Fotolia
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
2 ore
8'070 firme per salvare l'aeroporto
CONFINE / CANTONE
3 ore
Ticinese si ribalta a Ponte Chiasso, ferita una 67enne
SAN VITTORE (GR)
5 ore
Un (altro) brunch con Martullo-Blocher e Chiesa
CANTONE
5 ore
Nuovi tagli in vista alla Rsi
COLLINA D'ORO
5 ore
Collina d'Oro riceverà il marchio per la Città dell'energia
CAPRIASCA
5 ore
Tre nuove installazioni arricchiscono Artinbosco
CONFINE / CANTONE
5 ore
Agente di sicurezza in Ticino trovato morto dopo la gara di bodybuilding
ROVEREDO (GR)
6 ore
Galleria di San Fedele chiusa oltre un'ora per un incidente
PARADISO
6 ore
Grandi festeggiamenti per i 25 anni della Residenza Paradiso
CANTONE / SVIZZERA
6 ore
Sicurezza a ridosso del confine: «Il problema è tutt'altro che risolto»
CANTONE
6 ore
«Quante sono le donne nei consigli d’amministrazione?»
CANTONE / SVIZZERA
7 ore
Uffici postali: «Le richieste del Ticino sono già prese in considerazione»
CANTONE
7 ore
Sono tornate le mezze stagioni
CANTONE
8 ore
Giovani ticinesi pronti a trasferirsi oltre San Gottardo: raccontaci la tua esperienza!
LUGANO
8 ore
Dieci faggi verranno sostituiti per «tutelare la pubblica incolumità»
CANTONE
28.09.2017 - 09:020
Aggiornamento : 09:38

Sesso, figli e fedeltà: ecco di cosa si parla negli incontri tra fidanzati

Il matrimonio cattolico resta in crisi, circa 300 le cerimonie nel 2016. Il teologo don Willy Volonté: «I preti devono spiegare alla gente perché è importante avere una famiglia»

LUGANO – Sessualità, figli, fedeltà e tradimento. Sono tra i temi ricorrenti che emergono durante gli incontri per fidanzati, promossi come ogni anno a partire dall’autunno dai sei vicariati della Diocesi ticinese. Appuntamenti formativi obbligatori per chi sceglie di sposarsi in chiesa. Ma anche di nicchia, considerando che dei 1'465 matrimoni complessivi celebrati in Ticino nel 2016, solo circa 300 sono stati a carattere religioso, cattolico. «Purtroppo questi sono i numeri – ammette don Willy Volonté, delegato vescovile per i corsi – ma voglio essere ottimista. Se una coppia sceglie il matrimonio civile, non significa che poi chiude con la Chiesa. Inoltre, quelle 300 coppie che arrivano da noi sono più determinate che mai».

Don Volonté, perché il matrimonio in chiesa attira sempre meno?
«Io la responsabilità la do ai preti. Non possono stare ad aspettare che le coppie arrivino e chiedano di sposarsi. Ci vogliono sacerdoti che scendano in campo, concretamente, per fare capire alle nuove generazioni quanto sia fondamentale avere una famiglia, ricorrendo anche a testimonianze reali».

Oggi si punta sulla convivenza e molte coppie non vogliono nemmeno avere figli. Cosa dovrebbe fare il sacerdote per invertire la tendenza?
«La Chiesa non ha ancora fatto un passo fondamentale. Fa tantissimo per i bambini. Ma troppo poco per gli adulti. Mi spiego: a un certo punto è come se perdessimo i fedeli per strada. Si fa ancora troppo poco per promuovere l’importanza del concetto di famiglia. È da lì che parte tutto. La famiglia non deve essere vista come un optional».

I corsi che lei coordina rappresentano, in un certo senso, un filtro per i candidati al matrimonio in chiesa. Con quali motivazioni si presentano?
«Sicuramente con una maturità maggiore. In molti hanno già convissuto, altri hanno già figli. Sono rari quelli che non hanno ancora abitato sotto lo stesso tetto. Spesso si sentono incompleti. Hanno bisogno del tassello mancante».

Oggi più di un matrimonio su due si chiude con un divorzio. Secondo lei un matrimonio celebrato in chiesa ha più probabilità di durare rispetto a un matrimonio civile?
«Sì. Ma solo se affrontato con coscienza e con il sostegno della comunità. Solo così si riesce a fare fronte alle situazioni difficili. Può capitare di perdere la testa per un’altra donna, ad esempio. Ma queste cose si possono anche superare con fermezza».

Parliamo di sessualità. Oggi quasi più nessuno arriva vergine al matrimonio. Come affrontate questo tema?
«È vero, le coppie arrivano al matrimonio e hanno già fatto di tutto e di più. Non possiamo di certo metterci a dire che hanno sbagliato tutto. E allora si cerca di recuperare il valore originale del sesso, si fa un percorso a ritroso, alla riscoperta dei valori veri».

