TiPress
CANTONE
08.02.2018 - 11:420
Aggiornamento 16:11

Assicurati morosi: 3'548 ticinesi nella “Black List”

Il dato, preoccupante, è in crescita. Uno studio commissionato alla Supsi svela il suo identikit: «In prevalenza uomini, sui 43 anni e spesso senza figli a carico»

BELLINZONA -  Nel periodo 2012-2015 erano 25'334 gli assicurati morosi in Ticino. Di questi, 3'548 persone nel 2016 erano inserite nella cosiddetta “lista nera” e si sono viste sospendere le coperture delle prestazioni mediche non urgenti. Il motivo? Il mancato pagamento (ripetuto e spesso ingiustificato) dei premi della cassa malati.

Una situazione «preoccupante» che ha convinto la Commissione della gestione e delle finanze a richiedere un’analisi qualitativa relativa a questi assicurati sospesi. «Questo è dovuto – spiega il direttore del Dipartimento della sanità e della socialità Paolo Beltraminelli durante una conferenza stampa a Palazzo delle Orsoline – alla nuova legge federale sulla LAMal. Il Cantone paga l’85% dei costi (le casse malati coprono l’altro 15%, Ndr), ovvero 17 milioni all’anno, per sostenere gli assicurati morosi. Con l’introduzione della "Black List" abbiamo avuto un risparmio di circa 4 milioni. Il nostro obiettivo non è però solo finanziario ma soprattutto quello di responsabilizzare maggiormente i morosi. Attualmente un terzo di loro regolarizza la propria posizione prima o dopo la sospensione con il pagamento dei premi dovuti». Beltraminelli sottolinea poi che circa il 40% degli assicurati morosi viene «tutelato» da Cantone e Comuni. «Tra questi – puntualizza il direttore del DSS – molti sono minorenni, persone a carico dell’AI o che beneficiano dell'AVS. Non vogliamo infatti che queste persone, già di per sé fragili, debbano convivere con ulteriori difficoltà».

L’identikit - Lo studio fornisce un identikit delle persone presenti (in tre quarti dei casi da più di tre anni) nella “Black List”: in prevalenza si tratta di uomini (due casi su tre), hanno in media 43 anni e nella maggior parte dei casi (80%) non hanno figli a carico. Questo perché spesso «un figlio responsabilizza le persone», sottolinea Beltraminelli.

Sempre più casi – Dal 2013 al 2016 gli individui presenti nella "Black List" sono passati da 881 a 3'548. «Le uscite da essa sono abbastanza regolari mentre vi è stato un aumento delle persone che entrano nella lista», spiega Spartaco Greppi della Supsi, che con due colleghi ha elaborato lo studio. I dati sono stati raccolti in 1'212 nuclei familiari tassati in via ordinaria (42%) e d’ufficio (38%). Da qui la Supsi ha potuto creare un profilo. «Come già detto da Paolo Beltraminelli l’età media si attesta sui 43 anni e questo perché andando avanti con gli anni il rischio di cronicità aumenta. In maggioranza sono uomini, spesso non sposati. Le donne single sembrano invece abbandonare più facilmente la lista, così come i giovani che sono il profilo più presente tra i casi di successo.», precisa Greppi.

I fattori per l’uscita – Alcuni sospesi sono beneficiari di una copertura completa dei premi. «Questo – sottolinea il professore – aumenta le possibilità di successo dell’uscita dalla "Black List"». Altri motivi che favoriscono l’uscita dalla lista nera sono la presenza di figli a carico e avere un lavoro al momento della sospensione. Ma non solo. Possono accelerare l’abbandono della lista anche la presenza di sostanza mobiliare o immobiliare «per paura di perderle», come pure un aumento nel reddito nei due anni precedenti che è chiaro sintomo «di un miglioramento della situazione economica dei nuclei familiari».

Difficoltà – Trovano invece parecchie difficoltà ad abbandonare la “Black List” quelle persone che lavorano come indipendenti, che presentano debiti aziendali o che hanno sostanziosi debiti privati. «Questi tre fattori inibiscono in maniera pesante l’uscita dalla lista».

