Keystone
ULTIME NOTIZIE Ticino
FOTO
CANTONE
4 ore
Comitato rinnovato in casa GLRBV
Kevin Pelli è stato nominato quale nuovo presidente
CANTONE
5 ore
Un deputato positivo, ma il Gran Consiglio non va in quarantena
Il rispetto delle misure anti-contagio non rende necessario il provvedimento
CANTONE
8 ore
«Il mini lockdown non serve»
L'esperto in malattie infettive Christian Garzoni si appella per l'ennesima volta alla responsabilità dei cittadini
CANTONE
8 ore
Una classe in quarantena alla Scuola Media di Viganello
Lo comunicano il DSS e il DECS in un comunicato congiunto
CANTONE
8 ore
Cambiamento ai vertici per l’Associazione Giuristi Praticanti
Aleksandra Mikavica è la nuova presidente
CANTONE
9 ore
Condonate ai club sportivi le spese d’ordine pubblico
La decisione presa oggi da Governo e Comuni interessati riguarda la stagione 2019/20
CANTONE
9 ore
Ecco i radar di settimana prossima
La polizia ha diffuso la lista delle località che saranno interessate dai controlli, a partire da lunedì
CAMIGNOLO
10 ore
Studi d'ingegneria e architettura: un comitato in rosa
Il rinnovo al vertice dell'Associazione vede l’ingresso delle architette Giuditta Botta e Federica Corso Talento
ASCONA
10 ore
Il passaporto risveglia vecchi scheletri
Vive qui da 58 anni e vuole diventare svizzero, ma qualcuno gli rinfaccia la vecchia vicenda degli "immobili SUVA"
BELLINZONA
12 ore
Spacciatore in manette
L'uomo è stato arrestato a Sementina. Presso il suo domicilio c'erano diverse centinaia di grammi di sostanza da taglio
CANTONE
12 ore
Coronavirus: un decesso in casa per anziani
Si tratta di una donna che era residente al Don Guanella di Maggia
CANTONE
06.09.2017 - 08:340
Aggiornamento : 11:27

«Mi hanno smarrito il pacco pieno di gratta e vinci»

La storia di una ex edicolante di Locarno: la merce aveva un valore di 3'335 franchi, ma la Posta ne rimborsa solo 1'500. «Colleghi, suddividete i biglietti della lotteria su più spedizioni»

LOCARNO - «State attenti al valore della merce che spedite per posta». È l’appello che l’ex edicolante di Locarno Milly Pallone-Epis lancia ai suoi colleghi che regolarmente inviano a Swisslos centinaia di biglietti della lotteria vincenti per ottenere il rimborso del denaro già elargito ai vincitori. Sì, perché la Posta assicura che «il vostro pacco è in ottime mani». Ma soltanto fino a un certo punto, come ci racconta la signora. «Per otto anni, due volte al mese, ho inviato pacchi pieni di gratta e vinci. E sono sempre giunti a destinazione». Insomma, tutto è andato per il meglio… finché lo scorso maggio una spedizione è andata persa: all’interno c’erano biglietti della lotteria per un valore di 3’335 franchi.

«Poco male, otterrò un rimborso» ha pensato Pallone-Epis, che diligentemente aveva sempre richiesto la prestazione “Signature” che garantisce una copertura in caso di smarrimento. Certo, nel giro di un paio di mesi il rimborso è arrivato: «Ma si trattava di soli 1’500 franchi» ci racconta l’ex edicolante. È infatti questo l’importo massimo che la Posta garantisce. Per la donna si tratta di una perdita di quasi 1’900 franchi.

Da una parte la donna invita dunque tutti gli edicolanti a suddividere i biglietti della lotteria su più spedizioni, quando la richiesta di rimborso supera i 1’500 franchi. Dall’altra rimprovera la Posta: «Allo sportello dovrebbero informare meglio il cliente. D’altronde anche loro vendono gratta e vinci, quindi hanno a che fare con questo tipo di spedizioni» afferma. «È responsabilità del cliente conoscere le condizioni generali» ribatte Nathalie Dérobert Fellay, portavoce della Posta. Che comunque aggiunge: «Quando i clienti spediscono merce di valore, conviene che lo annuncino allo sportello: i nostri collaboratori sono disponibili per consigliarli».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Nicklugano 3 anni fa su tio
Insomma, le hanno grattato i gratta e vinci.... :-)))
87 3 anni fa su tio
E se il pacco non è stato perso, ma è finito nelle mani di qualche impiegato che vedendo l'indirizzo del destinatario Swisslos, ha pensato di aprire il pacco, trovando tutti quei biglietti, adesso magari se li intasca lui, incassandoli in diversi chioschi. L'edicolante dovrebbe segnalare a Swisslos che inoltrerà una circolare per bloccare l'incasso dei numeri di serie dei biglietti che ha spedito.
ratpics 3 anni fa su tio
Sono diventati dei 'gratta e perdi'! W la posta! :-)
Svizzera87<3 3 anni fa su tio
8 anni che spedisce questi pacchi senza mai informarsi?
Mag 3 anni fa su tio
Non penso che la Posta smarrisca molti pacchi ma, comunque sia, lo smarrimento anche di un solo pacco postale dovrebbe sempre essere oggetto d'indagine penale d'ufficio da parte della polizia in quanto si tratta del servizio postale del popolo, non ci possono essere falle. O è già cosi'?
gregorio 3 anni fa su tio
chissà chi li ha grattati!
Tato50 3 anni fa su tio
@gregorio In tutti i sensi ;-))
flyatwind 3 anni fa su tio
Ormai tra chiusure di uffici, orari assurdi per quelli ancora aperti, postini pirati della strada e recapito pacchi fantasma la frase "Come una lettera alla Posta" non ha più senso.
albertolupo 3 anni fa su tio
@flyatwind In futuro avrà senso per denominare una cosa che va male. "Uela, come la va?" "Lasa perd, come 'na letera ala posta!"
tip75 3 anni fa su tio
la posta così come lo stato ed ogni cosa statale non sa più come legalizzare il fatto che ruba ai suoi investitori (il popolo)
Fabio Ambrosini 3 anni fa su fb
La posta..sempre meglio...

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-10-24 03:04:52 | 91.208.130.85