TiPress
CANTONE / SVIZZERA
23.12.2016 - 10:200
Aggiornamento : 13:27

Fallimenti in aumento, preoccupazione per il Ticino

Dei 5946 procedimenti registrati nei primi 9 mesi del 2016, per insolvenza e lacune organizzative, 656 riguardano il nostro cantone

ZURIGO / BELLINZONA - Aumentano i fallimenti aziendali in Svizzera: nei primi undici mesi dell'anno 4192 imprese sono state oggetto di un procedimento per insolvenza, il 5% in più dello stesso periodo del 2015. Per il solo mese di novembre si registra una progressione del 12% a 429 bancarotte.

Particolarmente negativa - stando ai dati diffusi oggi dalla società di informazioni economiche Bisnode - nel periodo gennaio-novembre si è mostrata la situazione in Ticino (331 imprese non sono riuscite a far fronte ai pagamenti, +10%) e in alcuni altri cantoni comune Vallese (+24%), Giura (+25%) e Turgovia (+29%). I Grigioni sono invece in contro tendenza (-3%).

Ai fallimenti per insolvenza vanno poi aggiunti quelli per lacune nell'organizzazione (articolo 731b del Codice delle obbligazioni): il numero complessivo nei primi nove mesi sale così a 5946 (+8%) a livello nazionale, a 656 in Ticino (+38%) e a 138 nei Grigioni (+33%). Relativamente al solo mese di novembre Bisnode non ha pubblicato dati disaggregati regionali.

Nuove imprese - Nascono però anche nuove imprese: complessivamente le nuove iscrizioni a livello svizzero sono state 37'215 nei primi undici mesi. (+2%). Il Ticino, dopo Appenzello Esterno, si segnala come il cantone in cui più sensibile è risultato il calo della creazione di nuove aziende: il loro numero si è attestato a 2215, in flessione del 12% su base annua. Il cantone sudalpino rimane peraltro una delle zone elvetiche più dinamiche sotto questo aspetto, superato solo da Zurigo (6744 iscrizioni, +3%), Vaud (3807, +13%), Berna (2983, +4%), Ginevra (3142, +4%), e Argovia (2248, +5%).

Per il solo mese di novembre le nuove iscrizioni a livello elvetico si sono attestate a 3465 (+4%). Anche in tal caso non vi sono dati regionali.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
cerea 3 anni fa su tio
Sono i bilaterali bellezza.
Tex85 3 anni fa su tio
fin tanto che la mentalità resterà questa possiamo tanto che iniziare a fare le marchette per arrivare alla fine del mese, è normale che con certa concorrenza non si riesce neanche a pagare gli oneri....
davidi81 3 anni fa su tio
i fallimenti vanno di pari passo ai frontalieri aumenteranno entrambi

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-06-05 15:41:23 | 91.208.130.89