Foto d'archivio (Tipress)
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
6 ore
Tramonta il posto fisso, decolla l'interinale
I dati sono incoraggianti e il mondo del lavoro interinale è in continua espansione, tanto che fino al 20% delle persone che (ri)trovano un posto fisso vengono proposte dalle agenzie specializzate
CUGNASCO-GERRA
7 ore
È nata la nuova Associazione Anziani Cugnasco-Gerra
Eletta la presidenza e il comitato. Lo scopo? Prevenire e combattere l’emarginazione delle persone anziane
CONFINE
7 ore
Lieve terremoto avvertito in Valposchiavo
La terra ha vibrato, ma non si attendono danni
CANTONE
8 ore
Caccia sì, ma non stressiamo gli animali al gelo
Si apre la caccia tardo autunnale. Cervi, caprioli e cinghiali sono le prede. Ma con dei limiti: «Le condizioni sono estreme, bisogna evitare che gli animali disperdano le loro energie»
CANTONE
9 ore
La legge "Fogazzaro" si è arenata. Bertoli: «Il Parlamento decida»
Da febbraio la modifica della legge scolastica è in Commissione, dove si sta tentando l'operazione di unire due rapporti antitetici. Il direttore del Decs: «È un'operazione impossibile»
CANTONE
11 ore
Uccise la moglie: condannato a diciotto anni di carcere
È colpevole di assassinio il 57enne macedone comparso alle Criminali per il delitto di Ascona
ROVEREDO (GR)
11 ore
Equilibri in Municipio di nuovo in discussione
Il Tribunale federale ha accolto in parte il ricorso della sezione Liberale democratica sul conteggio delle schede dell'elezione dell'ottobre 2018
CANTONE
11 ore
Un anno impegnativo per il sindacato dei docenti
Dalla pausa per i docenti di scuola dell’infanzia, all’ottimizzazione dei consigli di classe, fino alla riforma del liceo
CANTONE / URI
11 ore
Scontro nel San Gottardo, circa 40mila franchi di danni
L'impatto contro un pullman è costato un bello spavento all'automobilista, che ha effettuato un testacoda prima di andare a sbattere contro la parete della galleria
LUGANO
12 ore
«Ma quale conflitto d'interessi?», Valenzano Rossi risponde alla Lega
La capogruppo PLR sottolinea come la collaborazione, legale, fosse nota da tempo. E rilancia: «Attaccata per indurre al silenzio le voci critiche e per mancanza di argomenti validi»
FOTO
CANTONE
12 ore
Sos Infanzia premia quattro associazioni
Consegnato il riconoscimento in onore di Federico Mari a Malattie Genetiche Rare Svizzera Italiana, Shark Team 2000, Illy e la Sindrome di Goodpasture e ATKYE
FOTO E VIDEO
CENTOVALLI
12 ore
Operazione mozzafiato: cinque campane in volo a Rasa
Video spettacolare sui monti innevati. Claudio Simoni, segretario della “parrocchia”: «È un momento storico per noi»
CANTONE
12 ore
Il prof. Giovanni Pedrazzini in conferenza a Massagno
L'evento, aperto a tutti, permetterà al pubblico di conoscere un luminare del suo ramo, unico ticinese a ricoprire la carica di Presidente della Società Svizzera di Cardiologia
CANTONE
12 ore
Genova e Savona propongono la loro strategia dei trasporti
Dubbi sulla fattibilità della Chiasso-Lugano. Autotrasporto strategico ancora per molti anni a venire
CANTONE
13 ore
Oltre trenta domande sulla politica carceraria
L'interrogazione al Consiglio di Stato si inserisce in un'indagine avviata dal deputato ginevrino Pierre Bayenet
LUGANO
13 ore
Lavori stradali a Viganello, ecco dove fare attenzione
Si terranno di notte, tra il 25 di novembre e il 6 di dicembre
BELLINZONA
13 ore
Haber a Castellinaria: «Chiedo scusa a tutte le donne»
Nell'occhio del ciclone "la performance" sessista dell'attore bolognese domenica sera al festival per ragazzi, soprattutto nei confronti della presentatrice
LUGANO
13 ore
Il LAC supera il milione di presenze
Anche la quarta stagione del centro culturale ha registrato un incremento di pubblico arrivando a quota 280’721
CANTONE
13 ore
Il Mendrisiotto dimenticato e tartassato
Interrogazione di Matteo Quadranti, che chiede al Governo di difendere la stazione internazionale di Chiasso e i momò dal rincaro dei premi di cassa malati e della benzina
FOTO
BELLINZONA
14 ore
Cent'anni di proporzionale a Palazzo delle Orsoline
Una mostra ripercorre le dinamiche che portarono la Confederazione ad introdurre il sistema proporzionale per la ripartizione dei seggi in Consiglio Nazionale
LUGANO
14 ore
Ecco chi ha vinto il premio svizzero Architettura sostenibile
Lo hanno assegnato a Lugano Artecasa e Raiffeisen, a vincere Oppenheim Architecture di Basilea e attivo in tutto il mondo
CANTONE
14 ore
Roberto Bevacqua è il nuovo Capo della Sezione delle finanze del Dfe
Sostituirà Sandro Destefani, ora direttore della Divisione dell'ambiente
GAMBAROGNO
15 ore
Traffico da incubo, torna la “mega rotonda” in zona Pergola
La sua messa in funzione è prevista entro circa 15 giorni. Intanto la colpa delle code viene attribuita anche al cantiere di Luino
CANTONE
15 ore
L'onda verde conquista il Malcantone
Si presenta un neocostituito gruppo ecologista che mira a dare risposte ai problemi urgenti della regione
CANTONE
14.09.2016 - 07:590

