Keystone
+ 7
ULTIME NOTIZIE Ticino
BODIO
6 ore
Il video con il fucile: «Ma sono bravi ragazzi»
Un gruppo di giovani di Bodio si è esibito sui socail con una clip rap dai toni un po'... estremi. L'intervento del sindaco
LUGANO
8 ore
Derubato e lasciato in mutande a Cornaredo
È accaduto sabato mattina a un collaboratore dell’FC Lugano. La polizia ha fermato una persona, sarebbe un altro collaboratore dell'FC Lugano
LUGANO
8 ore
«È la prima canzone creata solo con l’intelligenza artificiale»
Dall’A alla Zeta. Testi compresi. Così un algoritmo può capire i vostri gusti e realizzarvi brani su misura. Il responsabile del progetto: «Sarà la normalità. È solo questione di tempo»
CANTONE / SVIZZERA
10 ore
Onsernone è il secondo comune più verde della Svizzera
Al primo posto Oltingen, a Basilea Campagna, che conta 366 elettori, con il 38,4% dei voti
CANTONE / SVIZZERA
10 ore
Un premio al professore dell'Usi Benedetto Lepori
Ha realizzato con due colleghi uno studio sulla concorrenza tra le varie alte scuole europee per attirare ricercatori specializzati
BEDANO
10 ore
Rogo nella ditta di vernici, la vittima è stata identificata
Arriva la conferma: si tratta effettivamente del 49enne croato residente a Cadro, che lavorava nel settore. Escluso l'intervento di terze persone
LOSTALLO (GR)
11 ore
Sbanda a causa della pioggia e finisce fuori strada
L'incidente è avvenuto poco dopo le 6.30 di questa mattina sull'A13
LUGANO
12 ore
Consonni: «Siamo sconcertati»
La sentenza sul caso di mala-edilizia non ha lasciato indifferente il sindacato Ocst, che valuterà un ricorso. Duro anche l'MPS: «Indignazione e vergogna»
LUGANO
12 ore
Venti sub per 3 tonnellate di spazzatura nel lago
È questo il risultato dell'operazione "LagoPulito" svoltasi fra Ponte Tresa e Caslano
LUGANO
13 ore
Acqua non potabile dalle sorgenti Tossighera e Mattarone
I comuni interessati sono Alto Malcantone, Cademario, Aranno, Bioggio (frazioni di Iseo, Cimo, Gaggio, Pianazzo e Via Mondonico di Bioggio)
CANTONE
13 ore
Droga: 6 arrestati, un centinaio i denunciati
Lo stupefacente veniva principalmente spacciato nel Locarnese, in Vallemaggia e nel Luganese
LUGANO
14 ore
«Io prete che ha vissuto la depressione, vi racconto l’amore»
Don Luigi Verdi, classe 1958, è il fondatore della "Fraternità di Romena", in Toscana. Nella serata di oggi sarà in Ticino per parlare della sua resurrezione: «Le tecnologie ci hanno rincoglioniti»
CANTONE
14 ore
Anche Minusio vuole regolamentare il 5G
Presentato un atto che chiede la regolamentazione delle antenne di telefonia mobile
LUGANO
14 ore
Artecasalugano, svelati i vincitori
I due si sono aggiudicati rispettivamente l'LDD – Award 19 Sponsored by Palo Alto SA e il Premio svizzero “Architettura Sostenibile”
BELLINZONA
15 ore
Gestione transitoria dei Castelli: ecco il messaggio
La modalità di governance dovrebbe restare in vigore fino al 2025
CANTONE
05.08.2017 - 14:230

Adrien Brody al Pardo: «L’arte supera tutte le barriere» (anche quelle di Trump)

Il premio Oscar americano era oggi ospite del Festival del Cinema, per lui una folla da grandi occasioni: «Dopo “Il pianista” sono stato depresso per un anno»

LOCARNO  - C’era una bel capannello ad accogliere il premio Oscar Adrien Brody oggi in quel del Festival del Cinema di Locarno. Non è un caso, anche perché l’attore americano è con ogni probabilità la celebrità più hollywoodiana di quelle presenti alla 70esima edizione del Pardo. Insomma, se quest’anno c’è un Vip (con la “V” maiuscola), è senz’altro lui.

Classe 1973, Brody, è una di quelle facce del grande schermo che una volta viste difficilmente si scordano. Nel suo curriculum, oltre al già citato premio Academy (a soli 29 anni) come miglior attore protagonista per “Il Pianista” di Roman Polanski, anche collaborazioni con pesi massimi come Spike Lee (“Summer of Sam - Panico a New York”), Terrence Malick (“La sottile linea rossa”), Peter Jackson (“King Kong”), Wes Anderson (diversi film tra i quali anche il cult “Gran Budapest Hotel”) e Woody Allen (“Midnight in Paris“).