Un raggio di sole – Il lavoro svolto dalla Supsi ha dato delle risposte al Governo. «Ci confortano. Ora abbiamo delle piste per trovare delle soluzioni. Magari sensibilizzando pure i nostri deputati di Berna», ipotizza Beltraminelli. La soluzione ticinese è duplice: in primo luogo in termini preventivi e solo in seguito sanzionatori. «Si vuole sensibilizzare e responsabilizzare il cittadino. Ci sono diverse persone che non pagano anche se potrebbero permetterselo. Queste penalizzano chi agisce in maniera corretta e vanno quindi sanzionate».

Benefici - Beltraminelli poi guarda al positivo. «Un terzo degli assicurati morosi ha regolarizzato la sua posizione». La soluzione ticinese ha quindi portato vari benefici (anche grazie al ruolo dei Comuni). «Ha ridotto il rischio d’insolvenza, contenendo l’evoluzione della spesa a carico di Cantone e Comune e attivando la possibilità di intervento con prestazioni complementari a chi ne avesse bisogno».

Sguardo al futuro dei minorenni - Le misure finora adottate hanno quindi già portato effetti concreti, ma il DSS guarda avanti. Al futuro dei ragazzi ora insolventi minorenni che potrebbero portarsi dietro, una volta compiuta la maggiore età, un fardello parecchio pesante. «Non è giusto - conclude Beltraminelli - che i figli paghino per i debiti contratti dai genitori».