Mafia: «In Svizzera non ci sono gli anticorpi per contrastarla»

Secondo l'esperto Nicolas Giannakopoulos, manca la volontà politica di combatterla e ormai tutto il Paese è infettato già da tempo

BELLINZONA - C'è un cancro asintomatico, che si sta diffondendo in Ticino. Non fa rumore, ma riprendendo le parole del presidente dell'associazione delle polizie comunali ticinesi Dimitri Bossalini rilasciate recentemente a «LaRegioneTicino», «sta erodendo il tessuto economico ticinese e non solo».

Questo cancro si chiama "criminalità organizzata" e «non risparmia nessuna regione della Svizzera».

Nicolas Giannakopoulos, criminologo che studia il fenomeno, fondatore dell'Osservatorio sulla criminalità organizzata a Ginevra e che ha scritto un libro sul tema, intervistato da LaRegioneTicino, afferma: «Tutte le organizzazioni criminali mondiali (siciliani, albanesi, cinesi, nigeriani, messicane...) hanno cellule in Svizzera da parecchi decenni. Non solo la mafia calabrese. Ma è solo da 15 anni che le autorità elvetiche hanno iniziato ad affrontare il problema».

La 'ndrangheta, che ha un giro d'affari stimato in 44 miliardi di euro secondo una stima Eurispes, pari quanto a multinazionali come Renault o Novartis, in Svizzera «è da 40 anni che investe e acquista immobili». Ma non solo. Le cosche calabresi puntano sugli appalti. Giannakopoulos, a tal proposito, spiega: «In Svizzera a fare la differenza, negli appalti pubblici o privati, è spesso il prezzo: chi entra con tariffe assolutamente fuori mercato recupera risparmiando sulla manodopera, sul materiale (ossia usando quello più scadente di seconda o terza mano che viene pagato una cifra e rifatturato anche dieci volte tanto) con giri di subappalti che nessuno o quasi controlla e permettono infiltrazioni mafiosi».

In Svizzera, sempre nel nome del risparmio, i controllori sono pochi e i risultati dei controlli eseguiti fanno riflettere: «l'80 % dei cantieri controllati nel Canton Vaud e il 50% a Ginevra è fuori norma».

Il problema di fondo, spiegato sempre dallo studioso del fenomeno, è che gallerie, strade, palazzi costruiti con materiale scadente potrebbero diventare un pericolo per tutti. Ma il problema è che «non interviene nessuno». Manca secondo Giannakopoulos la volontà politica nel volere contrastare il fenomeno. Il rischio che si presenta è che «le ditte sane, rispettose delle norme spariscano, lasciando sul mercato quelle legate al crimine organizzato: in vari cantoni è già così».

