Ti Press
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
43 min
Come è facile ordinare sushi "di contrabbando" dall'Italia
Boom di ticinesi nei ristoranti oltre confine. E alcuni non disdegnano le consegne di pasti a domicilio: in barba alle regole doganali. Abbiamo fatto un test
CANTONE
7 ore
Una petizione per salvare i bus per Malpensa
È stata lanciata un paio di giorni fa in vista dell'interruzione dei collegamenti su gomma prevista per la fine di quest'anno
FOTO
LUGANO
10 ore
Ecco i 132 neolaureati in economia all'USI
Durante la cerimonia di consegna dei diplomi tenutasi oggi pomeriggio, sono stati pure consegnati alcuni premi agli studenti con le migliori medie
ORSELINA
11 ore
«Con l'omeopatia seguiamo il malato di cancro»
Serata speciale domani 13 novembre alla Clinica Santa Croce. Il direttore Dario Spinedi: «Dopo 23 anni, vi raccontiamo cosa abbiamo fatto»
CANTONE
11 ore
Incidente oltre la dogana, code e ritardi sull'A2
Forti disagi al traffico in direzione sud a partire da Mendrisio al valico di Chiasso-Brogeda
LUGANO
12 ore
Su terra ferma, ma si pattinerà su ghiaccio a Natale in Città
L’idea della pista sul lago è stata rinviata al 2020 per allestire la perizia idro-geologica. «Da un pool di sponsor 300mila franchi per un evento di qualità e sociale» rivela Stefano Artioli
MENDRISIO/LUGANO
13 ore
Malore sul treno: «Nessuno ha chiamato i soccorsi»
Le FFS fanno chiarezza sull'episodio di questa mattina. E assicurano: l'affollamento del TiLo era «una situazione del tutto eccezionale»
BRISSAGO
14 ore
Richiedente l'asilo ucciso da un agente, c'è il decreto d'abbandono
Il poliziotto colpì il 38enne ai fianchi con due colpi. Il cittadino srilankese però non si fermò, costringendolo a sparare un terzo colpo, questa volta diretto al torace
LUGANO
14 ore
Angelo Jelmini lascia: «Non mi ricandido»
Il municipale luganese ha dato oggi l'annuncio con un tweet
CANTONE
15 ore
In nome del turismo, in Ticino si pedala assieme
È stato firmato oggi un accordo fra le quattro organizzazioni turistiche regionali e TicinoSentieri per la creazione del Centro di competenza cantonale Mountain Bike
FOTO E VIDEO
CANTONE
15 ore
Due ticinesi sul podio dei formaggi migliori al mondo
Il "Carì 2019" dell'azienda agricola Piz Forca e il "Campo la Torba 2018" dell'azienda Dazio-Alpe Campo La Torba si sono aggiudicati i premi Super Gold e Gold al World Cheese Awards
CANTONE
15 ore
«160 nuovi posti per invalidi adulti entro il 2022»
Nella seduta del 6 novembre il Consiglio di Stato ha approvato la Pianificazione quadriennale delle strutture e dei servizi in questo ambito, finanziata dalla Legge sull'integrazione degli invalidi
CANTONE
02.12.2016 - 15:180
Aggiornamento : 18:12

Scuola media, è scontro tra i docenti e il DECS

Il sindacato docenti: «La riforma è inaccettabile e peggiorerà il livello della scuola». Il DECS risponde alle critiche

BELLINZONA - Semaforo verde per la riforma delle scuole comunali. Semaforo invece rosso per quanto riguarda la scuola media. Il vigile in questo caso è il Comitato docenti VPOD che questa mattina, nel corso di una conferenza stampa, ha espresso una serie di critiche sul progetto di riforma “La scuola che verrà”. Critiche che hanno interessato sostanzialmente il settore delle scuole medie, dove sono state evidenziate una serie di problematiche che «se non risolte dal Dipartimento educazione cultura e sport, determineranno l’opposizione al progetto» da parte del sindacato docenti.

Cosa non è piaciuto al sindacato che dall’inizio ha sempre voluto evidenziare il motto «imperativamente meno ragazzi per ogni insegnante»? In sostanza i punti problematici riguardano la «modalità insoddisfacente di insegnamento a effettivi ridotti di allievi, che è stata determinata da ragioni finanziarie» e soprattutto il «pericoloso sovraccarico sul docente generato dall’estrema complessità dell’insegnamento sia a blocchi, sia a effettivi ridotti, come pure dalle pesanti modalità di valutazione dettagliata degli allievi, aspetti che vengono sottovalutati dal documento del Dipartimento».

Per quanto riguarda il primo problema, secondo il sindacato a tutela degli insegnanti, sarà «impossibile per un docente avere gli studenti della sua classe sia a “lezione normale”, sia a laboratorio. Questo comporterà per il docente un aumento complessivo del numero di allievi da seguire e pertanto un grado di conoscenza degli allievi da parte del docente, che sarà complessivamente inferiore: ovviamente il docente conoscerà bene gli allievi che avrà a lezione e a laboratorio, mentre conoscerà molto meno bene gli allievi che avrà a lezione ma non a laboratorio (o viceversa)».

Inoltre il sindacato critica anche il fatto che il docente dovrà realizzare un Quadro descrittivo sommativo di ogni singolo allievo per ogni singola disciplina: «Oggi un docente di Scuola media ha tra i 100 e i 300 allievi a seconda della disciplina insegnata. Per fare le cose bene il docente dovrebbe dedicare almeno 30 minuti per redigere una valutazione adeguata delle competenze raggiunte dall’allievo: ciò significa ritagliarsi tra le 50 e le 150 ore lavorative annue solamente per assolvere questo compito».

 Le critiche (contenute in un documento di 7 pagine) sono state inviate alla Divisione della scuola e al Dipartimento dell’educazione della cultura e dello sport (DECS), che ha immediatamente preso posizione. Il Dipartimento dice di essere al corrente dei punti critici evidenziati nel documento, e che sono già stati tematizzati da oltre un mese assieme ai docenti. «Ciò a conferma che il dialogo, quando basato sui contenuti, è utilissimo e che non si attenderà il 31 marzo per iniziare a riflettere sui riscontri della consultazione in corso.

Il Dipartimento fa notare inoltre che «solo la sperimentazione potrà dare riscontri approfonditi, oggettivi e conclusivi sul buon funzionamento o meno di quanto proposto. Nessuno ha la verità in tasca, né da una parte né dall’altra. In ogni caso il DECS sta analizzando a fondo soluzioni alternative», e che per quanto riguarda il quadro descrittivo dell’allievo «un sottogruppo sta ancora lavorando a delle proposte concrete, ed è difficile formulare delle critiche su un oggetto di fatto non ancora presentato».

Allegati
Commenti
 
sedelin 2 anni fa su tio
la riforma, anziché focalizzarsi sulla pedagogia e sulla didattica, consiste in una modifica di natura burocratica con un ulteriore lavoro d'ufficio che porta via ore alla preparazione delle lezioni: maestri e professori saranno vittima di burnout, con conseguenti spese per supplenti e per casse malati. bertoli, cosa fai nel dipartimento dell'EDUCAZIONE?!
Bacaude 2 anni fa su tio
Una riforma che sembra un "pasticciaccio brutto" e che può solo spingere i docenti in gamba ad abbandonare la professione. Tanto qualcuno ha già detto che ci sono docent oltre frontiera, no?
F.Netri 2 anni fa su tio
Beghe fra statali.
911 2 anni fa su tio
non bisogna preoccuparsi il capo del dipartimento non VEDE nessun problema !
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-13 06:50:00 | 91.208.130.89