tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
RIVA SAN VITALE
10 min
Presentata la lista "Per Riva"
Sulla lista civica figurerà anche in nome di Eusebio Vassalli, municipale uscente
CANTONE
10 min
Scattato il divieto d'accensione fuochi
La misura, attiva in tutta la Svizzera italiana, si è resa necessaria a causa del periodo molto secco
MENDRISIO
1 ora
I giocattoli tornano in vita grazie al volontariato
Ventuno volontari di AMAC hanno partecipato ad Azione 72 ore
CANTONE
1 ora
Per i Verdi due no e due sì il 9 febbraio
Il Comitato cantonale invita a respingere i due oggetti cantonali in votazione e ad approvare i due federali
CANTONE
1 ora
Pernice bianca: «Dati italiani spacciati come ticinesi»
La Federazione cacciatori ticinesi prende posizione e critica le informazioni «assolutamente non veritiere e fuorivianti» fornite dal Comitato promotore dell'iniziativa
FOTO E VIDEO
LUGANO
2 ore
Fumo in Piazza Cioccaro, arrivano i pompieri
Nel palazzo sono in corso dei lavori di ristrutturazione
CANTONE
3 ore
Processionaria del pino, ecco come proteggersi
Nelle prossime settimane, in alcune aree del Ticino, si potranno osservare spostamenti di larve pelose di lepidotteri lungo i tronchi degli alberi e sul terreno, sia nei giardini sia nel bosco
CANTONE
3 ore
Votazione sull'aeroporto di Lugano, l'MPS chiede un rinvio
La data del 26 aprile viene giudicata «inadeguata» e si propone un giorno alternativo
CANTONE
3 ore
"Pratiche didattiche nella scuola dell’obbligo", resi noti i risultati
L’intelligenza, o meglio la sua definizione, è un tema che non fa l’unanimità
BIASCA
4 ore
«Io, perseguitato da Berna, fuggo dal Ticino»
È stato accusato di essere un trafficante d'armi. Poi l'accusa è caduta. È stato in carcere. Ora chiede giustizia. Ma qualcuno oltre Gottardo continua a legargli le mani. È la storia di Arnaldo La Scala, ticinese scambiato per siciliano.
FOTO
LUGANO
4 ore
Skate park: «È giunto il momento di rinnovare l’area street?»
Un’interrogazione di Rodolfo Pulino chiede al Municipio se sono previsti interventi nel breve periodo
CANTONE
6 ore
Legittima difesa, un costituzionalista contro il contenuto dell'opuscolo
Lo ha contattato Giorgio Ghiringhelli, primo firmatario dell'iniziativa
BELLINZONA
6 ore
«I nostri giardini allagati ogni volta che piove forte»
La singolare situazione di un 44enne di Camorino e dei suoi vicini: «Il terreno da cui proviene l’acqua è comunale. Eppure da mesi nessuno fa niente». Le autorità: «Ci attiveremo»
BIASCA
13 ore
Il PLR vuole mantenere i tre seggi in Municipio
Presentati sette profili diversi. Omar Terraneo non si ripresenta per motivi professionale e famigliari
MANNO / CASTEL SAN PIETRO
13 ore
I nomi del PPD per le comunali
A Manno non si ripresentano Lorenzo Vicari e Michele Paciello. A Castel San Pietro Giorgio Cereghetti si presenta solo per il Consiglio comunale
FOTO E VIDEO
MENDRISIO
14 ore
Pompieri all’albergo hotel Milano
L'allarme è scattato per la fuoriuscita di fumo da un pilone, ma non si vedono fiamme. Evacuati per precauzione gli ospiti
CANTONE
12.10.2017 - 19:340
Aggiornamento : 20:49

«Le FFS tengono in considerazione il Ticino»

Il Governo, su richiesta di Matteo Quadranti, esamina i recenti disagi per ritardi, passeggeri a terra e nuovi orari, e traccia un bilancio positivo dell'operato delle ferrovie svizzere

BELLINZONA - Le FFS non tengono in scarsa considerazione il Ticino. È questa, in sostanza, la conclusione a cui giunge il Governo in risposta all'interrogazione di Matteo Quadranti che faceva seguito ad alcuni episodi verificatisi lungo l’asse ferroviario del San Gottardo, dopo l’apertura della galleria di base.

Passeggeri a terra, ad Arth-Goldau - Il Governo, piuttosto, precisa le cause di ciascuno dei disagi venutisi a creare. Il 27 luglio del 2017, ad esempio, un treno diretto in Ticino, troppo pieno, aveva lasciato dei passeggeri a terra, ad Arth-Goldau. «In questo caso - spiega il Consiglio di Stato - le FFS hanno realizzato con poco anticipo il grande aumento di passeggeri diretti a sud in occasione di un giorno feriale. Questo aumento repentino è da ricondurre, con ogni probabilità, alle condizioni meteo: piovoso e freddo a nord, soleggiato e caldo a sud. In seguito a quest’episodio le FFS si sono adoperate mettendo a disposizione della clientela un treno supplementare e alcuni treni in doppia anziché singola composizione».

