ULTIME NOTIZIE Ticino
CUREGLIA
3 ore
Scontro a Cureglia, ferito un centauro
CANTONE
5 ore
Paolo Ortelli è il nuovo presidente della CFC
STABIO
6 ore
Un terzo arresto per il maxi sequestro di cocaina
FAIDO
7 ore
Le Cascate della Piumogna spiegate dai giovanissimi
CADENAZZO
7 ore
Esercitazioni, evacuate le scuole dell'infanzia e elementari
MUZZANO
7 ore
«Licenziate due madri, e un padre di tre figli»
LUGANO
8 ore
Tasse di cancelleria abolite per disoccupati e persone in assistenza
CANTONE
9 ore
Lugano Airport, il rilancio atterra sul tavolo del Consiglio comunale
CANTONE
9 ore
Caritas, stabilità finanziaria confermata
LUGANO
9 ore
«Quante volte si fa sesso col partner solo per dovere coniugale»
BREGAGLIA (GR)
10 ore
Fermato con due pugnali e una zanna di tricheco
CANTONE
10 ore
Ristrutturazione al Corriere del Ticino, tagliati 9 posti di lavoro
BELLINZONA
10 ore
Rifiuti: «Bisogna informare, non reprimere»
LOSONE
11 ore
«Per alcune migliaia di franchi meno sicurezza ai ragazzi»
CANTONE
11 ore
Dall'Ascensione al Corpus Domini: giorni di fuoco per l'A2
LUGANO
13.02.2018 - 08:220
Aggiornamento : 11:52

Il nullatenente con permesso B e amicizie «preoccupanti»

La Procura ha spiccato un mandato di cattura nei confronti di un cittadino italiano, residente - fino a poco fa - nel Mendrisiotto

LUGANO - In Italia risulta nullatenente. In Ticino ha avuto fino a poco tempo fa un contratto di lavoro, conti in banca, un permesso B e soprattutto amicizie. Tante amicizie. Con un «poliziotto» e un «politico», un «pezzo grosso». Almeno così dice, in alcune conversazioni registrate dalla Polizia cantonale. Il Ministero pubblico ha confermato a tio.ch/20minuti di avere emesso nelle scorse settimane un ordine di cattura nei confronti di un cittadino italiano residente – formalmente – nel Mendrisiotto. Il 55enne era un volto noto nel mondo delle corse d'auto, e avrebbe avuto un ruolo chiave nell'indagine per riciclaggio che ha coinvolto un ex quadro della Bsi, a settembre scorso. L'ex pilota, su cui pende un mandato di cattura, è un personaggio già noto anche alle forze dell'ordine: nel 2000 era stato arrestato, in Italia, per una maxi-evasione fiscale organizzata nell'ambito delle corse di rally.

Permesso non rinnovato - Il caso aveva fatto scalpore. Ma ciò non ha impedito all'uomo di trasferirsi in Ticino con tanto di permesso B, presentando all'Ufficio stranieri un contratto di lavoro e uno d'affitto. Sulla veridicità di quest'ultimo sono in corso accertamenti. Il contratto di lavoro invece è stato firmato da un'azienda del Mendrisiotto: il titolare, contattato al telefono, conferma di avere avuto alle proprie dipendenze il 55enne «fino a novembre, quando ho dovuto interrompere il rapporto di lavoro» perché il Cantone «non gli ha concesso il rinnovo del permesso».

Dichiarazioni preoccupanti - Ma agli atti c'è una conversazione registrata, in cui l'ex pilota vanta amicizie ancor più problematiche. Un «poliziotto» citato a più riprese, che lo avrebbe aiutato con le pratiche di residenza e un «politico» ticinese a cui avrebbe chiesto (senza ottenerli) dei favori. Per finire il legame più «preoccupante» secondo gli inquirenti: l'uomo – ignaro di essere registrato – cita alcuni «amici» di Nova Milanese, affiliati a un locale clan della 'ndrangheta. Proprio nell'hinterland milanese, dopo aver schivato il mandato di cattura, il 55enne sarebbe stato visto in pubblico l'ultima volta a dicembre. Durante una corsa di rally, neanche a dirlo.  

Ecco il nostro dossier sull'inchiesta.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-05-24 01:25:45 | 91.208.130.86