tio.ch/20minuti
+ 6
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
27 min
Swiss sui voli cancellati: «Siamo in stretto contatto con Adria Airways»
CANTONE / SVIZZERA
43 min
Lavoratori distaccati: «No a maggiori diritti verso gli appaltatori»
CANTONE
1 ora
Casse malati, l’Ordine dei medici sta con Raffaele De Rosa
BIASCA
3 ore
Licenziato dall'Ocst: «Sono distrutto»
CANTONE
3 ore
Prevenzione o radar trappola? A Camorino è strage di multe
CANTONE
3 ore
Martina Hirayama ricevuta da Manuele Bertoli
CANTONE
4 ore
Consuntivo 2018, c'è l'ok del Gran Consiglio
CANTONE
4 ore
Troppi voli cancellati: «Non si può andare avanti così!»
CANTONE
4 ore
Pau-Lessi: «Mai coperto nessuno». E chiede di essere sentito dal Gran Consiglio
CANTONE
5 ore
Mountain bike elettriche da condividere fra Biasca e Blenio
LOCARNO
5 ore
Carte di credito, cellulari e leasing con identità altrui. Arrestata
CANTONE
6 ore
Terza corsia sull'A2? «Basta con le soluzioni prefabbricate»
BELLINZONA
8 ore
Frena per evitare lo schianto, 15enne in ospedale
CANTONE
8 ore
Guido salvato da un infarto. Un video spiega come
CANTONE / SVIZZERA
8 ore
«Nessun debito fiscale nei confronti della Svizzera»
LUGANO
31.01.2017 - 19:480
Aggiornamento : 01.02.2017 - 07:54

Studenti liceali bernesi in visita a Lugano. Ma quanto conoscono la Svizzera italiana?

Gli allievi sono stati ricevuti questo pomeriggio dal sindaco di Lugano Marco Borradori

LUGANO - La sesta edizione della Settimana della Svizzera italiana, che l’Usi promuove da 4 anni e quest’anno è prevista dal 3 al 7 aprile, è cominciata in anticipo per alcuni studenti del Gymnasium Kirchenfeld di Berna. Gli allievi sono infatti giunti in Ticino per trascorrere una settimana in compagnia di una classe del Liceo Lugano 2 (la IIIB) alla scoperta del territorio, della storia, della cultura e della lingua che caratterizza la Svizzera italiana.

Questo pomeriggio gli studenti bernesi e ticinesi sono stati accolti al Municipio di Lugano direttamente dal sindaco Marco Borradori che, dopo una breve introduzione sull’identità svizzera e sulle lingue, ha ricordato come Lugano «unisca culturalmente ma non solo il nord e il sud Europa», quanto sia importante conoscere le lingue e che in questo momento gli studenti giunti in visita sono «gli ambasciatori della Città».

Successivamente la capo Dicastero Immobilii Cristina Zanini Barzaghi ha illustrato i progetti futuri della Città, e Pietro Poretti, responsabile Divisione Sviluppo Economico, ha spiegato brevemente il ruolo della Città quale polo economico del Cantone.

Intervista - Ma gli studenti bernesi quanto conoscono davvero la Svizzera italiana? Come è percepita oltralpe? Fortunatamente non era la prima volta che gli studenti bernesi visitavano il nostro Cantone, chi per motivi di studio e chi per vacanza.

«Il Ticino è sempre un po’ isolato dal resto della Svizzera, sia geograficamente che politicamente» ci racconta Noah, studente bernese. «Ma una volta giunti qui non si nota la differenza politica» aggiunge.

E gli stereotipi esistono? «Sì, si sente spesso dire che i ticinesi si divertono tanto, sono festaioli, ma anche la Svizzera tedesca non scherza».

E quando viene chiesto loro quale sia il piatto tipico del posto non hanno dubbi: «la polenta e il Merlot». Senza però dimenticare il risotto e le castagne. «Tutto quello che è tipico italiano è tipico ticinese» aggiunge ancora Noah. Un aspetto, quello di Svizzera italiana uguale Italia, da non sottovalutare, come ci conferma il professore Russo del Gymnasium Kirchenfeld: «Spesso si è concentrati sull’italiano in Svizzera, e non sulla Svizzera italiana. Sono due aspetti diversi. Ed è importante trasmettere questa differenza agli studenti» e aggiunge: «Si lotta tanto per l’italiano al di là del Gottardo, ma spesso rimane una questione politica, mentre qui con questo scambio i ragazzi hanno davvero l’opportunità di confrontarsi veramente con la lingua. Al contrario delle altre materie l’insegnamento della lingua italiana non è obbligatorio, dunque bisogna sempre lottare, bisogna sempre giustificarsi».

Ma il Ticino è conosciuto anche per gli eventi: «Sicuramente Moon&Stars e il Festival del Cinema di Locarno» racconta Elin. «Ma anche i concerti estivi di Lugano sono ben conosciuti oltralpe, o il carnevale» aggiunge Noah.

Ma cosa si può fare per migliorare la presenza dell’italiano nel resto della Svizzera? «Avere tante lingue in Svizzera è un vantaggio per tutti. Forse la televisione nazionale potrebbe fare qualcosa di più, mostrando magari film con sottotitoli in italiano per noi, e per voi in tedesco, e dare maggiore visibilità alla Svizzera italiana».

Il progetto - Per la prima volta saranno interessati dal progetto “+identità: Settimana della Svizzera italiana”  tutti i licei di un cantone, più precisamente quello di Berna con i suoi dieci licei.

Il prossimo aprile si terrà presso il Gymnasium Kirchenfeld, scelto come sede principale, la cerimonia di apertura alla presenza dei Consiglieri di Stato Bernhard Pulver, Manuele Bertoli e Martin Jäger, e in ogni liceo verrà allestito un percorso per far conoscere la Svizzera italiana in tutte le sue sfumature, con un accento sulle differenze linguistiche.

tio.ch/20minuti
Guarda tutte le 10 immagini
Commenti
 
Francesco Sergio 2 anni fa su fb
Tornate a casa
Gian Andrea Giovanettina 2 anni fa su fb
Sergio, perché non torni tu a casa
Gian Andrea Giovanettina 2 anni fa su fb
Sergio, perché non torni tu a casa
Gian Andrea Giovanettina 2 anni fa su fb
Sergio, perché non torni tu a casa
Tarok 2 anni fa su tio
per fortuna che ho studiato in dentro perché a restare in ticino si atrofizza il cerebro
Gus 2 anni fa su tio
La Svizzera italiana e il Ticino non possono e non devono essere solo Lugano. Anche a quelli di Lugano bisogna far conoscere il resto del Ticino
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-18 20:37:10 | 91.208.130.86