Ci troviamo di fronte a un’evoluzione impensabile solo vent'anni fa. La Chiesa sta, dunque, scendendo a patti?
«Non direi. I principi chiave affinché sia considerato valido il matrimonio cattolico sono ancora molto chiari. Bisogna avere la volontà di stare uniti per sempre ed essere disposti ad avere figli».

Ha ancora senso, oggi, fare una promessa di amore eterno davanti a Dio?
«È anche su questo che riflettiamo durante i nostri incontri. Viviamo in una società piena di tentazioni, dove alla minima debolezza ci si lascia andare. Noto che per l’opinione comune il matrimonio comporta una fragilità intrinseca. Non c’è la consapevolezza di affidarlo a qualcosa di più grande. Fare riscoprire questo aspetto ai fedeli rappresenta una grande sfida per il futuro».

Commenti
 
Sara Lahdo Ado 1 anno fa su fb
Io sono Cristina ortodossa, inostri preti possono sposarsi e fare figli? quello che dovrebbero fare anche i preti cattolici!!!! Sperando che Papa Francesco cambia la legge, anche i preti cattolici devono sposarsi!! Alla fine prete è un maestro quindi è giusto che abbia la sua famiglia per capirci di più!!!! Il mio prete è sposato e ha 2 stupendi figli ??
Luca Riboni 1 anno fa su fb
se avessero famiglia, poi potrebbero favorire i figli vista la loro posizione.
Krystyna Szuminska 1 anno fa su fb
Ma il prete che non convive con moglie/marito, non cresce figli, e gli è vietato fare sesso .....come puo insegnarci tutto questo?
Mario Zucca 1 anno fa su fb
Hai perfettamente ragione, calcoliamo anche la crisi del lavoro. Formare una famiglia al giorno d'oggi non è facile. Non hai più la sicurezza del posto di lavoro, in più in Ticino con i stipendi che girano!!!!
Krystyna Szuminska 1 anno fa su fb
.....quarda .....sono di origine polacca, cattolica credente in dio ma non nella istituzione di chiesa. ......il matrimonio, famiglia e sesso hanno un gran valore x me e da mamma di una femmina ti dico che se lei un giorno si innamorera voglio essere io a trasmettere questi valori e esperienze. Da un teologo cosa impara? Libri che ha letto? I preti devono trasmettere la parola di dio x darci supporto nella vita e problemi quotidiani e non obligarci a vivere nei canoni stabiliti sulle teorie comode x fare economia del vaticano.
87 1 anno fa su tio
Ah, se non ti sposi in chiesa non sei in grado di avere una morale familiare? Buono a sapersi. Andate a raccontare altre favole. La religione, qualsiasi essa sia, serve solo a dare speranze e morali a chi non ne ha, punto. Esempi: A chi è rimasto in vita, rassicurano che il trapassato sia andato in un mondo migliore, almeno il sopravvissuto non si tormenterà fino al suo decesso. Ai giovani che nell'adolescenza per natura vogliono rivoltare il mondo, si insegna che si pecca verso il Signore se ci sono rapporti carnali prima del matriomonio, obiettivo importante per la vita di ogni individuo. Questo per dare una morale ed evitare gravidanze e malattie già durante l'adolescenza. Ai malati di gravi malattie, il sacerdote di turno arriva con la rivelazione divina: il Signore ha un Disegno preciso per tutti noi, ma non lo conosciamo. Bella fregatura. Ecc. Vi siete mai chiesti il motivo per cui NESSUNO ha prove concrete dell'esistenza del Signore? Solo convinzioni, ma niente di concreto e tanti bla-bla. L'ultimo che diceva di esserne il Figlio, era la sua parola contro quella dei presenti, in un'epoca dove qualsiasi sciocchezza spiegabile oggi con la scienza, era passibile per un miracolo (es. le sostanze tissotropiche, che cambiano stato da liquido a solido). Probabilmente tanti miracoli sono frutto di errori di traduzione.
Bär 1 anno fa su tio
@87 Vediamo chi avrà ragione.... io intanto mi tutelo ahah poi fai un po te
Barbara Prestigiacomo 1 anno fa su fb
Ma fanno bene a non sposarsi perché prendono in giro se stessi la chiesa e anche i rispettivi partner.
negang 1 anno fa su tio
Con le attuali leggi sul divorzio il matrimonio è una follia (sia civile che religioso ovviamente ) ! Se per caso va male sei finito ! Molti di quelli che si sposano NON sanno come sono le leggi in caso di divorzio. La cosa dovrebbe essere bene in chiaro perché tra avvocati e diritti alla fine chi perde tutto è l'uomo che paga sempre e tanto. Meglio convivere e mantenere ognuno le proprie indipendenze ed autonomie. Con il matrimonio invece si acquisiscono diritti e quasi mai doveri.
