Ti Press
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
6 ore
Renzetti "flashato" a 177 km/h: «Ero arrabbiato con l'arbitro»
Il presidente dei bianconeri ha calcato un po' troppo il piede sulla A13 rientrando da una partita fuori casa: «Non pensavo la mia Golf fosse così potente»
CANTONE
7 ore
Merlini: «C'è desiderio di cambiamento, e va rispettato»
Dopo l'odierna sconfitta, il candidato PLR intende ritirarsi dalla politica: «Ora ho più tempo per la mia attività professionale»
CANTONE
9 ore
La bucalettere strabocca: «Avrei potuto rubare diverse schede»
Molte persone aspettano l’ultimo momento per imbucare la busta del voto per corrispondenza. Un’abitudine che però può creare qualche problema...
CANTONE
9 ore
Carobbio: «La mia elezione? Un segnale per l’uguaglianza di genere»
Per la prima volta una donna rappresenterà il Ticino al Consiglio degli Stati
BELLINZONA
10 ore
Un furgoncino "social" nella capitale
Obiettivo del Social Truck: creare legami tra i giovani e favorire la creazione di ponti nei rapporti dei giovani con gli abitanti.
STABIO
10 ore
Esame superato, ecco i nuovo cavalieri
Si sono svolti con successo gli esami di equitazione alla Scuderia Happy Hours di Stabio
CANTONE
10 ore
«Nessuna guerra con la Carobbio, troveremo accordi»
Un esponente dell’UDC e una del PS andranno d’accordo insieme al Consiglio degli Stati? Marco Chiesa: «Certamente sull’aumento dei premi casse malati troveremo soluzioni convergenti»
CANTONE
11 ore
Neve sull'A2, «lunghi ritardi» verso nord
Spazzaneve in azione sul posto. Disagi alla circolazione in entrambe le direzioni
BELLINZONA
09.01.2018 - 14:000
Aggiornamento : 17:57

Processo tamil, la difesa attacca ancora il Ministero pubblico

È continuato oggi il processo a carico dei 13 imputati accusati di aver sostenuto finanziariamente le Tigri per la liberazione dell'Eelam Tamil

BELLINZONA - Gli avvocati della difesa hanno continuato oggi a contestare l'atto d'accusa nel processo cominciato ieri al Tribunale penale federale di Bellinzona contro 13 presunti fiancheggiatori della guerriglia tamil nello Sri Lanka, chiedendone il rinvio al mittente, ossia al Ministero pubblico della Confederazione (MPC). La corte comunicherà la sua decisione in merito lunedì prossimo, quando riprenderanno i dibattimenti.

Da parte sua la procuratrice federale Juliette Noto ha respinto stamane le critiche formulate ieri dall'avvocato ginevrino Pierre Garbade, difensore del segretario e cassiere del World Tamil Coordinating Committee (WTCC). Il "Comitato" all'epoca dei fatti contestati - tra il 1999 e la sconfitta della guerriglia tamil nel maggio 2009 - fungeva da copertura alle Tigri per la liberazione dell'Eelam Tamil (LTTE) in guerra contro l'esercito dello Sri Lanka e considerate dall'MPC un'organizzazione terroristica. 

In un intervento durato tre ore che ha assunto i toni di un'arringa, Garbade aveva fatto a pezzi l'atto d'accusa, denunciando un asserito miscuglio tra fatti e argomenti, e aveva chiesto il ritiro di simile «minestra immangiabile».

Garbade aveva inoltre criticato le ricerche effettuate dal procuratore federale Patrik Lamont presso la Bank Now, che avrebbe concesso molti piccoli crediti a rifugiati tamil residenti in Svizzera, soldi poi andati al WTCC per finanziare l'LTTE. Secondo Garbade, Lamont avrebbe evocato vaghi sospetti di traffico di droga per indurre l'istituto a collaborare. Secondo Juliette Noto, simili affermazioni sul ruolo di Lamont sono «chiaramente diffamatorie».

Dal canto suo l'avvocato vodese Ludovic Tirelli, difensore del gerente di una società per il trasferimento di fondi, ha denunciato il modo «ingannevole» in cui sarebbe stato condotto il procedimento. A suo avviso, il ministero pubblico ha violato i diritti della difesa.

Tirelli ha pure affermato che il suo patrocinato, che si recava regolarmente nello Sri Lanka, vi era stato arrestato dopo l'apertura dell'inchiesta in Svizzera. Detenuto per tre anni, sarebbe stato maltrattato prima di essere poi prosciolto dalla giustizia del suo paese. Una sentenza che a suo avviso esclude un nuovo processo in Svizzera per gli stessi fatti.

I difensori hanno pure criticato l'assenza di una traduzione per numerosi interrogatori e atti processuali. A loro parere, gli imputati sono stati così privati del diritto a un processo equo.

Le accuse contro i 13 imputati vanno dal sostegno o partecipazione a un'organizzazione criminale alla truffa, dall'estorsione alla falsità in documenti, fino al riciclaggio di denaro. Secondo l'atto d'accusa, le attività illecite avrebbero consentito di raccogliere, tra la comunità tamil in esilio circa 15 milioni di franchi tramite un sistema sofisticato di crediti al consumo.

Commenti
 
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-18 03:59:05 | 91.208.130.89