Abbronzato - insolitamente ci verrebbe da dire - ha raccolto l’applauso dei presenti all’incontro con il pubblico allo Spazio Cinema del festival, con un sorriso sornione in perfetto “stile Brody” e un bel po’ umorismo.

Una carriera, per generi e ruoli, estremamente variegata la sua: «Li scelgo il più possibile diversi da me», conferma l’attore, «mi piace cercare personaggi che mi permettano di capire qualcosa di nuovo, sugli altri ma anche su me stesso. A volte a guidarmi sono anche i grandi temi e i grandi problemi della nostra società, in questo modo la sfida acquisisce un significato ulteriore».

Per quanto riguarda “Il pianista”, invece, la lavorazione è stata impegnativa, tribolata e drammatica tanto quanto il film: «Per me è stata allo stesso tempo un’opportunità unica e la più grande responsabilità che mi sia mai preso. Era qualcosa che andava al di là del film. Dovevo fare onore alla memoria di una persona (il superstite dell’olocausto Wladiyslav Szpilman, ndr.), alla sua storia e anche ai sentimenti e alla vita di Roman (Polanski). Avevo solo 27 anni a quel tempo, non avevo idea di quello che quel film mi avrebbe dato. Per il mio lavoro di recitazione mi ha senz’altro aiutato la fame, ho dovuto perdere molto peso e così ho abbracciato un regime da fame, questo mi ha connesso con il personaggio ma mi ha anche segnato. Dopo quel film per un anno ho dovuto affrontare la depressione».

Decisamente diverse le collaborazioni con Wes Anderson: «Un genio della narrazione, basta guardare un immagine dei suoi film per riconoscere la sua mano! Una delle cose più mi piacciono di più di lui è che è l’unico che mi lascia essere divertente (ride). La gente mi vede sempre come un grande artista drammatico, per me è stata una vera liberazione. Mi sono divertito molto anche a fare uno dei suoi cattivi in “Grand Budapest Hotel” sono personaggi davvero grotteschi e anche lì c’è tantissimo spazio per divertirsi e divertire».

Gli schermi verdi e i dispositivi hi-tech del blockbuster “King Kong” di Peter Jackson sono ancora un’altra cosa: «È un mezzo potentissimo, pensate che nell’arco dei nove mesi di lavorazione la tecnologia era già cambiata completamente (ride). Non è semplice recitare su schermo verde e con qualcosa che non esiste, è molto impegnativo dare il massimo quando sei appeso a una corda sullo schermo verde e ti dicono di nuotare e tu… non l’hai mai fatto! In ogni caso riguardarsi a lavoro fino dopo aver girato un film così è davvero bello, è senz’altro la pellicola ideale da far vedere ai miei nipotini futuri e fargli vedere quanto era fico il nonno da giovane, è vero che probabilmente per loro sarà come vedere un film in bianco e nero e magari mi diranno: “Nonno, ma quel dinosauro è fatto malissimo” (ride)».

E a serie televisive o film di supereroi (che oggi imperversano a Hollywood) ci ha mai pensato? «Senz’altro, ci vorrebbe il progetto giusto e il personaggio giusto. Basta guardare il grande lavoro fatto da Robert Downey Jr. con “Iron Man” o Bryan Cranston in “Breaking Bad”, è qualcosa che mi piace molto. Fino a oggi ho ricevuto diverse proposte ma per ora non si è fatto ancora niente».

C’è anche tempo per una breve parentesi politica, quando dal pubblico gli si chiede di commentare l’attuale governo Trump: «Non sono qui come politico, sono un attore e un artista. Parlerò piuttosto da questo punto di vista: senz’altro siamo preoccupati da diverse decisioni dell’attuale amministrazione. Siamo soprattutto scioccati dai tagli sostanziali ai fondi per la cultura. Oltre a essere una tragedia per chi lavora in questo settore è un messaggio orribile. Fondamentalmente si dice: l’arte non conta nulla. Ma non è così: l’arte ci collega tutti, va oltre le barriere (e i muri) dà una voce a chi non ce l’ha. Bisognerebbe investire piuttosto, insegnare ai ragazzi a scuola ad esprimersi, guidarli a creare. Sarebbe davvero bellissimo».

E per il futuro? «Adesso sono concentrato sulla pittura, ma è una cosa che non penso di poter evitare sarà quella, un giorno, di fare il regista. Ho imparato così tanto in questi anni da tutti quelli con cui ho lavorato! Penso anche che sarei molto bravo a dirigere gli attori e aiutarli a dare il meglio di sé, ho una discreta esperienza in questo. Miss che ci vorrà ancora un po’ però, qualche anno di sicuro. Ho così tante cose da fare adesso e sono molto, molto indisciplinato (ride)».

Keystone
Guarda tutte le 11 immagini
Commenti
 
Stefania Crisanti 2 anni fa su fb
Bello, bravo e umile! Che bello vederlo in Piazza Grande...
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-22 04:02:00 | 91.208.130.86