Monello 1 anno fa su tio
@negang ..ed inoltre il nucleo famigliare oggi é veramente troppo tartassato vedi scuole ,figli ,costi purtroppo oggi per vivere da noi devono lavorare entrambi i genitori ..ma che famiglia é questa ??.....chi me lo fa fare ??
Frankeat 1 anno fa su tio
@negang Forse sono io ad interpretare male l'ultima frase, ma non hai inverito "diritti" e "doveri"? Da quello che scrivi prima,mi sembra che il tuo pensiero sia che con il matrimonio ci siano solo oneri e non onori, quindi si acquiscono doveri, ma non diritti. Mi sono perso.
negang 1 anno fa su tio
@Frankeat Diritti ... intendevo proprio questi ma relativi alle sole donne. Doveri se declinati al maschile. Questa è la realtà che vedo tutti i giorni tra amici e colleghi.
negang 1 anno fa su tio
@Monello Esatto. Mi chiedo quindi come fanno gli immigrati, specialmente se islamici a fare 3 o 4 figli e mantenerli, anche qui in Svizzera.
pillola rossa 1 anno fa su tio
Non è necessario avere una religione per avere una morale, perché se non si riesce a distinguere il bene dal male quella che manca è la sensibilità, non la religione. Margherita Hack È poi siate onesti... Dio non esiste (quello biblico)
Vivien Cefan 1 anno fa su fb
Marco Tarchini
Luigi Carenini 1 anno fa su fb
Ma se non sanno nemmeno cosa sia il matrimonio......???
Gloria Bergamo 1 anno fa su fb
Non hanno figli, non dovrebbero sapere cosa è tradimento ecc..... e poi fai le lezioni... per favore con tutti i scandali... veri preti sono ormai pochissimi....e poi teoria è una cosa e pratica..... un altra
Luigi Carenini 1 anno fa su fb
Pienamente d'accordo con te Gloria ???
bananajoe 1 anno fa su tio
Trovo che sia proprio un controsenso che siano proprio dei preti a dover spiegare alle coppie perché è importante avere una famiglia...loro che vivono in "solitudine", lontani dai qualsiasi preoccupazione o difficoltà che riguarda un nucleo famigliare. No grazie, proprio non ci sto a questa ed a numerose altre imposizioni della Chiesa!
JoZ 1 anno fa su tio
@bananajoe Vedi risposta a GI... il corso è organizzato da una coppia sposata...
bananajoe 1 anno fa su tio
@JoZ Non cambia nulla, i preti coordinano questi incontri e fidati che il becco ce lo mettono eccome! Faresti bene ad informarti meglio tu perché di famiglia, figli, amore, sesso e tradimenti si riempiono la bocca! Fatti un giro in chiesa!
JoZ 1 anno fa su tio
@bananajoe Io il corso l'ho fatto... Francamente non ci ho trovato nulla di bigotto, anzi, è stato anche divertente...
bananajoe 1 anno fa su tio
@JoZ Non hai risposto al mio commento.....
GI 1 anno fa su tio
Trovo corretto che a fare istruzione sia una persona che di famiglia non ne fa......(se non magari più tardi nella vita)....una revisione della situazione non sarebbe male.....
JoZ 1 anno fa su tio
@GI Infatti il corso pre matrimoniale è coordinato da una coppia sposata... Il prete è un elemento secondario... Da anni a sta parte... Informarsi meglio prima di scrivere commenti a vanvera...
Frankeat 1 anno fa su tio
@JoZ Ma sei sicuro che sia così ovunque?
GI 1 anno fa su tio
@JoZ Ok grazie per l'aggiornamento ma, sta di fatto che nell'articolo il teologo chiede che "I preti devono spiegare alla gente perché è importante avere una famiglia"....da cui la mia osservazione. E' ora che anche la Chiesa cattolica permetta il matrimonio ai preti, per cui, "vivano" anche loro la famiglia con tutti i pro e tutti i contro.....
bananajoe 1 anno fa su tio
@Frankeat Certo che no!!
JoZ 1 anno fa su tio
@Frankeat In Svizzera si...
bananajoe 1 anno fa su tio
@JoZ Quindi stai dicendo che non hai avuto contatti con il prete prima del giorno del matrimonio? Niente di più falso, scusami....
Frankeat 1 anno fa su tio
Ringrazio Dio di non essermi sposato in chiesa.
bananajoe 1 anno fa su tio
@Frankeat Anch'io ;-))
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-23 22:54:04 | 91.208.130.86