Un metodo per combatterla? «La trasparenza totale sulle offerte di tutti i concorrenti: mettiamole online».

Commenti
 
Giancarlo Yayo Menghetti 3 anni fa su fb
sempre avuta e ci sara sempre .... siamo dei creduloni nel pensare di sconfiggerla...una volta era italiana...poi cinese...poi russa ....adesso ..albanese, serba, turca e piu ne ha piu ne metta ...
Mariantonietta Lettieri 3 anni fa su fb
Ivan
Angelo Pignatelli 3 anni fa su fb
Non dimentichiamo che la mafia ne ha fatti girare di soldi nelle banche e a tutti facevano comodo ,anzi fanno comodo tuttora
Lorenzo Alberto Pool 3 anni fa su fb
Merda ?
Accor13 3 anni fa su tio
Bisogna come prima cosa inserire l'associazione mafiosa in Svizzera visto che è comprovato che il fenomeno esiste ormai da decenni! Vi pare normale che la polizia italiana ha filmato una locale di ndrangheta a Freunfield dove vi sono le voci dei mafiosi che dicono di avere le mani in pasta ovunque droga, appalti, prostituzione ecc. Infine, alcuni li hanno condannati solo in Italia per quelli invece che risiedono in Svizzera sono a piede libero per le nostre strade. I magistrati italiani
Accor13 3 anni fa su tio
@Accor13 I magistrati italiani che si occupano di ndrangheta continuano a sollecitarlo alla nostra piccola ma appetitosa Svizzera!
Laura Alberti 3 anni fa su fb
Ecco il frutto delle famose risorse... Anche qua diventerà piano piano "un paese fallito" se i controlli non diventano più severi e trasparenti contro quello schifo di mafia! Se ci fossero leggi più severe forse si limiterebbero molti sporchi affari in diversi ambiti. Gli amici degli amici che collaborano, assunzioni fra parenti e conoscenti, ecc... Se non cambiano le cose, della Svizzera resterà solo un ricordo!
Donato Manetti 3 anni fa su fb
Ovvio fate Svizzeri cani e porci x politica naturalmente anzi li abbiamo in cds.........verificate poi......plr!
Giancarla Boldrini 3 anni fa su fb
In Svizzera, sempre nel nome del risparmio, i controllori sono pochi e i risultati dei controlli eseguiti fanno riflettere: «l'80 % dei cantieri controllati nel Canton Vaud e il 50% a Ginevra è fuori norma Questo e il punto!!!!! Lassismo totale Voluto ? Non lo so! Certo che i figli dei figli di due generazioni di immigrati hanno cambiato ovviamente i valori del tessuto sociale .... Importando culture diverse Non è più come 60 anni fa Mi dispiace
Hirpus 3 anni fa su tio
Colpa degli stranieri, frontalieri...
Elena Xhanino P 3 anni fa su fb
Sai che novità....ma non abbiamo nemmeno leggi efficaci per stroncarla.....hanno sempre fatto gli struzzi....
Luca Civelli 3 anni fa su fb
Non ci sono gli anticorpi perché non li si è voluti avere! Infatti ad arricchirsi facendo affari con le organizzazioni criminali sono da sempre quelli che le dovrebbero contrastare. Non è un segreto. E il segreto bancario? Pensate forse che serva a tutelare la privacy della gente comune?
Robi Lenzi 3 anni fa su fb
Fottuta Novartis.
Alessandro Crippa 3 anni fa su fb
Verissimo. E chi dice il Contrario è colluso
Danny Vanoni 3 anni fa su fb
Scusate, ma il segreto bancario che ha fatto la nostra fortuna per decenni, non era forse una immensa mafia legalizzata??
Nicola Maraviglia 3 anni fa su fb
Non c'é neanche bisogno di porsi la domanda.
Manuela Rada 3 anni fa su fb
Il segreto bancario che ha creato pistilli di lavoro...e ora tutti a casa..
Manuela Rada 3 anni fa su fb
Ops, volevo scrivere posti di lavoro...
Laura Bernasconi 3 anni fa su fb
Giannakopoulos...........esperto di che ????? certo che ormai con le frontiere spalancate e ntra di tutto e di piÙ hahahahaha
