BELLINZONA / ITALIA
01.12.2017 - 16:050

Rifiutò la chemio, prosciolti i genitori di Eleonora Bottaro

La ragazza si era curata anche al San Giovanni di Bellinzona con terapie alternative

PADOVA - Sono stati prosciolti da ogni accusa i genitori di Eleonora Bottaro, la ragazza 17enne colpita da un grave forma di leucemia e poi deceduta il 28 agosto 2016. A darne notizia è “Il Corriere del Veneto”.

I medici  - ricordiamo - avevano prescritto cicli di chemioterapia ma i genitori si erano rifiutati e avevano firmato le dimissioni dall’ospedale della figlia, all’epoca minorenne. I giudici avevano riconosciuto la maturità di Eleonora e acconsentito che i genitori cercassero altre strutture dove poterla curare in modo alternativo. La ragazza si era dunque rivolta al San Giovanni di Bellinzona, dove era stata sottoposta a dosi massicce di cortisone e vitamina C. La terapia sembrava funzionare, Eleonora era migliorata, ma poi la situazione è precipitata: sono tornati, prepotenti, i sintomi della malattia.

Nonostante l’insistenza dei medici, la ragazza aveva continuato a rifiutare la chemio. Una decisione che ha portato lei alla morte e i genitori a processo fino alla decisione odierna del giudice di assolverli «perché il fatto non costituisce reato». Dopo le parole del giudice, i genitori si sono lasciati andare a un pianto e a un forte abbraccio.

3 mesi fa Rifiutò la chemio e morì, chiesto il processo per i genitori
9 mesi fa Rifiutò la chemio - anche in Ticino - e morì, indagati i genitori
1 anno fa Rifiuta la chemio, l'Eoc: «Abbiamo insistito ma non ha voluto»
Potrebbe interessarti anche
Tags
genitori
eleonora
ragazza
bottaro
eleonora bottaro
chemio
Copyright © 1997-2018 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2018-01-23 22:53:41 | 91.208.130.86