Commenti
 
siska 6 mesi fa su tio
Poi tutti a credere alle statistiche degli "scenziati" della supsi francamente ai cattedrati non crederò mai e poi mai finché avrò vita...la società odierna é lì da leggere come un libro aperto poi se si ha sempre bisogno degli studiosi "sociali" embé allora la consapevolezza di noi e degli altri é finita nel ces.....so.
anthalya 6 mesi fa su tio
hanno ragione a non pagare i premi di cassa malati,ogni tre secondi se non erro muore una persona di fame o delle conseguenze della fame nel mondo,uno su due un bambino,...,da noi è la mente ad essere debilitata e si va a cercare il pelo nell'uovo.Bisognerebbe spiegare a queste povere persone,che da noi con tutto cio' che abbiamo,...necessitiamo ancora di costanti cure mediche. ....se la cassa malati servisse a qualcosa,la prima ad occultarne l'esistenza sarebbe l'amministrazione pubblica,in nome dei posti di lavoro da salvaguardare,e l'assenza di malati,una catastrofe
Nadia Pettignano 6 mesi fa su fb
Ma come mai la maggioranza non ha voluto la cassa malati unica? Troppi conflitti d’interesse? Adesso vi lamentate, quando c’è da votare 🗳 , votate ma votate bene ! 🧐
Simo Malingamba 6 mesi fa su fb
Se sono senza figli i soldi per la cassa malati li hanno...devono forse rinunciare a spenderli in altro ed essere più responsabili!
Alberto Guglielmetti 6 mesi fa su fb
Premi sempre in crescita e medici sempre più ricchi. Se durante una visita medica parli più di quel tempo , devi pagare , poi vai in farmacia con la ricetta, il farmacista per leggerla ti fa pagare , questa situazione è inconcepibile, poi altro che aumentare i premi, dissanguano le persone .
Roberto Barboni 6 mesi fa su fb
Cos’era quella cosa stimolante di cui parlava ermotti?
Aldo Giannuzzi 6 mesi fa su fb
Andrea Rossi, ha ragione tuo fratello; 3548 fidanzati sulla lista nera!
Andrea Rossi 6 mesi fa su fb
Ahahah vero 😂😂😂😂
siska 6 mesi fa su tio
E a quanto pare vi sono ancora soggetti in questo cantone che sarebbero poi da prelevare e dargliene tante e metterlo in piazza con il c....o a strisce. Ah se mi prudono le mani specialmente con soggetti che ne sparano di cavolate.....bé auguriamogli solo di finire prima o poi in m....a anche perché la röda la gira par tücc soprattutto chi ha un buonissimo salario o si é fatto mantenere con i soldini ereditati da mamma e papà o nonni....poi il resto di questi soggetti é tutta fuffa ecco perche sparano cavolate.
Tarok 6 mesi fa su tio
blacklist ovvero l’elenco dei pufatt da pubblicare in piazza o far passare come banner in basso allo schermo tsi
Stefano Malagodi 6 mesi fa su fb
Risolto il problema ho lasciato la Svizzera
siska 6 mesi fa su tio
Ma questo signore dovrebbe solo fare silenzio il buon tacere, in questo caso, non fu mai scritto. Bé allora cominciamo con la lista che il signore in questione assieme al suo partito in corpore ha voluto mettere in atto ben 3 anni fa: eseguito il taglio dell' aiuto di mantenimento a domicilio per persone anziane e invalidi vero?? Un bel taglio di CHF 200.- si vergogni! Punto 2°: eseguito taglio sul rimborso delle casse malati naturalmente a discapito delle persone meno abbienti ed in AVS si vergogni! Punto 3°: eseguito dei tagli a discapito delle famiglie quelle famiglie che in pratica si indebitano perché hanno figli a carico, spese esorbitanti dei premi di cassa malati e tutte le spese fisse per far sì che funzioni il tutto più o meno bene, sempre meno bene! Non parliamo poi dell'Argo 1 con ben 3 milioni gettati nel WC in quanto NON sono serviti a far funzionare niente di nulla. E questo qua strapagato con i soldi degli altri viene a fare la morale ai morosi o eventualmente futuri morosi? Ma si vergogni.
F/A-18 6 mesi fa su tio
@siska Vai a vedere che ruolo ricopriva il nostro eroe ai tempi di asfaltopoli........, ricordo che questo scandalo è costato ai ticinesi milioni di franchi, soldi intascati da 17 ditte che si spartivano i lavori e gonfiavano i prezzi del 30%, nessuna condanna perché la nostra magistratura decise per il non luogo a procedere, alias, altro scandalo!
siska 6 mesi fa su tio
@F/A-18 Hai ragione F/A-18, mi ricordo eccome! .. la cara magistratura é messa nel "quadrato" dalla politica e nessuno dentro lì osa fiatare altrimenti non potrebbe più lavorare né nel pubblico e forse neppure nel privato. A me francamente quando leggo certe esternazioni della politica mi viene da ridere per non piangere. Poi i non luoghi a procedere come nel caso di asfaltopoli bé non c'é più nulla da sperare.
