Keystone
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
18 min
Un salto al Museo durante le vacanze autunnali
Gli spazi espositivi del Museo cantonale di storia naturale di Lugano ospiteranno alcuni atelier creativi dedicati alla scoperta del mondo naturale
FOTO
CANTONE / SVIZZERA
38 min
Le frane bloccano il Lucomagno e la Novena
Diversi metri cubi di roccia sono precipitati sulla carreggiata in territorio di Disentis. Smottamenti anche a Ulrichen e in via Valmara a Brissago
FOTO E VIDEO
COMANO
2 ore
Nuovo assalto al bancomat
Ignoti hanno tentato di far saltare un distributore di banconote della Raiffeisen
LUGANO
2 ore
Beatificata una parente di due noti giornalisti attivi in Ticino
Si tratta di Benedetta Bianchi Porro, sorella di Corrado, esperto in economia, e zia di Rachele, conduttrice televisiva. Afflitta da mille malattie, ha affrontato la vita con coraggio estremo
VACALLO
2 ore
«Ecco perché la portiamo via dal Ticino»
Sindrome di Down, inclusione in salita. Il caso di una bimba di 20 mesi di Vacallo. La famiglia: «Ci trasferiamo in Italia»
BODIO
11 ore
Il video con il fucile: «Ma sono bravi ragazzi»
Un gruppo di giovani di Bodio si è esibito sui socail con una clip rap dai toni un po'... estremi. L'intervento del sindaco
LUGANO
13 ore
Derubato e lasciato in mutande a Cornaredo
È accaduto sabato mattina a un collaboratore dell’FC Lugano. La polizia ha fermato una persona, sarebbe un altro collaboratore dell'FC Lugano
LUGANO
13 ore
«È la prima canzone creata solo con l’intelligenza artificiale»
Dall’A alla Zeta. Testi compresi. Così un algoritmo può capire i vostri gusti e realizzarvi brani su misura. Il responsabile del progetto: «Sarà la normalità. È solo questione di tempo»
CANTONE / SVIZZERA
14 ore
Onsernone è il secondo comune più verde della Svizzera
Al primo posto Oltingen, a Basilea Campagna, che conta 366 elettori, con il 38,4% dei voti
CANTONE / SVIZZERA
15 ore
Un premio al professore dell'Usi Benedetto Lepori
Ha realizzato con due colleghi uno studio sulla concorrenza tra le varie alte scuole europee per attirare ricercatori specializzati
BEDANO
15 ore
Rogo nella ditta di vernici, la vittima è stata identificata
Arriva la conferma: si tratta effettivamente del 49enne croato residente a Cadro, che lavorava nel settore. Escluso l'intervento di terze persone
LOSTALLO (GR)
16 ore
Sbanda a causa della pioggia e finisce fuori strada
L'incidente è avvenuto poco dopo le 6.30 di questa mattina sull'A13
LUGANO
16 ore
Consonni: «Siamo sconcertati»
La sentenza sul caso di mala-edilizia non ha lasciato indifferente il sindacato Ocst, che valuterà un ricorso. Duro anche l'MPS: «Indignazione e vergogna»
LUGANO
17 ore
Venti sub per 3 tonnellate di spazzatura nel lago
È questo il risultato dell'operazione "LagoPulito" svoltasi fra Ponte Tresa e Caslano
LUGANO
18 ore
Acqua non potabile dalle sorgenti Tossighera e Mattarone
I comuni interessati sono Alto Malcantone, Cademario, Aranno, Bioggio (frazioni di Iseo, Cimo, Gaggio, Pianazzo e Via Mondonico di Bioggio)
CANTONE / ZURIGO
21.12.2017 - 11:150

Marchand: «La nostra presenza in Ticino non è sproporzionata»

Il direttore generale della SSR difende la massiccia presenza al Festival di Locarno e l'ampiezza dell'organico della RSI. Smentisce inoltre la presenza di un "piano B" in caso di sì a "No Billag"

ZURIGO - La SRG SSR non dispone di alcun "piano B" in caso di un voto popolare favorevole all'iniziativa No Billag: lo ribadisce il direttore generale Gilles Marchand, che difende anche la presenza in forze di radio e televisione al Festival di Locarno e l'ampiezza dell'organico in Ticino.

«Questo piano B è un costrutto della fantasia», afferma Marchand in un'intervista pubblicata oggi dal settimanale Weltwoche. A suo avviso questo non è nemmeno difficile da capire: attualmente la SSR dispone di circa 230 milioni di introiti pubblicitari che sono però dipendenti dai programmi, «oggi molto buoni». Un finanziamento attraverso abbonamenti «non sarebbe mai sufficiente, è assolutamente chiaro».

«Non potremmo finanziare un'offerta in quattro lingue e perderemmo la gran parte dei nostri ricavi in pubblicità. No, non c'è un piano B e la cosa non è un gioco. È anche una questione di responsabilità e professionalità. E pure di onestà intellettuale», afferma il 55enne che in precedenza è stato direttore della RTS, la radiotivù romanda.

Che dire - chiede l'intervistatore, il caporedattore ed editore della Weltwoche, nonché consigliere nazionale Roger Köppel (UDC/ZH) - dei 107 dipendenti accreditati al Festival di Locarno e dei 1200 posti di lavoro in Ticino? Secondo Marchand sulla riva del Verbano durante l'evento cinematografico lavorano vari collaboratori con diverse funzioni, tecnici e giornalisti, che producono programmi per radio e tv delle quattro regioni linguistiche. Locarno è anche un punto di incontro del settore: è quindi normale che la SSR sia presente. «Ritengo che sia un modo efficiente per incontrare tutti i nostri partner in così poco tempo». Per quanto concerne la situazione in Ticino «i mille collaboratori di RSI sono lì per adempiere al mandato di produzione che non è dipendente dall'ampiezza del mercato».

Marchand dice di aver comprensione per chi si interroga sull'opportunità di pagare per canali radiotelevisivi che non vengono guardati o ascoltati. «Ma traccio un paragone con il sistema scolastico: in questo caso si è disposti a contribuire con le imposte al finanziamento di una formazione che non si utilizza; perché si ritiene positivo che esista questa offerta formativa».

Per il manager laureato in sociologia - fra i suoi docenti Jean Ziegler - se il popolo dovesse approvare l'iniziativa in votazione il 4 marzo le conseguenze sarebbero pesanti. «È molto semplice e molto chiaro: dovremmo rapidamente ridurre le nostre attività. Un sì a No Billag equivarrebbe alla fine dei nostri programmi radio e televisivi. Dovrebbero essere licenziati 6000 collaboratori, altri 7000 sarebbero toccati indirettamente. Inoltre - ne sono convinto - sarebbe un colpo per la Svizzera, la sua economia, la sua società, la sua pluralità, la sua identità».

Riguardo a una domanda relativa a un possibile successore - magari meno su posizioni vicine alla SSR - di Doris Leuthard quale ministro dei media, che stando all'intervistatore potrebbe rassegnare le dimissioni nel caso di un sì alla modifica costituzionale, Marchand ha detto di non essere in grado di rispondere al momento attuale. E anche in relazione al suo stipendio - oggi 1100 cittadini devono pagare il canone di 450 franchi per raccogliere i necessari 500'000 franchi in busta paga - il direttore generale taglia corto: «sulla mia retribuzione deve parlare con il consiglio di amministrazione».

Commenti
 
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-22 08:50:26 | 91.208.130.85