I ragazzi di 4a media interrogano Manuele Bertoli su “La scuola che verrà”
Foto Michel Zylberberg
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
4 ore
Ben 34 franchi per 9 ore di autosilo: «Ma non mi scandalizzo»
L'episodio diventa lo spunto per una chiacchierata sulla mobilità col futuro sindaco Michele Foletti.
CANTONE
4 ore
Morti sul lavoro: «Assicurare almeno che sia fatta giustizia!»
Una mozione interpartitica chiede un intervento contro le "morti bianche".
FOTO
LUGANO
4 ore
Un pieno(ne) d'endorfine
La terza edizione del Festival luganese è stato un successo. Ben 1'500 persone hanno popolato la Darsena del Ciani.
CANTONE
5 ore
Anticorpi anomali coinvolti nel 20% dei decessi da Covid-19
All'importante scoperta hanno contribuito anche due ricercatori dell'EOC: Alessandro Ceschi e Paolo Merlani.
TENERO-CONTRA/SVIZZERA
5 ore
Oltre 100 milioni per il Centro sportivo di Tenero
91,8 sono previsti per la creazione di un edificio per il nuoto. Altri 12,1 per gli alloggi.
LUGANO
6 ore
Incidente sull'A2, traffico in tilt in direzione sud
Tra lo svincolo di Lugano Nord e la galleria di Grancia è stata chiusa una corsia.
CANTONE
7 ore
Suter con la maglia UDC, Speziali: «Non è il Massimo»
Botta e risposta tra il presidente PLR Speziali e il presidente di GastroTicino che passa all'UDC
CANTONE
7 ore
«Il 9 aprile è stato un giorno molto triste»
Si è concluso il processo per il delitto di Muralto. La sentenza sarà pronunciata venerdì 1. ottobre
CANTONE
7 ore
Nominato un nuovo ufficiale della Polizia cantonale
Alessio Lo Cicero condurrà il nuovo Reparto Giudiziario RG4.
CANTONE
8 ore
Il permesso B? «Non è un reale domicilio»
Il Tribunale federale ha chiarito un punto importante per gli stranieri che chiedono una residenza in Ticino
CASTIONE
10.06.2016 - 07:030
Aggiornamento : 11:52

I ragazzi di 4a media interrogano Manuele Bertoli su “La scuola che verrà”

Alcuni studenti delle medie hanno passato un pomeriggio con il consigliere di Stato Manuele Bertoli per parlare del futuro dell’istruzione

CASTIONE - Gli allievi di quarta media di Castione, nelle scorse settimane, hanno avuto in cattedra un professore d’eccezione: il direttore del Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport (Decs) Manuele Bertoli. Un’occasione per rivolgergli tutte le loro domande sul futuro del sistema educativo ticinese. L’occasione? Un incontro voluto proprio per togliersi ogni curiosità sul progetto “La scuola che verrà”. Preparati e curiosi, i ragazzi hanno pungolato il ministro per capire ogni piega di un'idea che riguarderà soprattutto i loro fratelli minori. “La scuola che verrà”, infatti, è attualmente in consultazione e richiederà ancora qualche anno prima di prendere definitivamente forma e superare gli ostacoli della politica.

«La scuola di oggi funziona» - Quale allenamento migliore, per il consigliere di Stato, se non quello di rispondere ai dubbi di chi tra i banchi siede ogni giorno? Le domande insidiose non si sono fatte attendere. «Una riforma si fa quando qualcosa non funziona, perché farla sulla scuola che, invece, non ha particolari problemi?», ha chiesto una ragazza. «Non è che abbiamo una scuola che dobbiamo rendere accettabile o buona partendo da una scuola cattiva. Ma questo non vuol dire che abbiamo la scuola migliore possibile», le ha risposto il ministro.

Le novità - Le novità previste da “La scuola che verrà” sono molte. Ed è su queste che gli studenti si sono mostrati più curiosi. Non più sole lezioni frontali, ma laboratori e atèlier, dove puntare a un insegnamento il più personalizzato possibile. L’introduzione in modo sistematico del coinsegnamento da parte di più docenti simultaneamente. Non più una settimana fissa per tutto l’anno, ma più griglie orarie che ruotano, così da evitare l’eccessiva frammentazione delle varie discipline. E, ancora, una specie di social network per i docenti ticinesi, dove ci si possa scambiare il materiale più interessante.

Il grande salto - Tutti i ragazzi che hanno incontrato Manuele Bertoli sono ai loro ultimi giorni di scuola media. Pronti per fare il salto verso il mondo del lavoro e dell’istruzione superiore, non si sono lasciati sfuggire l'occasione per chiedere come mai per l'accesso al Liceo non servirà più la media del 4,65. «Perché la questione delle medie è un problema? Perché i vostri professori ogni tanto le medie le aggiustano», ha spiegato Bertoli.

Una scuola inclusiva - Molto si è parlato del concetto di parità di trattamento e di scuola inclusiva, da sempre alla base dell’educazione ticinese. È stato toccante per i giovani, quando il ministro ha spiegato loro come si concedono a tutti le medesime possibilità usando il proprio personale esempio: «Io non ci vedo. Se i miei docenti avessero preteso di farmi leggere dei testi che non potevo leggere, apparentemente mi avrebbero trattato alla pari del mio compagno che poteva leggere, ma nella realtà mi avrebbero imposto una disparità».

Foto Michel Zylberberg
Guarda le 2 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Frankeat 5 anni fa su tio
Tranquilli, ai nosti ragazzi continuano ad insegnare cose che non gli serviranno mai nella vita reale, ma che dovranno comunque imparare per poterle insegnare ai loro figli e via così.
Arpac 5 anni fa su tio
@Frankeat Fine e completamente azzeccato.
Alìbabà 5 anni fa su tio
E' curioso che ogni volta che si parla di scuola si parla di tutto il contorno e mai del contenuto dei programmi. Cosa e come dovrebbe insegnare la scuola in concreto? Qual è il programma d'Italiano, Storia, Geografia, Matematica, Scienze, ecc? Alla fine della scuola dell'obbligo, quali sono le conoscenze che deve avere acquisito un allievo per potere capire la realtà economica, storica e sociale in cui vive (Civica, Storia, Geografia) e saperne discutere a voce e per iscritto nella sua lingua madre (Italiano) e in una o più lingue nazionali? Perché l'Inglese non è insegnato sin dalle elementari quando nelle stesse grandi aziende svizzere è la lingua giornaliera di lavoro? ( vedi Nestlé, Novartis, Roche, ecc). e i cantoni svizzero-tedeschi l'hanno privilegiata? Questa è la scuola, che si può ovviamente affrontare in diverse maniere, ma alla fin fine quello che conta è la conoscenza consapevole per un allievo che presto sarà un adulto con tutte le sue responsabilità, compresa quella del voto che dovrà essere espresso con maturità.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-22 21:55:02 | 91.208.130.85