Luca Mer 6 mesi fa su fb
Io fra virgolette non metterei blacklist, bensì “ticinesi”. Nel senso che andrebbe relativizzato/verificato il senso in cui il termine è utilizzato.
Paolo Monteverdi 6 mesi fa su fb
Aspirina Cardio 100 prezzo in Ticino dai 15,70 ai 20chf - Aspirina Cardio in Italia Francia e Spagna 2,60€ poi si chiedono perchè la gente non paga la cassa malati ...
Zico 6 mesi fa su tio
3548 morosi? vedrete quando cominceranno anche gli sposati ed i single! ma il Beltrasereno responsabile anche di Argo 1 si ricorda quando ci hanno rimborsato il furto sui premi pagati inpiù dai ticinesi e se n'è uscito con l'espressione 'megliopoco che nulla'? Ci sono molte cose non giuste in questo cantone: `Non è giusto che i figli paghino per i debiti dei genitori?' e sul fatto che i contribuenti paghino per i suoi errori???? ritiras!
Fix Ticino 6 mesi fa su fb
Ivan Bernaschina
Ivan Bernaschina 6 mesi fa su fb
GPM Ghe Pensi Mi 😂😂
Calabrin 6 mesi fa su tio
sono piu che sicuro, che gli aumenti della cassa malati ce li fanno digerire con gli aumenti dei costi...invece buona parte sono per compensare chi non ce la fa piu a pagare!!!!! non potranno che aumentare i morosi!!
Trasp 6 mesi fa su tio
@Calabrin Quelli che non ce la fanno piu a pagare si devono rivolgere al aiuto sociale. La cassa malati riguarda la sanità, e visto che è obbligatoria va dedotta direttamente dallo stipendio, cosi il problema è risolto.
Mario Zucca 6 mesi fa su fb
Il signor consigliere di stato nella foto, cosa ha fatto, quando si era saputo che il Cantone Ticino aveva pagato uno sproposito di milioni in più alle casse malattia ? Niente. Imperterritamente tutti gli anni ci sono aumenti, e non quello che ci comunicano, per i quotidiani e TV, ma il doppio se va bene. E il signore summenzionato, niente, tutto OK!!!!!!!!
Trasp 6 mesi fa su tio
Stesso problema che con le tasse; Tasse e casse malati vanno dedotti direttamente dallo stipendio!!
Gennarino St Andrew 6 mesi fa su fb
Suvvia sono solo percezioni...
F/A-18 6 mesi fa su tio
Ma perché il sig. Beltrame nello non si dimette in qualità di responsabile di uno degli innumerevoli scandali di questo sempre più sfigato cantone?
lügan81 6 mesi fa su tio
ma toh che novità... se una persona non riesce a sopravvivere toglie le spese che incidono maggiormente...e cosa è? ovvio la cassa malati
jena 6 mesi fa su tio
NULLA DA DIRE SUI 218 mio di utile di HELSANA ????????
Biagio 6 mesi fa su tio
Non si pagano i premi, ma in compenso leasing per belle auto.
Bandito976 6 mesi fa su tio
i commenti sotto giá rispecchiano la situazione, aggiungerei che a 43 anni é molto difficile il reinerimento nel mondo del lavoro se non hai un occupazione. Pertanto al posti di fermarsi al male, bisogna anche analizzare la causa.
rojo22 6 mesi fa su tio
@Bandito976 Siamo in un blog, quello di TIO. Che cosa ti aspetti dai bovini al pascolo?
Laila Berger 6 mesi fa su fb
Io pure non ho una bella situazione economica e per far fronte a spese quali affitto, cassa malati, tasse ecc ecc. non esco ogni weekend, non vado in vacanza.. e faccio tante altre rinunce. Insomma, queste spese si possono pagare benissimo facendo dei sacrifici. Non trovo giusto che persone come quelle citate nell'articolo non facciano altrettanto. Vorrei davvero sapere se sono seriamente in difficoltà oppure spendono per altre cose (vacanze, auto, vizi..ecc ecc) invece di far fronte alle vere spese. Così allora pure io potrei non pagare la cassa malati e le tasse, per esempio. Troppo facile! 😒
tip75 6 mesi fa su tio
novità....
Luchino Wild 6 mesi fa su fb
