CANTONE
03.03.2017 - 12:020

Quasi 5 milioni di franchi per la depurazione delle acque

Il Consiglio di Stato ha licenziato il messaggio relativo alla richiesta al Gran Consiglio del credito

CANTONE - Quasi 5 milioni di franchi per il sussidiamento di 48 opere di canalizzazione e depurazione delle acque luride suddivise tra 40 comuni del Cantone. Il Consiglio di stato ha licenziato il messaggio relativo alla richiesta al Gran Consiglio del credito. Si tratta sia di interventi nuovi sia di rifacimento di canalizzazioni risalenti agli anni cinquanta-settanta per le quali non è mai stato versato alcun sussidio cantonale.

Il finanziamento cantonale è destinato ai seguenti comuni: Acquarossa, Alto Malcantone, Aranno, Ascona, Astano, Balerna, Bedigliora, Bellinzona, Bioggio, Bissone, Blenio, Brione S. Minusio, Brione Verzasca, Brissago, Brusino Arsizio, Camorino, Capriasca, Castel San Pietro, Centovalli, Chiasso, Claro, Cureglia, Gambarogno, Giornico, Gordola, Isone, Maroggia, Mendrisio, Miglieglia, Minusio, Monte Carasso, Neggio, Novazzano, Prato Leventina, Savosa, Serravalle, Sorengo, Stabio, TeneroContra, Vacallo.

In 42 anni - dal 1974 al 2016 - sono stati stanziati crediti di sussidio a favore dei comuni per la realizzazione di opere comunali di smaltimento delle acque per un totale di 336 milioni di franchi. A queste cifre si sommano i crediti stanziati a singoli comuni o la ratifica di crediti supplementari, per un totale di 332 milioni di franchi. Di questi, a fine 2016, sono stati versati sempre per opere comunali circa 302 milioni, corrispondenti a un investimento complessivo di circa 1'040 milioni.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-03-03 00:48:59 | 91.208.130.87