TP/FT
ULTIME NOTIZIE Ticino
LOCARNO
4 ore
Il Verbano invade il Parco della pace
Immagini suggestive scattate da una lettrice. Ecco le conseguenze delle recenti forti piogge
LUGANO
6 ore
Vanno solo alle elementari e hanno già lo Smartphone
Si abbassa sempre di più l’età in cui i ragazzini hanno il primo approccio con le nuove tecnologie. “Colpa” anche delle cattive abitudini dei genitori? L’analisi dell’esperta Eleonora Benecchi
SAN BERNARDINO (GR)
7 ore
Ente Turistico Moesano: il cda passa a 7 membri
L'obiettivo è di rappresentare meglio il territorio di Mesolcina e Calanca al suo interno
CANTONE
8 ore
Tutti i numeri degli accertamenti fiscali
A chiederli è il Gruppo del PS in Gran Consiglio in vista del dibattito parlamentare del 5 novembre: «È efficace, equo e garante di parità di trattamento tra contribuenti?»
FOTO E VIDEO
LUGANO
8 ore
Studente espulso: i compagni protestano fuori dal carcere
Il rimpatrio forzato di un 19enne - da ieri alla Stampa - ha innescato una manifestazione di solidarietà da parte degli allievi della Csia
CANTONE
8 ore
Mensa obbligatoria negli asili, il tamtam diventa mediatico
L’Aripe, associazione che critica l’impostazione ticinese, si sta muovendo con una serie di articoli sulle testate d’oltralpe per segnalare «in negativo l’unicum del nostro cantone».  
LOCARNO
8 ore
Delta Resort: «Quando arriva la sentenza?»
Interpellanza di Fabrizio Sirica e cofirmatari: «Il Consiglio di Stato ha cambiato idea?»
FOTO
BEDRETTO
9 ore
Veicolo in fiamme sulla Novena, lievi ustioni per il conducente
Sul posto sono intervenuti i Pompieri dell'Alta Leventina, la Polizia, e un'ambulanza che ha prestato i primi soccorsi al ferito e l'ha trasportato in ospedale
CANTONE
9 ore
Acqua di nuovo potabile ad Alto Malcantone
I parametri sono rientrati nella normalità. Resta in vigore la non potabilità a Cademario, Aranno e nelle frazioni di seo, Cimo, Gaggio e Pianazzo a Bioggio
CANTONE
10 ore
Visita di cortesia a Palazzo delle Orsoline
Il Consiglio di Stato ha ricevuto oggi la Console generale di Svizzera a Milano Sabrina Dallafior
CANTONE
10 ore
Minorenne violentata. Condannato a 4 anni, poi sarà espulso
Il legale del 29enne kosovaro valuta il ricorso in Appello. La giovane riceverà 12mila franchi di risarcimento
CANTONE
11 ore
Ecco Lu, il nuovo agente a 4 zampe della Polizia cantonale
Il nuovo collega della sezione cinofila è stato presentato oggi sulla pagina Instagram del corpo
GIUBIASCO
12 ore
Col furgoncino nel fiume, arrestato il guidatore-ladro
Il veicolo, di proprietà di una ditta di pompe funebri, era rubato. Dopo due incidenti l'automobilista aveva tentato la fuga. Invano
CANTONE
13 ore
La Valle di Blenio si presenta unita per la stagione invernale
Le 2 stazioni sciistiche, Campo Blenio e Nara, propongono una nuova stagionale valevole per entrambi i comprensori
AGNO
13 ore
Nuove nubi sulla Mikron
La società ha inoltrato la domanda per introdurre il lavoro ridotto
AGNO
15.02.2018 - 09:310
Aggiornamento : 12:41

Nervi tesi attorno al “Cannabis shop” dell'aeroporto

Il negozio è stato visitato più volte dalla polizia e il Comune chiede una licenza edilizia. Ma il proprietario dell’immobile replica: «Quando si vogliono rompere le scatole...»

AGNO- È un negozio minimalista con le vetrate opache quasi a voler dichiarare ai passanti la sua anima discreta. Eppure nel comune del Basso Malcantone la recente apertura sta creando un certo subbuglio. Tanto da venir visitato tre volte dagli agenti di polizia negli ultimi giorni (una volta dalla comunale di Malcantone Est, le altre due dalla Cantonale). Parliamo del “cannabis light shop”, un’attività che alla vendita dell’erba legale affianca anche un centro di competenze e consulenza per chi vuole cimentarsi in questo nuovo mercato emergente. Il negozio si trova proprio di fronte all’entrata dell’aeroporto di Agno. E sembrerebbe che non tutti al vertice dello scalo abbiamo gradito.

Almeno questo sostiene il proprietario dello stabile che affitta gli spazi al “Cannabis light shop: «Il negozio ha fatto venire il mal di pancia all’aeroporto, non tanto alle autorità» dice a Tio.ch/20minuti, Dario Kessel. Che aggiunge: «Il vero scandalo qui sono le perdite milionarie di Lugano airport… Invece il Comune sta cercando in ogni modo di ostacolare questa attività. Da qui l’escamotage del cambio di destinazione che mi hanno chiesto di fare. Ma quello da sempre è stato un negozio. È tutto da dimostrare che passare da un negozio di camicie a uno dove si vende canapa richieda una licenza edilizia... Potrebbe essere se un negozio attirava dieci persone e l’altro mille… Ma se si vogliono rompere le scatole si trova sempre il modo», conclude Kessel, lasciando intendere che è pronto a dar battaglia.

Dal canto suo conferma le verifiche di polizia, il sindaco di Agno, Thierry Morotti, che puntualizza: «Stiamo valutando se ci sono tutte le autorizzazioni necessarie. Perché questa attività non era stata annunciata al Comune, ma l’abbiamo saputo dalla stampa». E sulle presunte pressioni da parte di Lugano Airport aggiunge: «Ci siamo mossi spontaneamente. Vogliamo solo che tutto sia a norma».

Nel mezzo del polverone non perde la calma il gerente dello shop, Sergio Regazzoni: «È un’attività legale, regolamentata a livello federale e noi in Ticino dobbiamo solo applicare la legge. Non interpretarla». La clientela di questi primi giorni? «Molti cinquantenni alla ricerca di qualcosa contro lo stress».

1 anno fa La canapa light “decolla” con uno shop all’aeroporto
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-24 02:19:41 | 91.208.130.89