...non scordiamo il fatto che é evidente che creare certe situazioni é vantaggioso per il governo e tanti altri, che vogliono sia così. Altrimenti certe "regole, imposizioni", non avrebbero senso di esistere!! Standardizzare anche minimamente un qualcosa, in un mondo in cui non tutte le persone sono uguali e hanno le stesse risorse, fortune, caratteri, ecc é già un controsenso, scorrettezza e un mirare a creare differenze e problemi!! Se poi si guarda a questo preciso argomento, quelle persone che si ritrovano nei guai e non posso pagare per lungo tempo... sono fregate a vita!! Perché servizi sospesi... ma debito che continua a salire, mese, dopo mese, dopo mese e alla fine é impossibile recuperare!!! Magari gli si creano anche preoccupazioni e problemi a livello di relazioni, ecc... Piuttosto sospendere tutti i servizi e la crescita del debito!! Anche perché se non utilizza dei servizi, perché deve pagarli e vedersli crescere il debito ogni mese, ricevendo comunque la fattura che tutti sanno non potrà venir pagata? Soprattutto se già non riesce a permettersi la base di essi ?? Per fotterli a vita e creargli sempre più problemi!! Visto che non c'é libertà alternativa... che sarebbe un tocca sana per quelli che non riescono a soddisfare i requisiti standard della società... Si arrangiano come possono senza chiedere nulla agli altri e senza però fottersi quella che comunque é la loro unica vita... ovvio che anche chi ha problemi se la vuole vivere un attimino!! Non tutti hanno chiesto o vogliono vivere negli standard imposti a tutti!! Ma a loro fà comodo... mettere nella merda le persone crea lavoro, giro d'affari, bla-bla politici, ecc... Assurdo!!
Eliane Weibel 6 mesi fa su fb
Da anni aumenta tutto meno la paga! Strano che si fa sempre più fatica a pagare le spese fisse....😠
Manuela Zanolari-volpi 6 mesi fa su fb
La cosa strana è che chi non paga i premi spesso fa parte del ceto medio ed ha uno stipendio regolare ma non vuole rinunciare alla bella macchina, alle uscite,.... Nel budget la priorità va data principalmente al pagamento dell'affitto e della cassa malati, se poi si deve rinunciare ad una serata pazienza. Se a questa parte di "morosi" venisse intimato il pignoramento dei premi dal salario eccome li pagherebbe
Laila Berger 6 mesi fa su fb
È quello che intendo io, nel commenti poco sopra al suo. Questo è concetto.
Romy Ribi 6 mesi fa su fb
Concordo
Led Swan 6 mesi fa su fb
Forse anche perchè al ceto medio girano le balle vedere che quelli del ceto basso prendono assegni integrativi/prima infanzia con un sussidio mostruoso e quelli in assistenza il premio viene pagato direttamente dall'USSI mentre che a loro spetta unicamente di pagare. Vista la situazione quelli del ceto medio che possono fare a meno di cure medico decidono di non pagare...
Manuela Quattropani 6 mesi fa su fb
Led Swan bravissimi condivido!!
Igor Gutschen 6 mesi fa su fb
Led Swan condivido in pieno; questi fanno figli e li piazzano di qua e di la a spese degli altri...privatizzazione privatizzazione
Tati Past 6 mesi fa su fb
In effetti "43 anni single senza figli"....ah già sono arrivati i tutto loghi!!!!
Rosa Carinci 6 mesi fa su fb
Domandarsi il perché??
Christine Vedova Gianpietro Zappa 6 mesi fa su fb
MA in tutta la Svizzera sono più del 40% a non più riuscire a pagare la Cassa Malati o solo parzialmente ... !!!
Max Negri 6 mesi fa su fb
Beltraminelli...spiegaci anche Argo 1... e dimettiti 😡
Nadia Tucci 6 mesi fa su fb
Strano, nonostante tutto questo benessere? 😑
Romy Ribi 6 mesi fa su fb
...e sembra che la Svizzera sarebbe il paese dove si sta da Dio... ????????
Nadia Tucci 6 mesi fa su fb
Ero sarcastica
Raffaella Norsa 6 mesi fa su fb
Romy Ribi sembrava, ora è chiaro da parecchio a tutti che non è più cosi
Andrea Sassella 6 mesi fa su fb
Urca e vi meravigliate ancora .???
Giuliano Forlini 6 mesi fa su fb
Avete messo in difficoltà la gente del Ticino, che vi aspettavate? Fanno bene a non pagare
Laila Berger 6 mesi fa su fb
Fanno bene? Non sono d'accordo.
Giuliano Forlini 6 mesi fa su fb
Laila, però nemmeno il vostro governo non fa bene a fregarsene dal disastro che hanno provocato sul mercato del lavoro del Ticino..eppure lo fa! Ok essere corretti, ma la correttezza ci deve essere da ambo le parti
Laila Berger 6 mesi fa su fb
Giuliano Forlini si sta parlando di persone che non pagano, non del governo. Non rigiriamo la frittata.
Giuliano Forlini 6 mesi fa su fb
Non giro la frittata, figurati :) In due anni e mezzo in Ticino però ne ho conosciute di persone che per tirare la cinghia non pagavano la CM e si sa certe condizioni da chi e come sono state permesse :/ ecco perché ho tirato in ballo il governo. Diciamo che certe situazioni dovrebbero essere evitate garantendo alle persone il giusto salario..poi ovvio, ho conosciuto pure i furbetti che con i soldi della CM ci pagavano il leasing della BMW (e queste sono le erbacce da estirpare)
Damiano Iannino Schipilliti 6 mesi fa su fb