Disagi su un Tilo diretto a Lugano - Sempre lo stesso giorno si erano verificati disagi anche su un Tilo diretto a Lugano. «Nell’occasione - si legge nella risposta - in una delle due cabine di guida si è attivato l’allarme antincendio; le cause sono ancora da chiarire. Per motivi di sicurezza il convoglio, in casi come questo, si blocca automaticamente. Il macchinista ha avuto modo di aprire le porte del treno per far circolare l’aria. Si tratta evidentemente di episodi spiacevoli che, nonostante i numerosi controlli a livello di tecnica e qualità, non è purtroppo possibile escludere del tutto».

Passeggeri costretti a scendere - Quadranti chiedeva come mai, in caso di treno affollato, i passeggeri siano costretti a scendere dal convoglio. Anche in questo caso, però, il Governo giustifica l'operato delle FFS. «La nuova galleria di base del San Gottardo, con i suoi 57 km di lunghezza, richiede determinate misure di sicurezza - spiega -. Una di queste prevede che i treni in transito nella galleria debbano garantire le uscite libere e i corridoi transitabili ai passeggeri, nel caso si verificasse un evento che richiedesse l’evacuazione del treno. Per questo motivo la capacità massima è del 140%, oltre la quale il personale del treno si trova costretto a chiedere ai passeggeri in sovrannumero di lasciare il treno e aspettare la prossima coincidenza. Questa situazione si è verificata quattro volte dall’apertura della galleria di base e ha coinvolto in totale circa 700 passeggeri (sugli oltre 2.3 milioni transitati attraverso la nuova galleria, dalla sua apertura fino a inizio agosto 2017) i quali, nel giro di 30 minuti, hanno potuto riprendere il proprio viaggio grazie al collegamento successivo».

Il Governo sottolinea come questi episodi si siano verificati nel corso del fine settimana pasquale e dell’Ascensione, quando il Ticino è stato letteralmente preso d’assalto dai turisti, complici le condizioni meteo avverse a nord.

La polemica degli studenti sui nuovi orari - Anche per quanto concerne le lamentele di numerosi studenti in seguito ai nuovi orari il Governo precisa che le FFS hanno «monitorato la situazione nel corso dei primi mesi e, di conseguenza, adattato l’offerta alla domanda crescente. Da fine gennaio è così stato introdotto il collegamento delle 19.40 da Lugano verso Lucerna–Basilea, mentre da fine marzo il collegamento delle 19.11 da Lugano verso Zurigo. Queste relazioni vanno ad aggiungersi alla corsa Lugano–Zurigo delle 19.43. Nelle giornate domenicali le FFS hanno inoltre potenziato l’offerta pomeridiana grazie a due treni supplementari che partono da Lugano due minuti prima degli EuroCity (EC) delle ore 16.41 e 18.41. I due treni supplementari percorrono un tragitto più lungo a nord di Arth-Goldau (“Südbahn”) e giungono a Zurigo circa 20 minuti dopo l’arrivo degli EC regolari».

Giudizio positivo - Il Governo, di conseguenza, valuta «positivamente» l’impegno delle FFS per la qualità del servizio e la soddisfazione dei clienti. «In seguito all’apertura della galleria di base del San Gottardo dieci mesi fa - conclude -, il numero di viaggiatori da e per il Ticino è aumentato in maniera significativa; rispetto all’anno precedente, nel 2017 è infatti stato registrato un incremento del 30% di viaggiatori sull’asse nord-sud, con il transito di circa 10'400 passeggeri al giorno».

Di questo il Ticino turistico sta naturalmente approfittando; l’esempio di Ticino Ticket, «fortemente voluto da questo Consiglio e co-finanziato dalle FFS (1 milione di CHF per il 2017, 300'000 CHF per il 2018), è in tal senso emblematico». La puntualità sull’asse nord-sud è altresì aumentata, attestandosi all’87.5%, rispetto all’81% del 2016.

Se il Consiglio di Stato rileva «determinati margini di miglioramento», i necessari adeguamenti «richiedono tempo e un attento monitoraggio».

Commenti
 
gp46 2 anni fa su tio
Le "determinate misure di sicurezza" per la galleria-base comprendono, fra le altre cose, i seguenti punti: -BMA ( sistema anti-incendio ) funzionante, e non é sempre il caso. - altoparlanti funzionanti in tutte le vetture, e non é sempre il caso. -tutti gli estintori piombati, e non é sempre il caso. Per queste manchevolezze di non poco conto, come si esprime il Governo?
SosPettOso 2 anni fa su tio
@gp46 è proprio a causa dei tuoi "<em>e non é sempre il caso</em>" che i passeggeri vengono fatti scendere (che magari spendono anche qualche franchetto nelle macchinette del caffé). Da sempre le FFS considerano il Ticino per mandarci le carrozze e le composizioni che oltregottardo sarebbero desuete e da una decina d'anni come riserva di posti di lavoro da spartire tra CH-DE e CH-FR.
gp46 2 anni fa su tio
@SosPettOso Ti sbagli, nelle condizioni da me citate si circola COMUNQUE nella galleria-base, questo é il problema...
pillola rossa 2 anni fa su tio
Urge correttore di bozze...
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-01-20 12:49:27 | 91.208.130.86