – soltanto in Bosnia Erzegovina. A Chiasso invece, a maggio ha chiuso i battenti l'istituto Ipus, i cui vertici (arrestati) sono accusati di truffa: secondo la Procura, avrebbero promesso agli studenti delle lauree inesistenti.

La lente del Decs - Un caso unico? «Sul territorio sappiamo che operano alcuni istituti in convenzione con università dell'Est. Si tratta di realtà puramente commerciali, non vietate dalla legge, ma non certo benvenute» spiega il consigliere di Stato Manuele Bertoli. Il Cantone «monitora costantemente l'apertura e chiusura di questi istituti – prosegue Bertoli –. Laddove emergano elementi sospetti, li segnaliamo al Ministero pubblico». 

Il dopo Ipus - A occhio, gli elementi sospetti non mancano. Pochi giorni dopo il fallimento di Ipus, a giugno, in via Vela a Chiasso ha aperto un nuovo istituto: stesso ufficio, stessi professori dell'ex Ipus. Gli studenti (in parte già iscritti all'istituto fallito) seguono corsi di fisioterapia e infermieristica in convenzione, questa volta, con un'università bulgara. Che però non ha nemmeno una facoltà medica.

Condannato e assolto - A Locarno invece i corsi “bosniaci” esistono dal 2016. «Non abbiamo nulla da nascondere, operiamo secondo la legge» afferma il direttore. Cittadino italiano, vanta una condanna a Palermo nel 2009 per truffa, poi assolto in cassazione (per prescrizione del reato): era accusato di avere gonfiato i costi di alcuni corsi di formazione, e di aver fatto sparire il ricavato in paradisi fiscali.

«Massima trasparenza» - Si tratta «di fatti risalenti a prima del mio incarico» precisa il professore, e che «non hanno nulla a che fare» con i corsi tenuti a Locarno: «Noi qui operiamo in massima trasparenza». Tant'è. In Piazza Grande un ospedale universitario non si è ancora visto. Ma imparare come si esegue un'otturazione o un trapianto, nell'ufficio affittato sopra la Posta, costa 23mila franchi l'anno. «Ventimila euro per l'esattezza» conferma il direttore. Di tariffe gonfiate, però, non vuole sentir parlare.  

Cosa dice il Decs?

Il direttore del Decs Manuele Bertoli segue da vicino il dossier sulle lauree dell'Est. Dopo il caso Ipus-Unipolisi, restano sul territorio ticinese altri istituti sotto osservazione.

Come vengono monitorati?

«Il Cantone può impedire l'utilizzo di termini accademici, come “ateneo” o “facoltà”. Eventuali truffe sono di competenza del Ministero pubblico: noi segnaliamo gli elementi sospetti». 

Studenti truffati, o complici?

«Cercano una scorciatoia. Se decidono di sborsare cifre spropositate, per studiare in strutture non attrezzate, e comprare titoli non riconosciuti nell'Ue, è una scelta loro. Ma sono avvisati: stanno pagando per offerte puramente commerciali».

Commenti
 
Luca Bella 1 anno fa su fb
Brian Antonioli Hamzic
Brian Antonioli Hamzic 1 anno fa su fb
????
Alessandro Pagliuca 1 anno fa su fb
Ahmed Hegazy
Giorgio Castoldi 1 anno fa su fb
Si fregano fra di loro............ha ha ha della serie che “ un bun taglian sel te ciula no incöö el te ciula duman "
Laila Berger 1 anno fa su fb
APRITE GLI OCCHI! Sveltoni.
Goldfinger 1 anno fa su tio
chissà perché sempre e solo gli italiani...che barba che noia e pori nüm..ma basta!! Non se ne può veramente più!
Annadimelide Annadimelide 1 anno fa su fb
hanno buonissime università da loro si vede che non sono passati
Cesare Saldarini 1 anno fa su fb
Certo che uno che si iscrive ad un Università a 23’000€ con laurea Bosniaca valida solo li, non è già sveglio di suo...
Luca Civelli 1 anno fa su fb
Io non sottovaluterei il danno di immagine che questi personaggi arrecano al nostro Cantone. Basta leggere alcuni articoli che la stampa italiana ha dedicato al nostro Cantone.
Mario Bernasconi 1 anno fa su fb
Luca Crivelli che danno d'immagine? Italiani che fregano Italiani all'estero!!! Non tocca a noi proteggere questi creduloni !!!
Laila Berger 1 anno fa su fb
Esatto! Sono i loro connazionali che fanno queste cose e poi la colpa ricade su di noi.. pazzesco!
Manuela Quattropani 1 anno fa su fb
Mario Bernasconi hai ragione al 1000x1000 tanto sono sempre loro che fregano e questa volta hanno fregato i suoi!!!!
Nicklugano 1 anno fa su tio
Ce li siamo cercati ed ora ce li teniamo...
Bandito976 1 anno fa su tio
23000 franchi per un pezzo di carta? Questa é la dimostrazione che basta pagare per ottenere quello che si vuole. Poi nella pratica questa gente non sapranno fare niente. Preferisco una esperienza pratica lavorando magari gratis per imparare il mestiere. Il pezzo di carta non é sinonimo di qualità
Mario Bernasconi 1 anno fa su fb
non tocca a noi Svizzeri di proteggere i vicini della Penisola che ci cascano!!!
curzio 1 anno fa su tio
Ancora una volta si dimostra che il Ticino è terra fertile per accogliere truffatori e ciarlatani. Inoltre, è preoccupante sapere che ci sono persone che lavoreranno come dentisti dopo aver seguito queste pseudo-formazioni. Evviva... potranno vantarsi con un bel "ho studiato medicina in Svizzera".
Elena Manzoni Pappalardo 1 anno fa su fb
"Ma non certo benvenute"..... e allora? Abbiamo bisogno in Ticino di questi "personaggi"?
Lourmarin 1 anno fa su tio
E chi insegna? E così i pregiudizi continuano purtroppo. Mai che casi simili siano da amputare a svedesi o norvegesi dal passato non truffaldino ....
Lourmarin 1 anno fa su tio
Ma questi ragazzi italiani non realizzano che NON è assolutamente possibile studiare medicina e odontoiatria in un ufficio..? Vien da pensare che ch i è causa pianga sé stesso. Ma come possono non capirlo da soli e sborsare cifre simili? Forse il vaso di pandora non è del tutto aperto su questi ... corsi che andrebbero chiusi subito
Sandra Rezzonico-Abderhalden 1 anno fa su fb
Controlli radicali a tappeto e chiusura immediata per chi ha precedenti! Ma dove stiamo andando a finire? Le lauree facili non esistono comunque, e le strade chiare e oneste sono li sotto agli occhi di tutti e senza tanti paroloni !
Hardy 1 anno fa su tio
Nulla di illegale, appunto. E nel frattempo c'è chi ci rimette.
WGWG 1 anno fa su tio
Siamo gestiti da Bla bla bla
francox 1 anno fa su tio
«Il Cantone può impedire l'utilizzo di termini accademici, come “ateneo” o “facoltà” E fatelo allora!
Gloria Bergamo 1 anno fa su fb
Quanti furbi ( x non dire altro) al mondo.... Ma non è colpa loro ma chi li segue.... secondo me
tormar68 1 anno fa su tio
Venite! Venite gente! Qui é permesso di fare tutto! Povera Svizzera, soprattutto povero Ticino.
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-23 14:01:43 | 91.208.130.85