E ce ne saranno molto di più ... siete peggio dei vampiri .. E di che avevate detto che i premi (definizione faziosa) sarebbero diminuiti se passava la votazione le le casse private ... Non dovrebbe più pagare nessuno la cassa malati. .. una delle nazioni più ricche al mondo deve garantire la salute ai propri cittadini in ogni caso e senza dover vendere pezzi del corpo per pagare il furto della tassa sulla salute
Manuela Decarli 6 mesi fa su fb
bella proposta davvero quella di non pagare più, eh già tanto le cure le paga lo Stato
Damiano Iannino Schipilliti 6 mesi fa su fb
Con le imposte che paghiamo... o pagare in base al reddito .. ma comunque la sanità non dovrebbe Essere privata... E
Manuela Decarli 6 mesi fa su fb
Damiano Iannino Schipilliti - sull'ultima frase ti do ragione, solo che noi abbiamo votato NO alla cassa malati pubblica
Manuela Decarli 6 mesi fa su fb
però non pagare la cassa malati vuol dire caricare la comunità delle spese di interventi d'urgenza perché non credo che lascino morire qualcuno se non ha pagato
Romy Ribi 6 mesi fa su fb
Manuela Decarli Ci sono persone che lavorano e potrebbero pagare la CM ma non lo fanno, anche se è obbligatoria. Però riescono a pagarsi il superfluo come... più vacanze all'anno, sigarette e altre cose non indispensabile come la salute. Perché non obbligano i datori di lavoro di tenere i soldi per la CM sulla paga per queste persone?.
Manuela Decarli 6 mesi fa su fb
Romy Ribi - sarà vera questa cosa? perché comunque in caso di precetto esecutivo si arriva a togliere la somma dallo stipendio lasciando solo il minimo vitale
Manuela Zanolari-volpi 6 mesi fa su fb
Sì è vera io ho conosciuto persone che lo esprimevano candidamente. Ricordiamoci comunque che sommando imposte e cassa malati non arriveremo mai a pagare quanto in Italia che hanno una detrazione molto alta dalla busta paga e nonostante ciò pagano il ticket e devono prendere appuntamenti per ogni esame e spostarsi anche solo per delle analisi del sangue e poi devono pure andare a ritirarle dopo una settimana. Forse fino a quando non ne avremo realmente bisogno (spero per tutti mai) non ci rendiamo conto di quello che abbiamo
Romy Ribi 6 mesi fa su fb
Manuela Decarli E verissimo, c'è chi di precetti esecutivi se ne fa un baffo talmente ne ha e dichiara la "carenza beni" e non viene controllato come spende lo stipendio e ho costatato che pagare la CM non è obbligatoria.
Manuela Decarli 6 mesi fa su fb
Manuela Zanolari-volpi - hai ragione, anche per me è un onere molto importante ma purtroppo è necessario
Damiano Iannino Schipilliti 6 mesi fa su fb
Romy Ribi darebbe da detrarre gia dalla paga le imposte cisi da dare una paga pulita .. E comunque sono stati al pronto soccorso x un infortunio in cui rischiavo di perdere la costa ma prima hanno voluto la tessera della cassa malati e il nome delle assicurazioni infortuni .... poi mi sono alterati e ha voluto solo la cassa malati
Igor Gutschen 6 mesi fa su fb
hai ragione; è una truffa e basta, non è normale pagare tutti la stessa cifra. La cassa malati dev'essere abolita o in base al reddito. In realtà dovrebbe essere già inclusa nelle tasse che paghiamo ogni anno.
Igor Gutschen 6 mesi fa su fb
Roma Bibi caspita che ispettore; pagala tu la cassa malati a tutti e vedrai che nessuno riceverà più precetti esecutivi. Se fosse in base al reddito sarebbe più equa o meglio sarebbe il caso di utilizzare i soldi delle tasse per detrarla invece di investirli per aiuti all'estero.
Igor Gutschen 6 mesi fa su fb
Damiano Iannino Schipilliti queste parlano perché probabilmente lavorano per il Cantone oppure hanno talmente tanti soldi che sanno esattamente che se dovessero fare la cassa malati in base al reddito la loro rata mensile schizzerebbe a 1000 franchi mensili
Manuela Decarli 6 mesi fa su fb
Igor Gutschen - queste chi? vuoi che ti mandi la mia dichiarazione dei redditi? non ho niente da nascondere io, nemmeno la mia faccia, nemmeno la mia identità
Raffaella Norsa 6 mesi fa su fb
Manuela Zanolari-volpi se non si è informati meglio non dire eresie. Grazie
Tags
beltraminelli
list
black
lista
assicurati morosi
black list
assicurati
carico
casi
supsi
Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -  Cookie e pubblicità online  -  Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2018-08-17 13:42:39 | 91.208.130.86