Manuela Rada 3 anni fa su fb
Non abbiamo capito niente. È tutto il valore aggiunto importato dalla libera circolazione....????
tazmaniac 3 anni fa su tio
Del resto, sembra abbiamo anche possibili passatori e quant'altro, seduti in governo ... è tutto dire, no?
Sveva Remy 3 anni fa su fb
qui dovrebbe esordire il popolo e pretenderlo !! non si può continuare a dirlo e stare a guardare e intanto ci si entra ancora più nella merda, perchè la mafia è merda, e diventare impantanata da essa come in Italia Spero che la mentalità svizzera dei cittadini sappia schifarla e soprattutto combatterla, pretendendo dalla politica di fare qualcosa e domandagli il perché non lo fa.......suvvia almeno per il bene dei nostri figli e nipoti .....o non si ha coscienza di quel che accadrà se non si interviene ?
Manuela Cadlini 3 anni fa su fb
Verissimo
Gaspare Rigamonti 3 anni fa su fb
Le volontà politiche mancano in tutti gli stati a prescindere da cosa si propone e non giova a loro.
siska 3 anni fa su tio
..non voglio vedere non voglio sentire e NON voglio parlare il risultato= una società gestita da marciume che ha un solo denominatore= denaro pulito o sporco non fa differenza! E poi continuano ad aumentare i costi della vita che pesa e peserà sempre sulle spalle di noi cittadini/e. E le "palle" degli altri girano sempre e comunque a dovere e piacere.
Equalizer 3 anni fa su tio
Non capisco dov'è la sorpresa, ormai è da un paio di decenni che la politica federale dimostra di NON avere attributi ogni vota che si tratta di lavorare su qualsiasi tema che abbia provenienza o relazione con l'estero e si devono mostrare i muscoli. Da Otto Stich in poi ci siamo infilati in un baratro da dove sembra non usciremo più.
Arpac 3 anni fa su tio
Società legali finanziate e sviluppate con fondi illeciti. È tardi, sul money laundering abbiamo reagito con 20 anni di ritardo.
Tiger 3 anni fa su tio
In Svizzera ci sono una miriade di cellule ospiti!
shooter01 3 anni fa su tio
Manca la volontà politica o c'è complicità politica ?
elvetico 3 anni fa su tio
Fra un po' ci conviene cambiare nome alla Nazione: Mafialand invece di Switzerland !
Benji78 3 anni fa su tio
Certo che non ci sono gli anticorpi. Si è sempre voluto fare incetta di capitali esteri senza chiedersi troppo da dove arrivano. Siamo sempre stati il parco giochi di prestanome e ricettatori. Prendiamo aziende sul nostro territorio senza porci alcuna domanda, l'importante che portino qualche introito. Le mafie navigano in questo mare di permissivismo. Sanno che non devono esagerare chiedendo il pizzo o ammazzandosi tra loro, ma che possono fare affari in modo più "pulito" e "lecito", anche perché la torta è grande e ce n'è per tutti, fino adesso. Intanto la piovra allunga i tentacoli e se un giorno ce ne sarà bisogno serrerà la presa.
ZetaCrea 3 anni fa su tio
Ma perchè creare anticorpi? Se non si è mai fatto niente (e mai si farà) è il fatto che va bene così, chi vuole (deve) mangiare, mangia. Gli devono solo dire grazie a chi è sazio e far si che continuino a mangiare. Poi dicono che è importante andare a votare pfff...già solo il fatto che esistono dei partiti in svizzera accompagnato dalla chiesa, è tutto un dire.
kavallo??STORT 3 anni fa su tio
Tutto legalizzato.
tazmaniac 3 anni fa su tio
Per forza non ci sono gli anticorpi, spesso i virus qui da noi creano leggi e siedono in posizioni importanti e/o cariche pubbliche.
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-21 05:48:11 | 91.208.130.86