Keystone
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
8 ore
È morto Oviedo Marzorini
Classe 1945, è stato primo cittadino ticinese fra il 2004 e il 2005.
SVIZZERA
9 ore
È in corso il processo ai due presunti reclutatori dell'ISIS
Si presume che i due imputati siano responsabili di diversi viaggi in Siria effettuati da musulmani svizzeri
BELLINZONA
11 ore
Robbiani, il burqa e i sacchi dell’immondizia. Il ministero pubblico: “Non è reato”
Ci sono voluti sei anni per stabilire il decreto di abbandono nei confronti di Massimiliano Robbiani
CANTONE
11 ore
Il Ticino torna a scuola, «ma le lacune non mancano»
Il SISA prende posizione: per una scuola davvero normale occorre annullare le disparità e introdurre misure di sostegno.
FOTO
CANTONE
13 ore
Il livello dell'acqua scende, il Lago Maggiore "ha sete"
Con 192.53 metri sul livello del mare, il Verbano si sta avvicinando ai minimi storici.
GIUBIASCO
15 ore
Il direttore si dimette
La Cantina sociale di Giubiasco è di nuovo senza guida, se ne va Conceprio
CANTONE
16 ore
La scuola ricomincia in aula, per tutti
Lo ha comunicato oggi il Governo ticinese: «È lo scenario che fa funzionare le scuole in maniera corretta»
BELLINZONA
17 ore
Due presunti islamisti a processo
Il dibattimento inizia oggi al Tribunale penale federale di Bellinzona. Gli imputati sono un 34enne e un 37enne
CANTONE
17 ore
Coronavirus in Ticino: nel weekend quattro casi e zero decessi
Nel nostro cantone il numero complessivo di persone risultate positive al virus sale a 3'453
CANTONE
17 ore
Disoccupati in (lieve) calo
A luglio trend positivo. Ma rispetto all'anno scorso c'è un peggioramento
ASCONA
17 ore
Quante sassate sul lungolago
Si è svolta con grande successo la nona edizione del campionato ticinese del lancio del sasso. Ecco come è andata.
CANTONE
18 ore
Biotecnologia: il miglior CEO dell'Europa centrale è a Comano
Premiato Davide Staedler che gestisce la società TIBIO
SVIZZERA
18 ore
I genitori potranno portare i figli a scuola?
Dipende dalla scuola. Alcune lo vietano espressamente. Oggi il Ticino chiarirà la sua strategia
BREGAGLIA (GR)
04.10.2017 - 17:110
Aggiornamento : 05.10.2017 - 08:05

Il rientro a Bondo avrà inizio il 14 ottobre  

La nuova strada cantonale H3b, la quale attraversa la galleria Promontogno e prosegue sul bacino di ritenzione, dovrà di nuovo essere transitabile per la fine di novembre

BONDO - Una parte del paese di Bondo potrà nuovamente essere abitata a partire dalla fine della settimana prossima. Il Comune di Bregaglia revoca l’evacuazione della zona verde a partire da sabato, 14 ottobre. Dalla fine di novembre il traffico di transito circolerà nuovamente sulla nuova strada cantonale.

Gli abitanti della zona verde di Bondo possono iniziare i preparativi per il rientro nelle loro case. Dopo il completamento della strada di accesso provvisoria, la verifica e la pulizia della canalizzazione nonché le ultime riparazioni agli impianti di erogazione della corrente e dell’acqua, l’evacuazione di questa zona potrà essere revocata sabato, 14 ottobre, alle ore 08.00. A partire da questo momento si potrà di nuovo abitare normalmente negli edifici che si trovano nella zona verde. La zona verde di Bondo sarà accessibile dal 14 ottobre anche ai visitatori.

Dal 21 ottobre verrà revocata gradualmente l’evacuazione di Spino e Sottoponte. La revoca graduale dipende dallo stato del ripristino delle infrastrutture. Il Comune informerà direttamente gli abitanti sull’andamento dei lavori sui loro fondi.

L’evacuazione delle zone arancione, rossa e blu di Bondo permane almeno fino a circa metà novembre. Si potrà accedere a queste zone solamente quando il bacino di ritenzione sarà ampiamente svuotato e nel letto del fiume Maira ci sarà spazio a sufficienza per il materiale di eventuali future colate detritiche. Inoltre le infrastrutture per l’accesso, l’acqua, la canalizzazione e l’elettricità dovranno funzionare perfettamente.

Riapertura della nuova strada cantonale per la fine di novembre 

Il Dipartimento costruzioni, trasporti e foreste del Cantone dei Grigioni ha decretato che la nuova strada cantonale H3b, la quale attraversa la galleria Promontogno e prosegue sul bacino di ritenzione, dovrà di nuovo essere transitabile per la fine di novembre. Prima verranno eseguiti dei lavori di riparazione che dureranno circa 3 settimane. La riapertura della strada prima dell’inizio della stagione invernale è un importante necessità della Bregaglia, dell’Engadina e della vicina Lombardia. 

Lo sgombero del bacino di ritenzione può proseguire a pieno ritmo fintanto che il traffico di cantiere può circolare sulla nuova strada cantonale. Per usare in modo ottimale il tempo a disposizione fino alla sua riapertura, da mercoledì si lavora ogni giorno per 20 ore. I lavori notturni dureranno presumibilmente un mese. Il Comune di Bregaglia si scusa con gli abitanti e gli ospiti della regione per il disturbo causato dai lavori notturni. 

Emanazione di una zona di pianificazione 

Le colate detritiche che hanno raggiunto il fondovalle nella zona di Bondo, hanno sollevato molti interrogativi sulla futura realizzazione delle opere di premunizione e sulla ricostruzione. Per questo motivo il Comune di Bregaglia ha emanato una zona di pianificazione per il territorio di Bondo, Promontogno, Sottoponte e Spino. 

Non è ancora possibile determinare con esattezza l’ammontare complessivo dei danni. Si potranno stimare i danni alle case ed alle aziende solamente quando gli specialisti potranno accedervi senza pericolo e le avranno sgomberate. Anche i danni alle infrastrutture del Cantone e del Comune non possono ancora essere quantificati. 

La Catena della solidarietà ha già raccolto all’incirca 5 milioni di franchi per Bondo e le frazioni vicine, il Patronato svizzero per i comuni di montagna dispone di 1.75 milioni di franchi tra fondi propri e donazioni e sul conto comunale per le donazioni sono già stati versati 2.8 milioni di franchi. La solidarietà e generosità dei donatori da tutta la Svizzera commuovono gli abitanti di tutta la valle. Il Comune di Bregaglia ringrazia sentitamente tutti i donatori e le organizzazioni di aiuto. 

Avviso: divieto di accesso alle zone arancione, rossa e blu 

Il Comune di Bregaglia segnala agli abitanti ed ospiti che l’evacuazione delle zone arancione, rossa e blu del piano d’evacuazione, rimane in vigore anche dopo il 14 ottobre. Per queste zone come pure i perimetri dei due depositi e le loro strade di accesso, vige per ragioni di sicurezza il divieto di accesso secondo le disposizioni della Polizia del 7 settembre scorso. 

Informazioni per gli abitanti

Il Comune informa gli abitanti tramite il suo sito internet www.comunedibregaglia.ch/infobondo e via twitter www.twitter.com/InfoBondo. Per la popolazione evacuata, è stato installato un servizio informativo via SMS. È possibile inoltre richiedere informazioni al numero della hotline del Comune: 081 822 60 64.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-11 03:12:58 | 91.208.130.85