Ti Press
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE / SPAGNA
50 min
«Ma perché non siamo rimasti in Ticino?»
Vacanze all'estero: ora anche chi è andato in Spagna rischia la quarantena al ritorno. Un incubo per chi è già partito
GRONO (GR)
56 min
Una due giorni di Clean-Up nel Moesano
Doppio appuntamento per sensibilizzare abitanti e turisti al rispetto dell’ambiente.
ONSERNONE
1 ora
Minacciò la polizia col "zechiboy": la sorella lo difende
Il 71enne era finito in prigione per una notte. Scende in campo anche l'Unione Contadini Ticinesi.
FOTO
ASCONA
12 ore
Prende fuoco una barca, arrivano i pompieri
I militi di Locarno sono intervenuti presso il Porto Patriziale di Ascona.
CANTONE / SVIZZERA
13 ore
Marco Chiesa candidato unico, «ma non riceverà un salario»
Toccherà all'assemblea dei delegati, il 22 agosto, esprimersi sulla nomina del ticinese alla presidenza del partito.
CANTONE
15 ore
Ecco il nuovo console d'Austria in Ticino
Il professor Giuseppe Perale è stato investito oggi, succede a Brenno Brunoni
LUGANO
16 ore
Un laboratorio di droga fai-da-te
Un 24enne del Luganese ha prodotto a casa sua diversi etti di stupefacenti sintetici
FOTO E VIDEO
MENDRISIO
17 ore
Incidente a Genestrerio, morto il conducente
Ha avuto esito letale l'incidente avvenuto questo pomeriggio in via Canova.
FOTO E VIDEO
MENDRISIO
17 ore
Auto contro il muro di una casa, grave incidente a Genestrerio
Il conducente è rimasto incastrato fra le lamiere. Non si esclude il malore. Sul posto anche la Rega.
MELANO
18 ore
Melano regala le mascherine ai suoi abitanti
Tutti i fuochi riceveranno gratuitamente una confezione di mascherine chirurgiche.
FOTOGALLERY
MENDRISIO
19 ore
Incivili in azione all'ecocentro
Rifiuti buttati alla rinfusa e fuori dalle norme: il PPD sollecita il Municipio di Mendrisio
FOTO
CANTONE
20 ore
TicinoMusica 2020, malgrado il Covid è stata «un'edizione sorprendente»
Parola dell'organizzazione che guarda con fiducia alla prossima (che sarà quella del 25esimo)
CANTONE
02.12.2016 - 15:180
Aggiornamento : 18:12

Scuola media, è scontro tra i docenti e il DECS

Il sindacato docenti: «La riforma è inaccettabile e peggiorerà il livello della scuola». Il DECS risponde alle critiche

BELLINZONA - Semaforo verde per la riforma delle scuole comunali. Semaforo invece rosso per quanto riguarda la scuola media. Il vigile in questo caso è il Comitato docenti VPOD che questa mattina, nel corso di una conferenza stampa, ha espresso una serie di critiche sul progetto di riforma “La scuola che verrà”. Critiche che hanno interessato sostanzialmente il settore delle scuole medie, dove sono state evidenziate una serie di problematiche che «se non risolte dal Dipartimento educazione cultura e sport, determineranno l’opposizione al progetto» da parte del sindacato docenti.

Cosa non è piaciuto al sindacato che dall’inizio ha sempre voluto evidenziare il motto «imperativamente meno ragazzi per ogni insegnante»? In sostanza i punti problematici riguardano la «modalità insoddisfacente di insegnamento a effettivi ridotti di allievi, che è stata determinata da ragioni finanziarie» e soprattutto il «pericoloso sovraccarico sul docente generato dall’estrema complessità dell’insegnamento sia a blocchi, sia a effettivi ridotti, come pure dalle pesanti modalità di valutazione dettagliata degli allievi, aspetti che vengono sottovalutati dal documento del Dipartimento».

Per quanto riguarda il primo problema, secondo il sindacato a tutela degli insegnanti, sarà «impossibile per un docente avere gli studenti della sua classe sia a “lezione normale”, sia a laboratorio. Questo comporterà per il docente un aumento complessivo del numero di allievi da seguire e pertanto un grado di conoscenza degli allievi da parte del docente, che sarà complessivamente inferiore: ovviamente il docente conoscerà bene gli allievi che avrà a lezione e a laboratorio, mentre conoscerà molto meno bene gli allievi che avrà a lezione ma non a laboratorio (o viceversa)».

Inoltre il sindacato critica anche il fatto che il docente dovrà realizzare un Quadro descrittivo sommativo di ogni singolo allievo per ogni singola disciplina: «Oggi un docente di Scuola media ha tra i 100 e i 300 allievi a seconda della disciplina insegnata. Per fare le cose bene il docente dovrebbe dedicare almeno 30 minuti per redigere una valutazione adeguata delle competenze raggiunte dall’allievo: ciò significa ritagliarsi tra le 50 e le 150 ore lavorative annue solamente per assolvere questo compito».

 Le critiche (contenute in un documento di 7 pagine) sono state inviate alla Divisione della scuola e al Dipartimento dell’educazione della cultura e dello sport (DECS), che ha immediatamente preso posizione. Il Dipartimento dice di essere al corrente dei punti critici evidenziati nel documento, e che sono già stati tematizzati da oltre un mese assieme ai docenti. «Ciò a conferma che il dialogo, quando basato sui contenuti, è utilissimo e che non si attenderà il 31 marzo per iniziare a riflettere sui riscontri della consultazione in corso.

Il Dipartimento fa notare inoltre che «solo la sperimentazione potrà dare riscontri approfonditi, oggettivi e conclusivi sul buon funzionamento o meno di quanto proposto. Nessuno ha la verità in tasca, né da una parte né dall’altra. In ogni caso il DECS sta analizzando a fondo soluzioni alternative», e che per quanto riguarda il quadro descrittivo dell’allievo «un sottogruppo sta ancora lavorando a delle proposte concrete, ed è difficile formulare delle critiche su un oggetto di fatto non ancora presentato».

Allegati
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
sedelin 3 anni fa su tio
la riforma, anziché focalizzarsi sulla pedagogia e sulla didattica, consiste in una modifica di natura burocratica con un ulteriore lavoro d'ufficio che porta via ore alla preparazione delle lezioni: maestri e professori saranno vittima di burnout, con conseguenti spese per supplenti e per casse malati. bertoli, cosa fai nel dipartimento dell'EDUCAZIONE?!
Bacaude 3 anni fa su tio
Una riforma che sembra un "pasticciaccio brutto" e che può solo spingere i docenti in gamba ad abbandonare la professione. Tanto qualcuno ha già detto che ci sono docent oltre frontiera, no?
F.Netri 3 anni fa su tio
Beghe fra statali.
911 3 anni fa su tio
non bisogna preoccuparsi il capo del dipartimento non VEDE nessun problema !

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-04 08:00:26 | 91.208.130.86