Fotolia
ULTIME NOTIZIE Ticino
BELLINZONA
1 min
AET e AEM siglano un accordo di collaborazione
CANTONE
1 ora
Annata record di funghi e di... multe: trentatré finora
CANTONE
9 ore
Ticino Film Commission, «indotti milionari a favore di chi?»
CANTONE
10 ore
La "Tetris Challenge" mania arriva in Ticino
LUGANO
13 ore
Il giorno dopo la manifestazione: «L’autogestione? Una realtà viva»
LUGANO
15 ore
A Lugano una notte tropicale da record
SONOGNO
15 ore
Un Pentathlon del boscaiolo baciato dal sole
CANTONE
16 ore
Tom Ford Distribution, «che dazi si applicano sui tessuti in Ticino?»
LOCARNO
17 ore
Un'auto ed un quad si scontrano nella rotonda dell'aeroporto, un ferito
CANTONE
19 ore
Edifici industriali dismessi: «I sussidi non bastano»
LUGANO
20 ore
La manifestazione dei molinari si è svolta «in maniera prevalentemente pacifica»
LUGANO
22 ore
Porte aperte all'aeroporto, tutti col naso all'insù
MASSAGNO
1 gior
È partito "Percorsi consigliati casa-scuola"
VEZIA
1 gior
I Giochi tradizionali svizzeri alla Tenuta Bally
LUGANO
1 gior
Fumogeni e insulti sotto lo stabile della Lega e contro la Polizia
CANTONE
26.05.2017 - 09:000
Aggiornamento : 10:14

Aumentano i fallimenti in Ticino

Sono già 124 le imprese costrette a chiudere nei primi 4 mesi del 2017. Edilizia, ristorazione e artigianato i settori più colpiti

BELLINZONA - Diminuiscono i fallimenti aziendali in Svizzera, ma aumentano in Ticino: a livello nazionale nei primi quattro mesi dell'anno 1497 imprese sono state oggetto di un procedimento per insolvenza, il 3% in meno dello stesso periodo del 2016. A sud delle Alpi per contro vi è stata una crescita dell'11% a 124.

Particolarmente negativa - stando ai dati diffusi oggi dalla società di informazioni economiche Bisnode - si è mostrata la situazione anche in alcuni altri cantoni come Berna (+23%), Lucerna (+55%) e Basilea Campagna (+59%). Sostanzialmente stabile appaiono per contro i Grigioni, con 24 imprese che non sono riuscite a far fronte ai pagamenti (erano 23 nel gennaio-aprile 2016).

Ai fallimenti per insolvenza vanno poi aggiunti quelli per lacune nell'organizzazione (articolo 731b del Codice delle obbligazioni): il numero complessivo nei primi quattro mesi sale così a 2121 (-3%) a livello svizzero, a 226 in Ticino (-1%) e a 36 nei Grigioni (-38%).

Per il solo mese di aprile si registra nell'insieme del paese una flessione del 36% delle insolvenze (a 271) e del 26% dei fallimenti totali (a 430). Relativamente al solo aprile Bisnode non ha pubblicato dati disaggregati regionali.

Per i primi quattro mesi dell'anno Bisnode calcola anche un indicatore di insolvenza settoriale: se 100 è il valore medio di rischio calcolato per tutti i rami, la costruzione presenta un indice di 346, la ristorazione di 243, l'artigianato di 201, i trasporti di 129 e l'orologeria di 128. Il pericolo di fallimento più basso si registra per le imprese immobiliari (25).

Se vi sono aziende che chiudono, altre aprono i battenti: le nuove iscrizioni a livello svizzero sono state 14'267 nei primi quattro mesi (+3%). Il Ticino mostra però un calo nella creazione di nuove aziende: il loro numero si è attestato a 793, in flessione del 3% su base annua. Il cantone sudalpino rimane peraltro una delle zone elvetiche più dinamiche sotto questo aspetto, superato solo da Zurigo (2579 iscrizioni, +3%), Vaud (1553, +3%), Ginevra (1160, +1%), Berna (1141, +3%) e Argovia (894, +8%).

Per il solo mese di aprile le nuove iscrizioni a livello elvetico si sono attestate a 3246 (-8%). Anche in questo ambito non vi sono dati regionali. A vedere la luce sono soprattutto realtà attive nei servizi alle aziende, nella ristorazione e nel settore tessile.

Commenti
 
Tarok 2 anni fa su tio
non dimentichiamo i pufatt nostrani che sono anche più bravi nello slalom tra i precetti
ramis 2 anni fa su tio
Scommetto che la maggior parte di questi fallimenti sono di imprese "mordi e fuggi" nel senso che: apro la ditta, lavoro, incasso, non pago i fornitori, non pago i contributi degli operai e quando arrivo al capolinea FALLISCO e chi si é visto si è visto...o meglio cambio la ragione sociale e via come prima. Due, tre volte e ritorno al mio paesello, mi faccio la villetta e agli Svizzeri come me ci rimane da pagare pure la corrente elettrica......e non solo.
navy 2 anni fa su tio
Cari <strong>buontemponi nel palazzo delle Orsoline,</strong> mi raccomando dedicatevi a parlare mesi del caso Argo1 senza prendere nessuna misura e, peggio, non trovare nessun responsabile. Intanto, in questo cantone, la situazione dei fallimenti (per parlare solo di questi) continua a peggiorare. Cambierà tutto quando, il gran parco immobiliare in mano alle banche sotto forma di ipoteche, crollerà come un castello di carte per dinamiche quale i <strong>fallimenti, la disoccupazione e l'assistenza.</strong> Allora si troveranno correttivi.........correttivi non per la gente ma per i papponi in giacca e cravatta che viaggiano a 10'000km d'altezza!!
leopoldo 2 anni fa su tio
cari politici continuate a pensare ai probblemi del terzo mondo dando soldi a destra e a manca facendo finta di niente sui nostri probblemi interni in fatto di economia.
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-16 07:01:43 | 91.208.130.89